Bush (gruppo musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bush
Bush 013.jpg
I Bush dal vivo nel 2013
Paese d'origineInghilterra Inghilterra
GenereRock alternativo
Grunge
Periodo di attività musicale1992 – 2002
2010 – in attività
Album pubblicati10
Studio7
Live1
Raccolte2
Sito ufficiale

I Bush sono un gruppo musicale inglese attivo dal 1992.

La loro formazione attuale è composta dal cantante e chitarrista ritmico Gavin Rossdale, dal batterista Robin Goodridge, dal chitarrista Chris Traynor e dal bassista Corey Britz.

Nel 1994, I Bush ebbero un grande successo con l'uscita del loro album di debutto, Sixteen Stone, che ha ricevuto la certificazione di 6 dischi di platino dalla RIAA. Hannno venduto oltre 10 milioni di dischi negli Stati Uniti e 20 milioni stimati a livello mondiale. Nonostante il loro successo negli Stati Uniti, la band era meno conosciuta nel loro paese d'origine e ha goduto solo di un successo marginale.[senza fonte]

I Bush hanno avuto numerosi singoli top ten nelle classifiche di Billboard e un album al primo posto con Razorblade Suitcase nel 1996. La band si sciolse nel 2002 ma si riformò nel 2010, e ha pubblicato tre album da allora: The Sea of Memories (2011), Man on the Run (2014) e Black and White Rainbows (2017).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre del 1992 il cantante e chitarrista Gavin Rossdale e il chitarrista Nigel Pulsford si incontrarono ad un concerto in un club di Londra e decisero di cominciare a suonare insieme, dando vita ad un sound aggressivo ed energetico ma allo stesso tempo melodico, frutto della mediazione delle loro svariate influenze musicali tra le quali emergeva il rock alternativo americano stile Pixies e Nirvana. I due formarono una nuova band che chiamarono "Future Primitive". Descrivendo i primi suoni del gruppo, un dirigente della casa discografica britannica disse anni dopo: «Non erano quello che sono oggi - erano un po 'come il lato più commerciale degli INXS». La coppia ha poi reclutato il bassista Dave Parsons e il batterista Sacha Gervasi per completare la line-up. Il gruppo scelse presto il nome "Bush", prendendo il nome da Shepherd's Bush, a Londra, dove vivevano i membri della band.

Sixteen Stone e il successo (1994)[modifica | modifica wikitesto]

Assistendo ad un loro concerto, il batterista Robin Goodridge rimane affascinato dal suono della band e propone al gruppo di entrarvi a far parte in sostituzione di Sacha Gervasi, da lui ritenuto scadente. Ottiene il ruolo ed alla fine del 1993 il gruppo firma un contratto discografico con la neonata Trauma Records ed incide il primo album Sixteen Stone con i produttori Clive Langer e Alan Wistanley, album che venderà otto milioni di copie in cinque anni.

Da Sixteen Stone viene estratto un fortunato singolo, Everything Zen, il cui video diretto da Matt Mahurin entra in heavy rotation sull'emittente televisiva musicale MTV e conquista i primi posti delle classifiche alternative. Il successo di Everything Zen si ripete con altre canzoni estratte dall'album d'esordio, in particolare con Glycerine. Le radio rock trasmettono massicciamente i brani dei Bush, nel frattempo impegnati in ben 230 concerti negli Stati Uniti per la promozione dell'album.

Il numero di fan cresce vertiginosamente, coadiuvato dall'esposizione mediatica fornita al gruppo da riviste come Rolling Stone e Details.

Razorblade Suitcase (1996)[modifica | modifica wikitesto]

Terminato il tour di Sixteen Stone nel maggio del 1996 con due memorabili concerti a Red Rocks, i Bush cominciano subito a lavorare al secondo album Razorblade Suitcase. Si avvalgono dell'esperienza dell'ingegnere del suono e produttore Steve Albini ed incidono i tredici brani del disco nello Studio Due di Abbey Road.

L'album debutta direttamente al primo posto della classifica di Billboard nel novembre del 1996, spinto dai singoli Swallowed, Greedy Fly e Cold Contagious. Tutto l'album è permeato da una sorta di introspezione di fondo che si contrappone all'urgenza di Sixteen Stone; gli arrangiamenti si fanno più ricercati e le dinamiche molto più varie[senza fonte]. Nonostante questo, parte della critica continua ad esprimere sul gruppo opinioni poco lusinghiere, etichettando i Bush come una copia poco originale dei Nirvana.[senza fonte]

Il successivo album, uscito nel 1997, si intitola Deconstructed e contiene una serie di remix dei singoli di maggior successo.

The Science of Things[modifica | modifica wikitesto]

La svolta per la band arriva nel 1999 con l'album The Science of Things, album in cui i Bush operano una profonda sperimentazione sui brani e rivolgono profondamente il loro suono alla musica elettronica, includendo nelle canzoni sample vari, drum-machines e loops. Brani quali The Chemicals Between Use Warm Machine conservano l'energia degli esordi ma si arricchiscono di arrangiamenti Nell'estate dello stesso anno si esibiscono come headliner al festival Woodstock 1999.

Golden State e scioglimento (2001)[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del 2001, il gruppo ritorna al suono delle origini con l'album Golden State, da cui vengono estratti tre singoli: The People That We Love, Headful of Ghosts e Inflatable. Al tour promozionale di Golden State si unisce il chitarrista degli Helmet Chris Traynor che alcuni mesi dopo sostituirà il chitarrista fondatore Nigel Pulsford, allontanatosi dalla band per trascorrere più tempo con la propria famiglia.

Il frontman Gavin Rossdale (nel frattempo sposatosi con la cantante dei No Doubt Gwen Stefani) pur non escludendo in futuro un possibile nuovo lavoro dei Bush, decide tuttavia di impegnarsi a tempo pieno con gli Institute e alla sua nascente carriera d'attore (da ricordare la partecipazione al film Zoolander con Ben Stiller e a Constantine con Keanu Reeves).

Reunion e The Sea of Memories (2010)[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 giugno 2010 è stato annunciato che i Bush avrebbero suonato per la prima volta dopo otto anni al secondo festival annuale di Epicentre Music Festival, a Fontana, in California, il 25 settembre 2010. I membri fondatori Nigel Pulsford e Dave Parsons decisero di non riunirsi alla band, con Rossdale che affermava: «Ho parlato molto con Nigel e ogni volta che faccio un disco gli chiedo di farlo. È felice e non è qualcosa che voleva fare - ha una famiglia. Ho parlato con Dave. Sono rimasto sorpreso perché pensavo che lo avrebbe fatto. Ci pensò per il fine settimana e poi disse che non poteva. Non voleva impegnarsi e poi tornare indietro - non sapeva per quanto tempo avrebbe potuto stare in un tour. Richiede una quantità assurda di energie.»

I successori di Pulsford e Parsons furono rispettivamente Chris Traynor e Corey Britz. Traynor aveva anche partecipato a Pulsford durante il Golden State Tour. La nuova line-up ha suonato sette spettacoli nel 2010, eseguendo brani dei precedenti quattro album dei Bush e una nuova canzone, Afterlife.

Gavin ha annunciato alla radio che il loro nuovo album era stato intitolato The Sea of Memories ed è stato rilasciato a settembre e ha raggiunto la posizione numero 18 della Billboard 200. Il primo singolo dell'album, The Sound of Winter è stato pubblicato nel Luglio 2011 e ha raggiunto il primo posto nella classifica di Billboard Alternative Songs. Il secondo singolo tratto dall'album è: Baby Come Home.

Il 19 novembre 2011, I Bush hanno suonato in un live set per Guitar Center Sessions su DirecTV. L'episodio includeva un'intervista con il programma ospite, Nic Harcourt.

La loro canzone Into The Blue è stata inclusa nell'album della colonna sonora di The Avengers, pubblicato l'1 maggio 2012. Sono stati in tour con i Nickelback nel loro tour Here and Now.

Man on the Run e Black and White Rainbows (2014-oggi)[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 marzo 2014 i Bush, con il produttore Nick Raskulinecz, hanno iniziato a registrare il sesto album in studio. Man on the Run esce il 18 agosto 2014. L'album contiene i singoli The Only Way Out e People at War.

Nel novembre 2014, la band ha annunciato le date dei tour per i primi mesi del 2015 a partire dal 30 gennaio.

Il 10 marzo 2017 esce Black and White Rainbows, prodotto da Bob Rock, è il settimo album in studio per la band. Contiene i singoli Mad Love, Lost in You e The Beat of Your Heart.

L'album ha ricevuto critiche contrastanti ma ha ottenuto un buon riscontro commerciale. È uscita inoltre una edizione deluxe contenenti nuovi brani e versioni estese di alcuni già presenti nella prima edizione.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale
Ex componenti
  • Nigel Pulsford – chitarra, cori (1992-2002)
  • Dave Parsons – basso (1992-2002)
  • Sacha Gervasi – batteria, percussioni (1992)
  • Amir – batteria, percussioni (1992)
  • Spencer Cobrin – batteria, percussioni (1992)
Turnisti

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Album dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

Apparizioni in compilation[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN143863881 · ISNI (EN0000 0001 0668 6005 · LCCN (ENno96011707 · GND (DE4543066-4 · BNF (FRcb13975544s (data)
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock