Breda Ba.205

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Breda Ba.205
Descrizione
Tipoaereo da addestramento
Equipaggio2
ProgettistaVittorio Calderini
CostruttoreItalia Breda
Data primo volo4 aprile 1942
Data entrata in serviziomai
Esemplari2
Dimensioni e pesi
Lunghezza7,68 m
Apertura alare9,90 m
Altezza3,00 m
Superficie alare21,90
Peso a vuoto1 030 kg
Peso max al decollo1 336 kg
Propulsione
Motoreun Isotta Fraschini Beta RC.10
Potenza280 CV (368 kW) ciascuno
Prestazioni
Velocità max244 km/h
Velocità di crociera210 km/h
Autonomia570 km
Tangenza7 700 m

i dati sono estratti da Aerei Italiani[1] e Уголок неба[2]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Breda Ba.205 fu un aereo da addestramento con capacità acrobatiche, monomotore biplano, sviluppato dalla divisione aeronautica dell'azienda italiana Società Italiana Ernesto Breda a cavallo degli anni trenta e quaranta e rimasto allo stadio di prototipo.

Venne proposto su richiesta della Regia Aeronautica ma a causa delle caratteristiche non conformi alle specifiche richieste venne accantonato in attesa di ulteriori sviluppi e quindi, a causa dello svolgersi della Seconda guerra mondiale, non più ripreso.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1938 la Direzione del Genio e delle Costruzioni Aeronautiche (DGCA) e la Regia Aeronautica espressero l'esigenza di poter disporre di un nuovo velivolo destinato all'addestramento acrobatico ad alte prestazioni dei propri piloti. A tale scopo venne istituito il Comitato Progetti, un apposito comitato incaricato di stabilire ed emettere una specifica, modificata in corso d'opera almeno due occasioni (5 settembre 1938 e 11 ottobre 1939), che verrà comunicata nella sua forma definitiva il 21 marzo 1940. Tra i requisiti richiesti vi era la tassativa condizione per l'utilizzo del motore, l'Isotta Fraschini Beta (6 cilindri, 280 CV) o il CAN D. VIII (8 cilindri, 300 cv).[2]

Al concorso risposero sei aziende italiane con i loro progetti, richiamate dalla possibilità, vista la particolare tipologia del velivolo, di aggiudicarsi una consistente commessa; la Breda, che presentò il suo Ba.92, la Caproni con tre modelli, il Caproni Vizzola CV.3, il Caproni Ca.214 sviluppato a Taliedo ed il Caproni Predappio Ca.602, la CANSA con il CANSA FC.11, e l'IMAM con il Ro.71. Dopo un esame preliminare la commissione decise di assegnare a Breda, IMAM e Caproni Predappio la possibilità di fornire due prototipi per le valutazioni comparative.[2]

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Il Ba.205 era un velivolo dall'impostazione classica e non particolarmente moderna, monomotore biplano con carrello fisso, scelta per ottimizzare le doti di maneggevolezza tipiche dei velivoli dotati di doppia velatura.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Breda Ba.205, in Aerei Italiani, http://www.aerei-italiani.net/. URL consultato il 10 lug 2010.
  2. ^ a b c Breda Ba.205 in Уголок неба.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • (ITEN) AeroFan No.14 (1982/2) dal CANT 7 al CANT 18; I Caccia Nieuport-Macchi; Gli Spitfire Dell'A.M.I; Breda 205.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]