Breda Ba.75

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Breda Ba.75
Breda Ba.75 front quarter view.jpg
Descrizione
Tipocacciabombardiere multiruolo
aereo da ricognizione
assaltatore
Equipaggio3
ProgettistaAntonio Parano
Giuseppe Panzeri
CostruttoreItalia Breda
Data primo volo1939
Data entrata in serviziomai
Esemplari1
Altre variantiBreda Ba.88
Dimensioni e pesi
Lunghezza11,20 m
Apertura alare15,50 m
Altezza3,00 m
Superficie alare36,15
Peso a vuoto2 600 kg
Peso max al decollo4 600 kg
Propulsione
Motoreun radiale Isotta Fraschini K.14
Potenza900 CV (662 kW)
Prestazioni
Velocità max375 km/h
Autonomia1 700 km
Tangenza7 000 m
Armamento
Mitragliatrici2 × Breda-SAFAT calibro 7,7 mm
Bombe500 kg

i dati sono estratti da Уголок неба.[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Breda Ba.75 era un cacciabombardiere multiruolo monoplano ad ala media realizzato dalla italiana Società Italiana Ernesto Breda negli anni trenta e rimasto allo stadio di prototipo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto del Ba.75 deriva dall'esigenza di ammodernamento del predecessore Ba.65, il quale pur distinguendosi nella guerra civile spagnola si rivelò ben presto superato. Il nuovo progetto, affidato nuovamente agli ingegneri Antonio Parano e Giuseppe Panzeri, si differenziava nell'adozione di un nuovo posizionamento dell'ala, da una migliore corazzatura, dalla cabina più capiente atta a dare spazio al pilota, all'osservatore ed al puntatore, quest'ultimo agevolato dall'ampia finestratura utilizzata sulla parte inferiore della fusoliera. La maggiore altezza da terra dell'ala comportò anche un ritorno al carrello d'atterraggio fisso in quanto la lunghezza del carrello era troppo elevata per poter riutilizzare la precedente soluzione semiretrattile.

Il solo esemplare realizzato, al quale era stata assegnata la matricola militare MM.301, venne completato per i primi test di volo all'inizio del 1939 quando oramai la tipologia multiruolo del velivolo era considerata obsoleta. La Regia Aeronautica dichiarò che non era interessata al progetto, causandone l'arresto dello sviluppo già nel 1940. La Breda dopo aver provato senza successo a proporlo ad altre nazioni decise di abbandonare definitivamente il progetto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Breda Ba.75 in Уголок неба.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]