Bookmark

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I Bookmark ("Segnalibro" in italiano) indicano i collegamenti all'URL (o l'indirizzo, se si trova in locale) di una particolare pagina web o di un file visualizzabile tramite browser. I bookmark rendono più veloce la consultazione di siti web visitati di frequente evitando che gli utenti ricordino necessariamente gli indirizzi (soprattutto se un deep link).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

I bookmark sono stati quasi sempre inseriti nei web browser, già da Mosaic, e sono normalmente salvati nel client, come se fosse una cartella in cui organizzare i propri documenti.

Attualmente sia Mozilla Firefox che Google Chrome permettono di registrare il proprio bookmark anche in remoto, previa registrazione di un account personale. Usando lo stesso browser su computer diversi, i bookmark saranno aggiornati automaticamente. Vari programmi shareware o situati in un server sul web sono stati sviluppati per migliorare i segnalibri, ma nessuno di questi ha suscitato grande interesse tra gli utenti.

I bookmark nel browser Internet Explorer, creato dalla Microsoft, sono chiamati "Preferiti". In Mosaic (e nelle vecchie versioni di Opera), i bookmark sono chiamati "Hotlists", in Mozilla Firefox si dicono "Segnalibri".

I live bookmarks, la versione più recente di bookmark, è inclusa in Mozilla Firefox dal 2004 . Usando i feed RSS e Atom, i live bookmarks possono essere situati nella barra dei segnalibri o nella lista come se fossero segnalibri normali, ma regolarmente aggiornati con una lista di link sugli articoli recenti di un sito o di un blog. Anche con Chrome e Internet Explorer è possibile gestire i feed.

Esistono anche portali studiati per utilizzare e gestire online i propri bookmarks e feed RSS, in modo da averli sempre a disposizione a prescindere dal computer dal quale si sta accedendo alla Rete.

Ecco alcuni esempi:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]