Barry Quinn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Barry Quinn
Nome Barry Scott Quinn
Nazionalità Irlanda Irlanda
Altezza 183 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Ritirato 2012
Carriera
Squadre di club1
1996-2004 Coventry City 83 (0)
2004 Rushden 4 (0)
2004 Oxford Utd 6 (0)
2004-2009 Oxford Utd 193 (6)
2010-2012 Brackley Town ? (?)
Nazionale
2000 Irlanda Irlanda 4 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Barry Scott Quinn (Dublino, 9 maggio 1979) è un ex calciatore irlandese, di ruolo difensore.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Quinn ha firmato per il Coventry City nel 1996. Ha giocato ottantatré partite per il club, prima di essere ceduto in prestito al Rushden & Diamonds nel gennaio 2004, al tempo militante in Football League One. Dopo quattro apparizioni per il Rushden, è tornato al Coventry, che lo ha ceduto nuovamente in prestito, questa volta all'Oxford.

Al termine di questa esperienza, è stato svincolato dagli Sky Blues ed ha firmato proprio per l'Oxford, a maggio 2004. Al termine della stagione 2006-2007 ha vinto il premio come "Calciatore dell'anno", votato dagli altri giocatori. Poco dopo il premio, è stato rivelato che, dalla stagione successiva, Barry sarebbe stato il capitano dell'Oxford.

Il 30 aprile 2009 il club ha annunciato il termine del rapporto contrattuale col giocatore; Quinn, tra l'altro, era fermo per infortunio dal novembre 2008.[1]

Nel luglio 2010 si è trasferito al Brackley Town,[2] con cui ha concluso la sua carriera.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Barry ha giocato 4 volte per l'Irlanda: ha debuttato il 26 aprile 2000, nella sconfitta per 0-1 contro la Grecia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Quinn is axed in Oxford clear-out, BBC Sport, 28 aprile 2009. URL consultato il 21 aprile 2016.
  2. ^ (EN) Goalkeeper Billy Turley tips Brackley Town for success, BBC Sport, 29 luglio 2010. URL consultato il 21 aprile 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]