Barbablù (film 1972)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Barbablù
Barbablu 1972.jpg
Richard Burton e Agostina Belli
Titolo originaleBluebeard
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneFrancia, Italia, Germania Ovest
Anno1972
Durata125 min
Rapporto1.85 : 1
Generedrammatico, orrore
RegiaEdward Dmytryk, in collaborazione con Luciano Sacripanti
SceneggiaturaEnnio De Concini, Edward Dmytryk, Maria Pia Fusco
ProduttoreAlexander Salkind
Casa di produzioneGloria Film
Distribuzione (Italia)USA Home Video, OB Films, Kino Vista
MusicheEnnio Morricone, Maria Pia Fusco (non accreditata)
Interpreti e personaggi

Barbablù (Bluebeard) è un film del 1972 diretto da Edward Dmytryk e firmato per il mercato italiano dall'assistente alla regia Luciano Sacripanti. Scritto da Ennio De Concini e Maria Pia Fusco, il film rielabora in chiave psicologica la fiaba di Charles Perrault, ambientandola nella Germania dell'avvento Nazista.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Anne, la splendida moglie americana dell'aristocratico barone von Sepper - noto per la tonalità bluastra della sua barba e per la passione per le donne - scopre un antro segreto nel castello di suo marito, nel quale sono congelati i corpi delle sue precedenti mogli. Quando Anne chiede spiegazioni al marito, questi le risponde che ha trovato una facile e rapida alternativa al divorzio.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Richard Burton è Barbablù. Le sue sette mogli sono Raquel Welch, Virna Lisi, Agostina Belli, Marilù Tolo, Nathalie Delon, Karin Schubert e Joey Heatherton.

La musica è di Ennio Morricone. Le riprese sono state effettuate a Budapest.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema