Augusto Blotto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Augusto Blotto nel 2009.

Augusto Blotto (Torino, 12 marzo 1933) è un poeta italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1950 e il 1951 Blotto produsse circa 4000 pagine e 18 volumi, dieci dei quali verranno pubblicati - con inserzioni e riscritture - a partire dal 1958 per i tipi di Schwarz, ma soprattutto per Rebellato. A questo periodo risalgono anche i romanzi e i racconti, rimasti inediti e rinnegati dall'autore.

Nell'estate del 1950 si unì a una piccola delegazione italiana che partì alla volta della Lega dei Comunisti di Jugoslavia. Da questa esperienza, frutto di una giovanile passione politica trotzkista/titoista, Blotto acquisisce i materiali per il libro 1950, CIVILE (La stanchezza iniziale – I), primo volume dell'opera riconosciuta dall'autore.

Allievo del francesista Luigi Foscolo Benedetto all'Università di Torino, abbandona una possibile carriera accademica per un impiego in una piccola fabbrica di bilance, abbracciando una condizione di solitudine e anonimato per dedicarsi esclusivamente alla propria opera.

Infatti, dal 1952 al 1956 si può collocare il secondo periodo dell'autore, con i tre volumi Nell'insieme, nel pacco d'aria, che constano di 4500 pagine complessive. La folta attività di questo periodo si è trasformata nell'operosa produzione della maturità, nel decennio che va dal 1957 al 1967. Questo terzo periodo segna anche una più accentuata presenza editoriale: uno o più volumi di cospicua mole, stampati ogni anno dal 1958 al 1968.

Gli anni settanta e ottanta rappresentano un quarto periodo più aspro e controverso, caratterizzato da componimenti più rari e brevi. Contemporaneamente si registra una assoluta autocancellazione editoriale, mentre si nota un maggior coinvolgimento nella vita attiva e l'inizio di un'autonoma attività imprenditoriale che proseguirà fino all'età di 74 anni (trattazione di impianti per l'industria petrolifera, del gas, del cemento).

Dalla fine degli anni ottanta si approda ad un quinto periodo di ritrovata fecondità creativa, e anche ad una parziale ripresa della visibilità. Alla fine del 2002 risale l’avvio di Ragioni, a piene mani, per l’«enfin!», opera ancora in corso, che consta attualmente di oltre 2500 pagine. Dal suo corpus sono stati prelevati negli anni testi per volumi antologici, plaquettes, blog.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Volumi pubblicati[modifica | modifica wikitesto]

  • Magnanimità (1951), Schwarz, Milano, 1958.
  • Il 1950, civile (La stanchezza iniziale – I), Rebellato, Padova, 1959.
  • Dolcezza, bonomia (La stanchezza iniziale – II), Rebellato, Padova, 1959.
  • Una via di furbizia (poesie del dicembre), Rebellato, Padova, 1959.
  • Trepide di prestigio, Rebellato, Padova, 1959.
  • I fogliami – la frivolezza legnosa e culturale, Rebellato, Padova, 1959.
  • Autorevole e tanto disperso, Rebellato, Padova, 1960.
  • Castelletti, regali, vedute, Rebellato, Padova, 1960.
  • I boli (i baldi), Rebellato, Padova, 1960.
  • Svenevole a intelligenza (1959), Rebellato, Padova, 1961.
  • La forza grossa e varia (Dal baffo del modesto, del sorriso, l'accettato, e l'intero), Rebellato, Padova, 1962.
  • Le proprie possibilità (1958), Rebellato, Padova, 1962.
  • Tranquillità e presto atroce (1960-61), Rebellato, Padova, 1963.
  • La popolazione (1960), Rebellato, Padova, 1964.
  • Sempre lineari, sempre avventure (1961), Rebellato, Padova, 1965.
  • Gentile dovere di congedare vaghi (1962), Rebellato, Padova, 1966.
  • Davanti a una cosa (1963), Rebellato, Padova, 1967.
  • Il clamoroso non incominciar neppure (1963-64), Rebellato, Padova, 1968.
  • Con sorpresa, con stare (1982-84), prefazione di R. Rossi Precerutti, L'Angolo Manzoni, Torino, 1997.
  • La vivente uniformità dell'animale, saggio introduttivo di S. Agosti, Manni, Lecce, 2003.
  • Belle missioni, da una terra fisa (L'invio, adeguato, fiducioso), una lettura di M. Larocchi, disegno di A. Hollan, Anterem, Verona, 2005.
  • a piene mani - 5 poesie inedite, presentazione di Stefano La Notte, [dia•foria, Viareggio, 2011
  • Poesie Ticinesi, Alla chiara fonte, Viganello Lugano, 2012.
  • I mattini partivi – Poesie per un angolo di pianura 1951-2012, Nino Aragno, Torino, 2013.
  • In Francia e Autunno, Coup d’Idée Edizioni d’Arte, Torino, 2015.
  • Veramente, quando - 1967 , ADV, Lugano, 2016.
  • Ragioni, a piene mani, per l’«enfin!», [dia•foria/dreamBOOK edizioni, Viareggio/Pisa, 2021

Antologie[modifica | modifica wikitesto]

  • Po&sie, n.109, 2004, 30 ans de poésie italienne - IV Augusto Blotto
  • Augusto Blotto - A piedi, in Torino città narrata, a cura di Giovanna Ioli, Viennepierre, Milano, 2005.
  • LA NOUVELLE REVUE FRANÇAISE, n°583, Octobre 2007. "Poésies italiennes I" – Dossier préparé et présenté et traduit par Philippe Di Meo.
  • Augusto Blotto, in Poeti per Torino, a cura di Roberto Rossi Precerutti, Viennepierre, Milano, 2008.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ivelise Ghione, La rima comincia a quarant'anni, in "L'Espresso", XII, 15, 10 aprile 1966, p. 17.
  • Umberto Eco, L'Industria del genio italico in "L'Espresso colore", 18, 3 maggio 1970, ripubblicato con modifiche, in La memoria vegetale e altri scritti di bibliofilia, Bompiani, Milano, 2007.
  • Sergio Solmi, Il poeta Blotto, in Paragone, XXII, 252, febbraio 1971, pp. 116-121.
  • Poesia, Crocetti, marzo 1999, n°126, "Inediti Augusto Blotto, La felicità del compiersi"; Augusto Blotto, Le relazioni tra il tutto - di Roberto Rossi Precerutti
  • Giovanni Tesio, Come va stretto il mondo al demiurgo della poesia, "La Stampa", 20 marzo 2004.
  • Stefano Agosti, La lingua dell'evento, da "Forme del testo", Cisalpino, Milano, 2004.
  • M. Larocchi, Il cardo nel cuore, da "Il tavolo di lettura", Manni, Lecce, 2006.
  • Guido Davico Bonino, Federico Faloppa, Catalogo degli scrittori in Piemonte, G. Bolaffi, Torino, 2009.
  • Il clamoroso non incominciar neppure – Atti della Giornata di studio in onore di Augusto Blotto – Torino, Archivio di Stato, 27 novembre 2009 - Edizioni dell'Orso, Alessandria, 2010 (il libro monografico sul poeta comprende saggi di: Giovanni Tesio, Stefano Agosti, Philippe Di Meo, Marco Conti, Giorgio Barberi Squarotti, Dario Capello, Anna Grazia D'Oria, Emilio Jona, Stefano La Notte, Marica Larocchi, Sandro Montalto, Antonio Rossi, Roberto Rossi Precerutti, Giovanna Ioli)
  • Emilio Jona, Una ipervisione del mondo, in "L'Indice dei libri del mese", 7-8, 2013, P. 19.
  • Sandro Montalto, voce Blotto, Augusto in Dizionario critico della poesia italiana.1945-2020, a cura di Mario Fresa, Società Editrice Fiorentina, Firenze, 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN46481516 · ISNI (EN0000 0001 1875 6197 · SBN IT\ICCU\SBLV\026365 · LCCN (ENno2004100101 · WorldCat Identities (ENlccn-no2004100101