Arcidiocesi di Dar-es-Salaam

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arcidiocesi di Dar-es-Salaam
Archidioecesis Daressalaamensis
Chiesa latina
St. Joseph in Dar es Salaam.jpg
Diocesi suffraganee
Dodoma, Ifakara, Kondoa, Mahenge, Morogoro, Tanga, Zanzibar
Arcivescovo metropolita cardinale Polycarp Pengo
Ausiliari Eusebius Alfred Nzigilwa,
Titus Joseph Mdoe
Sacerdoti 187 di cui 47 secolari e 140 regolari
7.647 battezzati per sacerdote
Religiosi 261 uomini, 458 donne
Abitanti 4.800.000
Battezzati 1.430.000 (29,8% del totale)
Superficie 40.000 km² in Tanzania
Parrocchie 50
Erezione 16 novembre 1887
Rito romano
Cattedrale San Giuseppe
Indirizzo P.O. Box 167, Dar-es-Salaam, Tanzania
Sito web dsmcatholic.tripod.com
Dati dall'Annuario Pontificio 2007 * *
Chiesa cattolica in Tanzania

L'arcidiocesi di Dar-es-Salaam (in latino: Archidioecesis Daressalaamensis) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica. Nel 2006 contava 1.430.000 battezzati su 4.800.000 abitanti. È attualmente retta dall'arcivescovo cardinale Polycarp Pengo.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

L'arcidiocesi comprende per intero la regione di Dar es Salaam e la parte centro-meridionale della regione di Pwani in Tanzania.

Sede arcivescovile è la città di Dar-es-Salaam, dove si trova la cattedrale di San Giuseppe.

Il territorio è suddiviso in 50 parrocchie.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La prefettura apostolica di Zanguebar meridionale fu eretta il 16 novembre 1887, ricavandone il territorio dal vicariato apostolico di Zanguebar (oggi arcidiocesi di Nairobi).

Il 15 settembre 1902 la prefettura apostolica fu elevata a vicariato apostolico.

Il 10 agosto 1906 assunse il nome di vicariato apostolico di Dar-es-Salaam.

Il 12 novembre 1913 e il 3 marzo 1922 cedette porzioni del suo territorio a vantaggio dell'erezione rispettivamente delle prefetture apostoliche di Lindi (oggi arcidiocesi di Songea) e di Iringa (oggi diocesi).

Il 25 marzo 1953 il vicariato apostolico è stato elevato al rango di arcidiocesi metropolitana in forza della bolla Quemadmodum ad Nos di papa Pio XII.

Il 21 aprile 1964 ha ceduto un'altra porzione di territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Mahenge.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica sorgente]

  • Bonifatius (Magnus) Fleschutz, O.S.B. † (18 novembre 1887 - 29 gennaio 1891 deceduto)
  • Maurus (Franz Xaver) Hartmann, O.S.B. † (1º luglio 1894 - 15 settembre 1902 dimesso)
  • Cassian (Franz Anton) Spiß, O.S.B. † (15 settembre 1902 - 14 agosto 1905 deceduto)
  • Thomas (Franz Xaver) Spreiter, O.S.B. † (13 marzo 1906 - 24 novembre 1920 dimesso)
  • Joseph Gabriel Zelger, O.F.M.Cap. † (15 febbraio 1923 - 5 luglio 1929 dimesso)
  • Edgard Aristide Maranta, O.F.M.Cap. † (27 marzo 1930 - 19 dicembre 1968 dimesso)
  • Laurean Rugambwa † (19 dicembre 1968 - 22 luglio 1992 ritirato)
  • Polycarp Pengo, succeduto il 22 luglio 1992

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2006 su una popolazione di 4.800.000 persone contava 1.430.000 battezzati, corrispondenti al 29,8% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 46.850 500.000 9,4 51 4 47 918 85 51 19
1969 48.000 764.861 6,3 44 5 39 1.090 50 81 13
1980 200.000 1.385.000 14,4 41 6 35 4.878 45 90 29
1990 439.900 1.432.000 30,7 48 13 35 9.164 45 129 20
1999 554.578 3.217.067 17,2 99 27 72 5.601 99 229 33
2000 869.340 4.187.564 20,8 112 31 81 7.761 115 242 36
2001 900.500 4.500.000 20,0 125 30 95 7.204 129 292 38
2002 1.300.500 4.500.000 28,9 131 36 95 9.927 130 303 41
2003 1.000.500 4.600.000 21,8 129 32 97 7.755 134 322 41
2004 1.416.400 4.720.600 30,0 129 32 97 10.979 135 321 44
2006 1.430.000 4.800.000 29,8 187 47 140 7.647 261 458 50

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi