Arbutus andrachne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Corbezzolo greco
Arbutus andrachne1.jpg
Foglie e fiori di A. andrachne
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Ericales
Famiglia Ericaceae
Sottofamiglia Arbutoideae
Genere Arbutus
Specie A. andrachne
Nomenclatura binomiale
Arbutus andrachne
L., 1759[1]

Arbutus andrachne (L., 1759), comunemente chiamato corbezzolo greco o corbezzolo di cipro, è un cespuglio sempreverde o un piccolo albero della famiglia Ericaceae, nativa del bacino del Mediterraneo, del Medio Oriente e dell'Asia sudoccidentale.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

A. andrachne è un cespuglio o piccolo albero sempreverde che può raggiungere gli 8 m di altezza. La corteccia è rossiccia e si sfoglia in lamine. Le foglie sono oblunghe, con margini interi o seghettati, di tessitura coriacea, lunghe da 5 a 10 cm e di colore verde scuro nella faccia superiore, verde chiaro nella inferiore. I fiori sono raggruppati in pannocchie erette di colore bianco, sono ermafroditi e profumati. I suoi insetti impollinatori sono le api. Il frutto è una piccola bacca sferica di colore rosso-arancione di diametro compreso fra 1 e 1,5 cm, con la superficie ruvida e granulare. Il frutto è commestibile e di sapore dolce. I semi maturano in autunno. Il legno è duro e granulare.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È una tipica essenza della macchia mediterranea, diffusa nel bacino del Mediterraneo, nel Medio Oriente e nell'Asia sudoccidentale.

Coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

Si riproduce fondamentalmente da seme, essendo molto complicata la riproduzione per talea. Prima di essere piantato, il seme deve restare alcuni giorni in acqua tiepida. Il semenzaio deve essere posizionato in un luogo ombroso. I semi germinano in circa due-tre mesi.

Prospera in tutti i tipi di suolo, tranne in quelli calcarei, sia che siano umidi o secchi. Cresce lentamente e non tollera i trapianti. Si può piantarlo da sole pieno a mezza ombra e sopporta bene i freddi non troppo intensi (fino a -15 °C). Gli esemplari adulti tollerano bene i periodi di siccità.

Fogliame di Arbutus andrachne.

Utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

A. andrachne si coltiva per i suoi frutti, il suo legno, per la costruzione di recinzioni e come albero ornamentale. L'uso alimentare dei frutti è molto conosciuto. Con essi si preparano:

  • Marmellate e confetture;
  • Bibite alcoliche ottenute per fermentazione;
  • Prodotto confezionato in sciroppo: questo uso sembra essere molto più comune e conosciuto nei paesi asiatici.

Non si conoscono impieghi come medicinale, sebbene sia utilizzato in omeopatia per il trattamento di eczemi, lombalgie e disturbi vescicali.

questo corbezzolo greco è una ottima pianta mellifera, si ottiene un miele con il retrogusto amaro. fiorisce in marzo-aprile, quindi è più facile dell'altro corbezzolo bottinare per le api.

Giardinaggio[modifica | modifica wikitesto]

Il botanico Peter Collinson riferì che Arbutus andrachne fiorì per la prima volta in Inghilterra nel 1765, negli estesi giardino botanico e serre del Dott. John Fothergill a Upton House, Essex (ora West Ham Park)[2].

Nella letteratura[modifica | modifica wikitesto]

« C'era sulla strada un piccolo albero che recava un frutto alquanto più grande delle nostre ciliegie più grandi e con forma e gusto delle fragole, ma un po' più acido. È piacevole mangiarlo. Ma se ne si è assunta una grande quantità, dà alla testa e intossica. Il frutto matura tra Novembre e Dicembre. »

Dalla descrizione sembra che sia l'arbutus Andrachne...[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^  La specie fu descritta e pubblicata per la prima volta nel Systema Naturae, ed. 10. 2: 1024. 1759. Plant Name Details for Arbutus andrachne, in IPNI. URL consultato il 10 marzo 2012.
  2. ^ Ann Leighton, American Gardens in the Eighteenth Century: 'For Use or Delight' , 1976:395; Leighton misidentifies it with Arbutus unedo; Georg Dionysius Ehret, "A description of the Andrachne" Philosophical Transactions of the Royal Society 57 (1767)
  3. ^ Thomas Wright, Early Travels in Palestine, comprising the narratives of Arculfus (Bp.); Willibald; Benjamin (of Tudela); Bernard (the Wise.); Bertrandon de la Broquière; John Mandeville (Sir.); Sæwulf; Sigurd (the crusader); Henry Maundrell, 1848.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica