Antropologia criminale (disciplina)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Antropologia criminale (letteralmente una combinazione dello studio della specie umana e lo studio dei criminali) è un campo di profili di reato, in base ai collegamenti percepiti tra la natura di un reato e la personalità o l'aspetto fisico dell'autore dello stesso. Naturalmente è una pseudoscienza, che inoltre si ispira molto alla frenologia, altra pseudoscienza.

L'iniziatore di questa pseudoscienza in Italia è ritenuto Cesare Lombroso che la applicò anche allo studio dei brigantaggio postunitario italiano presunti tali , nel museo di Antropologia Criminale “Cesare Lombroso” dell’Università di Torino sono conservati ancora oggi i resti e i crani di alcuni briganti studiati dopo la fucilazione, assieme a quelli di molti criminali comuni che costituivano i soggetti della ricerca antropologica lombrosiana.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]