Antonino D'Agostino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonino D'Agostino
Nazionalità Italia Italia
Altezza 173 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Squadra Tortolì
Carriera
Squadre di club1
1997-1998Lascaris23 (5)
1998-2002Pro Vercelli132 (15)
2003-2005Treviso76 (6)
2005-2006Atalanta21 (2)
2006-2008Cagliari37 (1)
2008Treviso6 (0)
2008-2009Atalanta1 (0)
2009Parma3 (0)
2009-2010Progetto Sant'Elia? (?)
2010Ascoli7 (0)
2011Gloria Bistrița5 (1)
2011-2012Selargius22 (2)
2012-2013non conosciuta Volpiano? (?)
2013-Tortolì? (?)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Antonino D'Agostino (Torino, 8 ottobre 1978) è un calciatore italiano, centrocampista del Tortolì.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Lascaris e Pro Vercelli[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la sua carriera al Lascaris, squadra di Torino, la sua città natale, per poi passare alla Pro Vercelli nel 1998, per rimanerci sino al 2002. Con i piemontesi troverà 15 gol in 132 presenze complessive, sempre rimanendo in Serie C2.

L'esordio in Serie B con il Treviso[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate 2003 si accorda con il Treviso, militante in Serie B, con cui, all'età di 23 anni esordisce nella serie cadetta l'11 settembre, nel pareggio contro il Verona per 0-0. Rimarrà con i veneti sino al 2005, siglando 6 gol, tre per campionato.

Atalanta, i prestiti e l'esordio in Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 passa all'Atalanta, coi quali disputa e vince il campionato di Serie B 2005-2006, siglando anche due reti contro Modena e Mantova. A fine stagione viene mandato in prestito al Cagliari.

Con il club sardo trova l'esordio in Serie A, datato 10 settembre 2006, subentrando a Davide Biondini nella sconfitta interna per 1-0 contro il Catania. Con i sardi rimarrà sino al 2008, trovando il suo unico gol in Serie A, nel 3-3 contro l'Atalanta del 25 ottobre 2006.

Nel gennaio 2008 viene ceduto al Treviso, club col quale ha esordito nella seconda serie. Colleziona soltanto 6 presenze, di cui 2 sole giocando titolare (facendosi ammonire entrambe le volte) e a fine stagione torna all'Atalanta.

Prestito al Parma, ultima avventura con l'Ascoli e abbandono del calcio professionistico[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2008-2009 è dunque di nuovo tra le fila dei bergamaschi. Torna a giocare alla prima giornata, il 31 agosto 2008, nella vittoria per 1-0 contro il Siena, subentrando ad Alessio Manzoni, che coinciderà anche con la sua ultima presenza in maglia nerazzura. Non viene infatti più impiegato dal tecnico Delneri.

A gennaio 2009 passa al Parma, in Serie B, con il quale colleziona soltanto 3 presenze.

Per il 2009-2010 sposa il Progetto Sant'Elia, in Eccellenza sarda, salvo tornare poi in Serie B a gennaio 2010, con la maglia dell'Ascoli, con cui colleziona 7 presenze, venendo anche espulso il 17 aprile 2010 nella vittoria per 2-1 sull'Ancona, in una incredibile partita con cinque espulsi totali.

Nel gennaio del 2011 firma per la squadra rumena del Gloria Bistrita, ma l'avventura estera dura mezza stagione. A giugno è nuovamente svincolato e decide di tornare in Sardegna, in Serie D, al Selargius. Il transfer arriva comunque solo a dicembre infatti l'ala fa l'esordio solamente il 4 dicembre 2011 contro il Civitavecchia[1]. Dopo una parentesi in Piemonte, con il Volpiano[2], dal 2013 gioca nel Tortolì, squadra che milita nel campionato di Eccellenza Sarda[3][4].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Treviso: 2002-2003
Treviso: 2003
Atalanta: 2005-2006

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]