Anfibolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Anfiboli)
Jump to navigation Jump to search

Gli anfiboli sono una famiglia di minerali presenti nelle rocce eruttive dopo il raffreddamento dei magmi silicatici; insieme ai serpentini costituiscono gli asbesti, comunemente noti come amianti. A livello sistematico sono inquadrati nel supergruppo degli anfiboli.

Generalmente gli anfiboli si presentano sotto forma di fibre più o meno lineari, relativamente flessibili, avvolte in masserelle. Alcuni di essi sono stati impiegati in passato per realizzare tessuti ignifughi, in virtù della facilità con la quale si possono filare e del loro elevato punto di fusione.

Il termine anfibolo deriva dal greco e significa "ambiguo" con allusione alla varietà di assetto della composizione dei vari anfiboli, passando dal bianco della tremolite al nero dell'orneblenda al verde dell'attinolite.[1]

Sono composti da miscele isomorfe di due silicati e appartengono alla famiglia degli inosilicati a catena doppia. I principali sono monoclini e hanno formula generale molto complessa. Sono minerali idrati e cristallizzano solo in presenza di acqua.

La composizione chimica del gruppo degli anfiboli può essere espressa dalla formula generale W0-1X2Y5Z8O22(OH,F)2, dove W indica Na e K, X indica Ca, Na, Mn, Fe, Mg, Li, Y indica Mn, Fe, Mg, Al, Ti, Z indica Si e Al.
La struttura degli anfiboli si basa su di una catena doppia Si4O11 che si sviluppa parallela all'asse c.
La struttura contiene parecchi siti cationici e costruisce un'impalcatura a t-o-t (tetraedro-ottaedro-tetraedro), di ampiezza doppia alla struttura t-o-t del pirosseno. Inoltre la presenza del gruppo (OH) causa una diminuzione di stabilità termica rispetto ai pirosseni.

Caratteristiche chimico-fisiche[1][modifica | modifica wikitesto]

Gli anfiboli cristallizzano nel sistema cristallino rombico e monoclino, in prismi allungati con una sfaldatura che segue le facce del prisma. Il colore è variabile di minerale in minerale secondo la composizione chimica.

La lucentezza è vitrea.

Gli anfiboli generalmente sono duri e pesanti.

La struttura molecolare è caratterizzata da una doppia catena di ottaedri con al centro il silicio ed ai vertici degli atomi di ossigeno i quali collegano due o tre vertici. Le doppie catene sono legate dagli altri elementi presenti. Questi elementi possono essere sostituiti da altri creando delle specie isomorfe. Caratteristico degli anfiboli è l'ossidrile.

Origine e giacitura[1][modifica | modifica wikitesto]

Gli anfiboli rombici si trovano nelle rocce metamorfiche contenenti magnesio.

Gli anfiboli monoclini sono stati trovati, tra l'altro, nelle Alpi e Prealpi.

Gli anfiboli contenenti calcio, se associati a talco, si trovano nelle rocce ricche di ferro e magnesio (rocce ultrafemiche), se, invece, con diopside e forsterite, si trovano in rocce di contatto.

Gli anfiboli contenenti sodio si trovano in rocce metamorfiche generate a bassa temperatura.

Utilizzi[1][modifica | modifica wikitesto]

Gli anfiboli hanno generalmente un interesse scientifico e collezionistico, eccezion fatta per la nefrite utilizzata come pietra ornamentale e l'amianto di anfibolo e la crocidolite utilizzata un tempo per la preparazione di anticombustibili e di coibenti termici, ma di recente vietati perché molto dannosi alla salute.

Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

La classificazione degli anfiboli, vista la complessità della loro struttura, è un'operazione difficoltosa. Il compito è portato avanti da apposito sottocomitato dell'IMA. La più recente (risalente al 2012) prevede un supergruppo diviso in due gruppi a loro volta suddivisi in vari sottogruppi[2].

La formula chimica generale del supergruppo degli anfiboli è: AB2C5T8O22W2[2] dove: A = ☐, Na, K, Ca, Pb, Li B = Na, Ca, Mn 2+, Fe2+, Mg, Li C = Mg, Fe2+, Mn2+, Al, Fe3+, Mn3+, Ti4+, Li T = Si, Al, Ti4+, Be W = (OH), F, Cl, O2– .

Il supergruppo dell'anfibolo è suddiviso nei seguenti gruppi e sottogruppi:[3]

La classificazione precedente, risalente al 2003, prevedeva la suddivisione nei seguenti cinque gruppi:[4]

Principali anfiboli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Autori vari, Scheda Anfiboli in Il magico mondo di minerali & gemme, De Agostini, 1993-1996 Roma
  2. ^ a b Hawthorne, p. 2031
  3. ^ Hawthorne, p. 2045
  4. ^ Leake, p. 1357

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4160663-2