Andrista

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Andrista
frazione
Andrista – Veduta
Panorama di Andrista
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Brescia-Stemma.png Brescia
ComuneCevo-Stemma.png Cevo
Territorio
Coordinate46°04′47.6″N 10°21′09.79″E / 46.07989°N 10.35272°E46.07989; 10.35272 (Andrista)
Abitanti200
Altre informazioni
Cod. postale25040
Prefisso0364
Fuso orarioUTC+1
Patronosanti Nazario e Celso
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Andrista
Andrista

Andrista (Andrista in dialetto camuno[1]) è una frazione del comune di Cevo in Val Camonica.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Andrista fa parte del Comune di Cevo, pur essendo molto più vicino all'abitato di Cedegolo, sopra il quale si trova in posizione dominante. Occupa un dosso ben visibile all'uscita della Valle di Saviore al di sotto del Colle dell'Androla.

Si trova sulla quarta tappa del Cammino di Carlo Magno, che da Lovere conduce a Ponte di Legno e che ripercorre la strada che Carlo Magno, secondo la leggenda, intraprese nel XV secolo conquistando e convertendo al Cristianesimo (facendo tra l'altro costruire numerose chiese) le popolazioni stanziate tra Pavia e Verona [2].

Andrista è attraversato da un torrente, il Coppo, che nel centro del paese si getta in una pittoresca cascata, e che un tempo alimentava i mulini che gli abitanti utilizzavano per la macina della farina [3].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Storia della Valle Camonica.

Il 17 settembre 1423 il vescovo di Brescia Francesco Marerio investe iure feudi dei diritti di decima nei territori di Monno, Cevo, Andrista, Grumello, Saviore, Cemmo, Ono, Sonico, Astrio, Malegno, Cortenedolo, Vione, Incudine e Berzo Demo a Bertolino della Torre di Cemmo .[4]

Su alcune antiche carte topografiche e catastali era chiamato Andresta. Il nome è da porre in relazione al Colle dell’Andròla e probabilmente ha il significato di “adritto” o “andritto”, termine di origine latina che designa un luogo aprico, esposto al sole.

Ricorrenze[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 e 6 gennaio si festeggia ad Andrista la festa del Badalisc, la mitica creatura che vive nei boschi.

Esso non scende fino in paese, perciò è necessario catturarlo, con l'aiuto di una fanciulla (impersonata sempre da un ragazzo travestito da donna).

Per la gente di Andrista il Badalisc non è ritenuto un essere ostile, ma rappresenta un'entità sovrumana da trattare con riverenza, tanto che il punto saliente della festa è il cosiddetto discorso del Badalisc.

Inoltre in questo periodo la gente del paese rivela apertamente i contrasti interni alla comunità e dirime le controversie sorte in paese nel corso dell'anno.

Al termine dei due giorni di festa il Badalisc è lasciato libero, ma viene invitato a fare ritorno l'anno dopo, con la promessa che non troverà più gli stessi problemi.

In passato alle donne non era concesso partecipare alla festa, e ascoltare il discorso del Badalisc, in quanto il racconto di certe azioni immorali poteva indurle ad agire male a loro volta.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Le chiese di Andrista sono:[5]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Gli scütüm sono nei dialetti camuni dei soprannomi o nomignoli, a volte personali, altre indicanti tratti caratteristici di una comunità. Quello che contraddistingue gli abitanti di Andrista è Gach (Gatti).[1]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Lino Ertani, Dizionario del dialetto camuno e di toponomastica, Artogne, Tipografia M. Quetti, 1980, p. 161.
  2. ^ Il Cammino della Via di Carlo Magno, su Turismo Valle Camonica. URL consultato il 16 maggio 2021.
  3. ^ Il Giornale della Protezione Civile (PDF), su ilgiornaledellaprotezionecivile.it.
  4. ^ Roberto Celli, Repertorio di fonti medievali per la storia della Val Camonica, Brescia, Tipolitografia Queriniana, 1984, p. 206, ISBN 88-343-0333-4.
  5. ^ Eugenio Fontana, Terra di Valle Camonica, Brescia, Industrie Grafiche Bresciane, 1984, p. 116.
  6. ^ Atlante Demologico Lombardo, su demologia.it. URL consultato il 13-08-2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Val Camonica Portale Val Camonica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Val Camonica