Amanti d'oltretomba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Amanti d'oltretomba
Paese di produzioneItalia
Anno1965
Durata105 min
Dati tecniciB/N
Genereorrore
RegiaMario Caiano
SoggettoMario Caiano, Fabio De Agostini
SceneggiaturaMario Caiano, Fabio De Agostini
ProduttoreCarlo Caiano
Produttore esecutivoMario Cotone
Casa di produzioneEmmeci
FotografiaEnzo Barboni
MontaggioRenato Cinquini
MusicheEnnio Morricone
ScenografiaMario Giorsi
CostumiMario Giorsi
Interpreti e personaggi

Amanti d'oltretomba è un film del 1965 diretto da Mario Caiano, con protagonista Barbara Steele. È una storia che mette insieme l'horror soprannaturale con qualche elemento tipico del thriller.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Stephen Arrowsmith è un dottore senza scrupoli che tradisce sua moglie Muriel con l'assistente Solange. Muriel a sua volta tradisce il dottore con David, il giardiniere. Una notte il dottore scopre il tradimento e uccide entrambi così da ereditare tutti beni della moglie, ma Muriel ha dato tutti i suoi beni alla sorella Jenny.

Deciso a prendersi l'eredità, Arrowsmith sposa Jenny e cerca di farla diventare pazza così da ereditare tutto, ma a complicare il piano ci si mettono il dottor Joyce ma soprattutto i fantasmi di Muriel e David che cercano vendetta.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora è stata composta da Ennio Morricone.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è stata distribuita col titolo Nightmare Castle negli Stati Uniti, dove è entrata nel pubblico dominio.

Il film è stato distribuito anche coi titoli Orgasmo, The Faceless Monster, Lovers Beyond the Tomb, Lovers from Beyond the Tomb, Night of the Doomed.[1]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

«[...] la fantascienza all'italiana è un genere cinematografico che non ha mai incontrato grandi consensi presso il pubblico nostrano [...] e che raramente è andato oltre il fenomeno d'imitazione. Più remunerativo è stato invece il sottogenere della fantamedicina che meglio si conciliava con il timido permissivismo degli anni '60 e consentiva di reinterpretare i collaudati schemi dell'horror, del feuilleton e del thriller. In questo senso, il film di Mario Caiano è uno dei prodotti più interessanti del periodo e più conosciuti all'estero.

  • Lo stesso Paul Muller ha dichiarato: "Per me questo era un ottimo film ma non ha avuto successo forse perché era troppo fatto bene e diverso per il genere del film dell'orrore".»
(Fantafilm[1])

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), Amanti d'oltretomba, Fantafilm. URL consultato il 5 aprile 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]