Alessio Lega

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alessio Lega
Alessio Lega Siena 2010.JPG
Alessio Lega durante un concerto a Siena nel 2010
Nazionalità Italia Italia
Genere Canzone popolare
Musica d'autore
Periodo di attività 1996 – in attività
Album pubblicati 5
Studio 4
Live 1
Sito web

Alessio Lega (Lecce, 26 settembre 1972) è un cantautore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato a scrivere canzoni nel 1985 esordendo in queste vesti nel 1988. Trasferitosi a Milano, comincia nel 1997 un'attività concertistica in feste di piazza, biblioteche, centri sociali e circoli culturali italiani. Anarchico dichiarato, Lega compone canzoni "politiche" e d'amore che nei concerti alterna a pezzi di famosi cantautori francesi come Leo Ferré e Jacques Brel.

Proprio il binomio tra amore e politica gli è valso, nel 2004 la Targa Tenco come miglior opera prima per l'album Resistenza e amore, realizzato assieme ai Mariposa.

È anche il primo cantante a partecipare nel 2006 all'iniziativa del sito Bielle "Libera musica in libero stato" mettendo "Resistenza e amore" in libero download su internet. Molti dei suoi brani sono ascoltabili e scaricabili dal suo sito.

Nel 2006 esce il suo secondo disco: Sotto il pavé la spiaggia che contiene versioni italiane inedite di cinque cantautori francesi, Brassens, Brel, Leo Ferré, Leprest e Renaud. Agli arrangiamenti del disco collaborano i Mokacyclope.

Nel 2007 esce il terzo album, il primo dal vivo, intitolato "Zollette" dal titolo del brano dedicato al giornalista Enzo Baldoni ucciso in Iraq nel 2004. Il disco è stato registrato il 10 marzo 2006 all'auditorium comunale di Ponteranica e vede il rinnovo della collaborazione con i Mokacyclope.

Nel 2008 esce un Ep, E ti chiamaron matta cofirmato da Rocco Marchi, da sempre suo collaboratore, arrangiatore e spalla, in studio come sul palco. Questo Ep rappresenta la reincisione di un disco del 1971 di Gianni Nebbiosi, prodotto allora da Giovanna Marini per i Dischi del Sole.

In seguito a questo Ep esce il libro Canta che non ti passa al quale è allegato un nuovo album, arrangiato dal contrabbassista Roberto Bartoli, dal titolo Compagnia cantante, contenente traduzioni di artisti francofoni, ispanici e slavi e distribuito sotto licenza Creative Commons e reso disponibile gratuitamente sul web.

Dal 2008 è uno dei collaboratori della rivista musicale Musica leggera. Tiene una rubrica su A - rivista anarchica in cui tratta di musica.

Nel 2012 partecipa al festival internazionale di cultura anarchica à Saint Imier, Svizzera.

Nel marzo del 2013 esce il suo sesto disco mala testa per il quale, a Carrara, vince il Premio Lunezia Canzone d'Autore 2013 per la qualità Musical-Letteraria.

Il 29 giugno 2013 partecipa al concerto per l'indipendenza della Catalunya "Concert per la Llibertat", cantando la canzone di Lluís Llach "Abril 74".

Dall'aprile 2016 è uno dei collaboratori di Vinile, rivista edita da Sprea Editori[1].

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 2008 - Canta che non ti passa

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN268137137
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica