Alessandro D'Avenia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Alessandro D'Avenia (Palermo, 2 maggio 1977) è uno scrittore, insegnante e sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

D'Avenia nasce il 2 maggio 1977, a Palermo, da Rita e Giuseppe, terzo di 6 figli.

Nel 1990 frequenta il liceo classico Vittorio Emanuele II di Palermo, dove incontra padre Pino Puglisi[1] (insegnava religione nello stesso istituto) dalla cui figura viene fortemente influenzato[2].

Nel 2000 si laurea in lettere classiche alla Sapienza di Roma, relatore Luigi Enrico Rossi; poi vince il dottorato di ricerca, a Siena, completandolo nel 2004, con una tesi sulle sirene in Omero e sul loro rapporto con le Muse, nel mondo antico.[3]

Fonda una compagnia teatrale dilettante e gira un cortometraggio.[4]

Nel 2006 frequenta, a Milano, un master in produzione cinematografica, all'Università Cattolica del Sacro Cuore.[senza fonte][5]

Ha partecipato a diverse edizioni dei Colloqui fiorentini.

Insegna lettere al Collegio San Carlo di Milano.[6]

La sua attività di scrittore inizia contemporaneamente a quella di insegnante.

Il romanzo d'esordio Bianca come il latte, rossa come il sangue esce nel 2010, diventa rapidamente un successo internazionale, raggiungendo il milione di copie e 22 traduzioni, nel 2017.[7][8]

Il secondo titolo di D'Avenia è Cose che nessuno sa, pubblicato nel novembre 2011, tradotto in 10 lingue.[9][10]

Collabora come pubblicista con alcuni quotidiani italiani (Avvenire, Corriere della Sera, La Stampa).

Dal gennaio 2018 tiene, ogni lunedì, una rubrica sul Corriere della Sera: "Letti da rifare", in cui indaga il mondo dei giovani, sotto diversi punti di vista.[11]

Come sceneggiatore, nel 2008 ha firmato alcuni episodi della terza serie di Life Bites - Pillole di vita presso Disney Italia.[12]

Tra il 2011 e il 2012 lavora alla sceneggiatura del film Bianca come il latte, rossa come il sangue, prodotto da Rai Cinema,[13] uscito nelle sale cinematografiche nell'aprile 2013.

A ottobre del 2014 esce il suo terzo romanzo, Ciò che inferno non è, tradotto in 3 lingue, nel 2017[14].

I suoi primi 3 libri risultano essere (secondo il sito del MIUR[15]) tra i 10 libri più amati dai giovani italiani.

Il 31 ottobre 2016 è uscito il suo quarto libro, L'arte di essere fragili. Come Leopardi può salvarti la vita, divenuto anche un'opera teatrale.[16][17]

Il 31 ottobre 2017 è uscito il suo quinto libro, Ogni storia è una storia d'amore.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Intervista su Tv 2000, in Canale YouTube Tv 2000, 5 dicembre 2014. URL consultato il 12 febbraio 2019.
  2. ^ Wuz.it. URL consultato il 1º agosto 2012.
  3. ^ Biblioteca Nazionale di Firenze. URL consultato il 1º agosto 2012.
  4. ^ Wuz.it. URL consultato il 30 luglio 2012.
  5. ^ Sito web dell'autore. URL consultato il 25 novembre 2014.
  6. ^ Università di Siena - Centro interdipartimentale di studi. URL consultato il 12 settembre 2012.
  7. ^ Stefania Vitulli, Alessandro D'Avenia: "Sono un emarginato il successo dà fastidio", in «IlGiornale.it» del 04.'5.2013
  8. ^ andrewnurnberg.com", in «Andrewnurnberg»[collegamento interrotto]
  9. ^ Corriere.it. URL consultato il 1º agosto 2012.
  10. ^ Andrewnurnberg.com. URL consultato l'8 marzo 2017.
  11. ^ Letti da rifare | Alessandro D'Avenia - Corriere.it, su www.corriere.it. URL consultato il 5 febbraio 2018.
  12. ^ Università di Siena - Centro interdipartimentale di studi. URL consultato il 21 agosto 2012.
  13. ^ My Movies. URL consultato il 1º agosto 2012.
  14. ^ Andrewnurnberg.com. URL consultato l'8 marzo 2017.
  15. ^ istruzione http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/web/ministero/cs061216=Ministero istruzione. URL consultato l'8 marzo 2017.
  16. ^ Il Leopardi di D’Avenia è fragile, quindi fortissimo, su corriere.it. URL consultato il 2 dicembre 2016.
  17. ^ La Stampa. URL consultato il 29 novembre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN120536403 · ISNI (EN0000 0001 0678 9389 · SBN IT\ICCU\SIPV\147276 · LCCN (ENno2010059178 · GND (DE142784036 · BNF (FRcb16542635g (data) · WorldCat Identities (ENno2010-059178