Bianca come il latte, rossa come il sangue (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bianca come il latte, rossa come il sangue
Bianca come il latte, rossa come il sangue.JPG
Leo mentre parla con Silvia
Paese di produzioneItalia
Anno2013
Durata102 min
Generecommedia, drammatico
RegiaGiacomo Campiotti
SoggettoAlessandro D'Avenia, Fabio Bonifacci
SceneggiaturaAlessandro D'Avenia, Fabio Bonifacci
ProduttoreLuca Bernabei, Matilde Bernabei
Produttore esecutivoDaniele Passani
Casa di produzioneLux Vide, Rai Cinema in collaborazione con UniCredit e Film Commission Torino Piemonte
Distribuzione (Italia)01 Distribution
FotografiaFabrizio Lucci
MontaggioAlessio Doglione
MusicheAndrea Guerra, Modà
ScenografiaPaola Bizzarri
Interpreti e personaggi

Bianca come il latte, rossa come il sangue è un film del 2013 diretto da Giacomo Campiotti, adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo di Alessandro D'Avenia. Il film tuttavia presenta significative discrepanze rispetto al romanzo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Leo è un giovane liceale del terzo anno che ama le chiacchiere tra amici e il calcetto. Ha un sogno: è innamorato di Beatrice, una ragazza più grande di lui di un anno e che vede solo a scuola o alla fermata dell'autobus. Leo ha anche una compagna di classe che conosce dall'infanzia e che è innamorata di lui da alcuni anni, Silvia, che frequenta spesso e con la quale si confida perché considera la migliore amica. Dopo le vacanze di Pasqua, Leo scopre che Beatrice è ricoverata in ospedale perché affetta da leucemia. Questo porterà Leo a fare di tutto pur di conoscere la ragazza e continuare a credere nel suo sogno: decide di diventare donatore di midollo osseo, nella convinzione di poter salvare Beatrice. Ma il midollo osseo non risulta compatibile a quello di Beatrice e Leo, disperato, cerca di farla felice e realizzare i sogni della ragazza. Intanto, a scuola, il protagonista instaura un rapporto di amicizia con il giovane supplente di lettere. L'insegnante incoraggia i suoi alunni a credere nei propri sogni, e Leo tormentato da tutto questo chiede aiuto proprio al supplente, soprannominato il sognatore. Silvia si è pentita di avere dato a Leo il numero sbagliato di Beatrice, e lo incoraggia così a dichiararle il suo amore. Beatrice conoscendo i due compagni di classe intuisce che sono fatti l'uno per l'altra e confida a Leo che quello è l'amore vero.

La ragazza è molto ammalata, ma mente dicendo a Leo di aver trovato un donatore di midollo osseo compatibile con il suo, che sarebbe andata in Francia con la sua famiglia per due mesi e infine gli chiede di non chiamarla. Leo viene chiamato dall'ospedale perché il suo midollo è compatibile con un ammalato. Dopo una lunga discussione con i genitori e con l'aiuto di Silvia riesce a convincerli e va in ospedale, dove donando il midollo ad una giovane madre le salva la vita, scoprendo la grandezza del suo gesto con Silvia al suo fianco. Ma in breve tempo scopre che a Beatrice non è andata altrettanto bene. Quando Beatrice muore, Leo si ritrova senza più sogni per cui vivere, ma in compenso trova l'amore di Silvia.

Cast[modifica | modifica wikitesto]

  • Filippo Scicchitano è Leo un adolescente di sedici anni che non ha voglia di studiare e odia i professori. È innamorato perdutamente di Beatrice ed è il suo sogno.
  • Aurora Ruffino è Silvia, una compagna di classe innamorata di Leo che, però, lui vede solo come migliore amica, è studiosa e solare.
  • Luca Argentero è il Sognatore, un giovane supplente che crede nei sogni e vuole che i suoi allievi non siano superficiali e rassegnati come gli adulti. Ama la sua professione e pratica pugilato in una palestra abbandonata dove porterà Leo ad allenarsi con lui perché il ragazzo sfoghi tutta la sua tristezza. Sarà il punto di riferimento di Leo.
  • Gaia Weiss è Beatrice, una ragazza di diciassette anni, a dispetto dei quali si dimostra molto più matura. Ha i capelli rossi, ed è affetta dalla leucemia.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film sono iniziate a Torino il 26 maggio 2012 per una durata di sei settimane.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Le musiche originali del film sono state composte da Andrea Guerra. La canzone principale del repertorio della colonna sonora è Se si potesse non morire dei Modà, classificatasi terza al Festival di Sanremo 2013. Sono presenti anche Come un pittore e Tappeto di fragole sempre dei Modà e Tutta scena di J-Ax.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito nelle sale cinematografiche italiane il 4 aprile 2013 dalla 01 Distribution. Il primo week-end di programmazione ha incassato 1.163.036 €.[1] Non è stato invece distribuito nel circuito del noleggio DVD.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mo-Net s.r.l. Milano-Firenze, Classifica Top20 Italia del week-end del 05/04/2013 | MYmovies.it, su www.mymovies.it. URL consultato il 22 febbraio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema