Alberto di Gerusalemme

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sant'Alberto di Gerusalemme
Alberto Avog.JPG
Icona di Sant'Alberto di Gerusalemme
 

Vescovo e martire

 
Nascita1149 a Castel Gualtieri
Morte14 settembre 1214 ad Acri
Venerato daChiesa cattolica
Canonizzazione20 giugno 1609 da papa Paolo V
Ricorrenza14 settembre[1][2]
AttributiPalma, mitria, bastone pastorale
Alberto Avogadro dei conti di Sabbioneta
patriarca della Chiesa cattolica
Muerte de san Alberto de Jerusalén por Francisco Goya.jpg
Francisco Goya, Morte di Sant'Alberto di Gerusalemme (1772/75); olio su tela, 35x60 cm, Convento delle Carmelitane Scalze, Cuenca
Template-Patriarch (Latin Rite) Interwoven with gold.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato1149 a Castel Gualtieri
Ordinato presbiteroin data sconosciuta
Nominato vescovodopo il 20 gennaio 1184 da papa Lucio III
Consacrato vescovoin data sconosciuta
Elevato patriarca17 febbraio 1205 da papa Innocenzo III
Deceduto14 settembre 1214 ad Acri
 

Sant' Alberto di Gerusalemme, al secolo Alberto Avogadro dei conti di Sabbioneta (Castel Gualtieri, 1149Acri, 14 settembre 1214), è stato vescovo e patriarca, fondatore della regola dei carmelitani, ed è venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Castrum Gualterii (attuale corte del Gualtirolo) diocesi di Parma. Proveniente da una famiglia francese di origine nobiliare, divenne Canonico regolare di Santa Croce di Mortara e fu anche priore claustrale della Mortariensis Ecclesia dal 1180 al 1184.

Nominato vescovo di Bobbio per un anno, poi trasferito a Vercelli dal 1185 al 1205, fu importante mediatore per la pace tra le città di Pavia e Milano nel 1194 e tra Parma e Piacenza nel 1199. Come vescovo si impegnò in materia di legislazione ecclesiastica e formulò lo statuto per i Canonici di Biella e la regola degli Umiliati.

Fu nominato Patriarca di Gerusalemme nel 1205 da papa Innocenzo III.

In Palestina dovette risiedere a San Giovanni d'Acri, capitale di Outremer da quando Gerusalemme era stata riconquistata da Saladino. Si impegnò attivamente per la pacifica convivenza tra le confessioni cristiane presenti nella regione, e tra queste e il mondo islamico.

Gli eremiti del monte Carmelo, tra il 1206 e il 1214, chiesero ad Alberto di scrivere una "norma di vita" (formula vitae). La regola fu poi approvata prima da papa Onorio III nel 1226 e confermata definitivamente come vera e propria Regula da papa Innocenzo IV il 1º ottobre 1247, con la bolla Quae honorem Conditoris[3].

Il 14 settembre 1214 Alberto fu pugnalato a morte durante la processione per la festa dell'Esaltazione della Santa Croce, da un altro religioso, il Gran Maestro dell'Ospedale del Santo Spirito, che egli aveva rimosso dall'incarico per cattiva condotta.

Viene ricordato dalla Chiesa cattolica il giorno 14 settembre[1][2]; a Vercelli e fra i canonici regolari la festa è invece l'8 aprile (forse il giorno in cui diede la Regola agli eremiti), mentre l'ordine carmelitano e il Patriarcato latino di Gerusalemme lo festeggiano in varie altre date di settembre (16, 17, 25 e 26)[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Sant' Alberto di Gerusalemme, su Santi, beati e testimoni. URL consultato il 22 aprile 2020.
  2. ^ a b (EN) Saint Albert of Jerusalem, su CatholicSaints.Info. URL consultato il 22 aprile 2020.
  3. ^ Reg. Vat. 21, fol. 465v-466r

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Bobbio Successore BishopCoA PioM.svg
Gandolfo di Bobbio dopo il 20 gennaio 1184 – dopo il 9 maggio 1185 Ottone Ghilini
Predecessore Vescovo di Vercelli Successore BishopCoA PioM.svg
Uberto Crivelli dopo il 9 maggio 1185 – 17 febbraio 1205 Lotario Rosario
Predecessore Patriarca di Gerusalemme Successore PatriarchNonCardinal PioM.svg
Soffredo Errico Gaetani 17 febbraio 1205 – 14 settembre 1214 Rodolfo di Mérencourt
Controllo di autoritàVIAF (EN15202916 · ISNI (EN0000 0001 0830 1893 · LCCN (ENn85233911 · GND (DE104239956 · BNF (FRcb120844098 (data) · BNE (ESXX5582319 (data) · NLA (EN67931171 · BAV (EN495/17655 · CERL cnp00360918 · WorldCat Identities (ENlccn-n85233911