Agirrio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Agirrio (in greco antico Ἀγύρριος, traslitterato in Agýrrios; Collito, V secolo a.C. – ...) è stato un politico e militare ateniese, di parte democratica.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Agirrio ottenne la reintroduzione della paga di un obolo (successivamente tre oboli), che era stata abolita dopo la caduta della democrazia ad Atene, già introdotta da Cleofonte, per i cittadini che presenziavano alle assemblee, e restaurò l'indennità del fondo Teorico per gli spettacoli. Nel 389 a.C., dopo la morte di Trasibulo, gli successe in un importante comando militare nell'Egeo orientale, durante la guerra di Corinto.

Venne attaccato più volte da Aristofane nelle Ecclesiazuse e nel Pluto. È citato anche da Senofonte nelle sue Elleniche.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Senofonte, Elleniche, IV, 8, 31. Diodoro, Bibliotheca historica, XIV, 99.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie
Fonti secondarie