Adone Del Cima

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Adone Del Cima
Adone Del Cima
Adone Del Cima
1898 - 9 settembre 1943
Nato a Torre del Lago Puccini
Morto a al largo dell'Asinara
Cause della morte affondamento corazzata Roma
Dati militari
Paese servito bandiera Regno d'Italia
Italia Italia
Forza armata Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg Regia Marina
Naval Ensign of Italy.svg Marina Militare
Anni di servizio 1917 - 1943
Grado Capitano di Vascello
Guerre seconda guerra mondiale
Comandante di RN Roma
Decorazioni Valor militare silver medal BAR.svg MAVM
Studi militari Accademia Navale

fonti nella bibliografia e nei collegamenti esterni

voci di militari presenti su Wikipedia

Adone Del Cima (Torre del Lago Puccini, 7 giugno 1898al largo dell'Asinara, 9 settembre 1943) è stato un militare italiano. Era il comandante della nave da battaglia Roma, ammiraglia della flotta italiana, colata a picco dagli aerei tedeschi al largo delle coste della Sardegna il 9 settembre del 1943.

Arruolato come aspirante guardiamarina il 1º novembre 1917 è stato l'unico comandante della corazzata Roma sin dal varo, avvenuto nel cantiere navale San Marco di Trieste il 9 giugno 1940, seguendone tutte le fasi dell'allestimento, terminato il 14 giugno 1942 nel cantiere navale di Monfalcone, legandosi al destino della nave nel suo affondamento avvenuto al largo dell'Asinara il 9 settembre 1943 da parte di due bombardieri tedeschi Dornier Do 217 che impiegarono le nuove bombe radiocomandate FX-1400 due delle quali colpirono la nave ammiraglia.

Del Comando in capo Forze navali da battaglia imbarcato sulla nave ammiraglia morirono 28 ufficiali su 28, 60 sottufficiali su 62 e 112 su 138 tra sottocapi e comuni. Dell'equipaggio della corazzata i morti fra gli ufficiali furono 57 su 87, fra i sottufficiali 171 su 217 e fra sottocapi e comuni 965 su 1489. In totale su 2021 uomini a bordo vi furono 1393 tra morti e dispersi ( fra i quali lo stesso Comandante Adone Del Cima e il comandante in capo della flotta Carlo Bergamini che si inabissarono con la nave ) e 628 superstiti. I superstiti, molti dei quali feriti gravemente, furono recuperati dall'incrociatore Attilio Regolo, dai cacciatorpediniere Carabiniere, Fuciliere, Mitragliere e dalle torpediniere Pegaso Impetuoso e Orsa.

Al comandante Adone Del Cima fu conferita la Medaglia d'argento al valor militare alla memoria, ma la decorazione non fu mai consegnata ai parenti. Il 9 settembre 2005 nella sua città natale a 62 anni esatti dalla scomparsa la sua figura è stata ricordata in una cerimonia commemorativa che ha visto la lettura di un messaggio del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi e che ha avuto come momento conclusivo la presentazione di un libro sulla vita del comandante e lo scoprimento di un cippo commemorativo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]