Adelaide Oval

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Adelaide Oval
Adelaide Oval - panoramio (cropped).jpg
Vista aerea dello stadio
Informazioni
StatoAustralia Australia
UbicazioneWar Memorial Drive, North Adelaide SA 5006
Inaugurazione1871
StrutturaOvale
CoperturaTribune e gradinata sud
Mat. del terrenotappeto erboso
Dim. del terreno167 × 123 m
Area dell’edificio50 000 m²
Proprietariogoverno dell'Australia Meridionale
GestoreAdelaide Oval SMA
Uso e beneficiari
CricketSA Cricket
Adelaide Strikers
Football australianoAdelaide
Port Adelaide
South Adelaide
Rugby a 13Adelaide Rams
Bulldogs
Capienza
Posti a sedere53 500
Mappa di localizzazione

Coordinate: 34°54′56″S 138°35′46″E / 34.915556°S 138.596111°E-34.915556; 138.596111

Adelaide Oval è un impianto sportivo multifunzione di Adelaide, capitale dell'Australia Meridionale. Attivo dal 1871, è principalmente utilizzato per gare di cricket e di football australiano, ma ospita anche saltuariamente incontri di calcio, rugby a XIII e a XV.

Lo stadio è di proprietà del governo dell'Australia Meridionale ed è gestito dal 2009 da Adelaide Oval Stadium Management Authority, un consorzio senza scopo di lucro posseduto paritariamente dalle federazioni sud-australiane di cricket (disciplina per le cui categorie massime Test e One Day International è omologato) e di football australiano; vanta una capacità di più di 53000 spettatori e, in ambito internazionale, ha ospitato gare di due edizioni della coppa del Mondo di cricket (nel 1992 e 2015) e della Coppa del Mondo di rugby 2003. Ha altresì ospitato gare internazionali di calcio e incontri di National Rugby League, la massima lega sportiva di rugby a 13 d'Australia.

Al 2020 è l'impianto interno della squadra della federazione crickettistica dell'Australia Meridionale e del club Adelaide Strikers; della formazione di football australiano dell'Adelaide F.C. e, in passato, ospitò gare dell'Adelaide Rams e del Sydney Roosters di rugby a 13.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo storico tabellone segnapunti nel 2008 durante un test match di cricket tra Australia e Nuova Zelanda

Lo stadio fu costruito nel 1871[1] su una superficie totale di circa 12 acri (~50000 )[1] nel settore settentrionale di Adelaide lungo la riva destra del fiume Torrens.

Edificato per venire incontro alle esigenze della neoistituita federazione crickettistica dell'Australia Meridionale[2], ospitò nel 1884 il suo primo test match di cricket, un incontro internazionale tra Australia e Inghilterra[2]. Già da 7 anni ospitava altresì gare di football australiano[2].

La zona divenne presto centro d'attrazione per il tempo libero, tanto che nel 1889, nelle immediate vicinanze dello stadio, fu inaugurato un ottovolante lungo circa 150 metri[3]. Nel 1911 fu costruito, a cura dell'architetto Kenneth Milne, un segnapunti per le gare di cricket che, malgrado il passare degli anni, non fu mai dismesso, tanto da essere tuttora utilizzato e da figurare dal 1986 nel registro dei beni culturali dello stato dell'Australia Meridionale[4].

Salvo rare eccezioni, gli appuntamenti cardine dello stadio hanno sempre riguardato le due citate discipline: dal 1877, infatti, e fino a tutto il 1973, l'Oval ospitò la finale della South Australian National Football League poi migrata al Football Park[5], e fin dalla sua origine è il terreno degli incontri interni della rappresentativa statale di cricket, soprannominata Southern Redbacks dal nome comune del ragno latrodectus hasselti, una vedova nera originaria dell'Australia Meridionale che presenta una striscia rossa sul dorso, a motivo del quale è chiamato in inglese redback spider.

Benché il calcio in Australia non abbia lo stesso livello di popolarità di altre discipline come le citate e il rugby, ciononostante già nel 1904 l'Oval ospitò un incontro di tale disciplina: il locale South Australian British Football Association batté 9-0 una squadra composta da membri dell'equipaggio della nave britannica Katoomba[6] e, nel giugno 1951, fu sede di un incontro internazionale tra Inghilterra e Australia, terminato 13-1 per i primi[7]. Più recentemente, nel giugno 2011, l'Oval fu teatro della vittoria 3-0 dei Socceroos, la nazionale australiana di calcio, contro gli All Whites, rivali della Nuova Zelanda[8].

Relativamente scarsa anche la storia del rugby, pur essendo una disciplina in cui l'Australia vanta due titoli mondiali: tuttavia il primo incontro ivi tenutosi risale al luglio 1888, quando ancora la disciplina non si era scissa tra i due codici a 13 e a 15. In tale occasione l'Inghilterra batté 28-3 una rappresentativa dell'Australia Meridionale[9].

Nel 1992 l'Oval fu uno degli stadi che accolse la quinta coppa del mondo di cricket, organizzata congiuntamente da Australia e Nuova Zelanda; l'impianto fu sede di tre incontri. Nel nuovo millennio fu scelto anche come sede per alcune gare della Coppa del Mondo di rugby 2003[10]: ospitò, nella fase a gironi, gli incontri tra Australia e Namibia (primo incontro internazionale assoluto di rugby e primo degli Wallabies in tale stadio) e tra Argentina e Irlanda. Ancora nel 2015 fu di nuovo tra le sedi della Coppa del Mondo di cricket, con 4 incontri tra cui un quarto di finale tra Pakistan e Australia.

Dal 2009 l'Oval è in gestione a una società senza scopo di lucro, Adelaide Oval Stadium Management Authority, o Adelaide Oval SMA, costituita congiuntamente dalle federazioni statali di cricket e football australiano[11]; dal 2014 ospita inoltre gli uffici di quest'ultima, laddove è dal XIX secolo che ospita quelli della federazione crickettistica.

Usi non sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Adelaide Oval, nel corso della sua lunga esistenza, ha svolto, e svolge ancora al 2020, la funzione di luogo all'aperto per concerti musicali. Il primo artista di rilievo internazionale che ricevette fu David Bowie che nel 1978 ivi tenne il suo primo concerto in assoluto nell'emisfero australe, nell'ambito del tour Isolar II[12].

Tra quelli più noti, a seguire, Rod Stewart (Blondes Have More Fun Tour, 1979), di nuovo Bowie (Serious Moonlight Tour, 1983), Paul McCartney (The New World Tour, 1993[13]). In tempi più recenti si sono esibiti all'Oval i Rolling Stones (14 On Fire, 2014) e Adele (Adele Live 2016, 2017[14]).

Incontri internazionali di rilievo[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

Adelaide
5 giugno 2011, ore 17 UTC+9:30
Australia Australia3 – 0
referto
Nuova Zelanda Nuova ZelandaAdelaide Oval (21281 spett.)
Arbitro: Giappone Minoru Tōjō

Rugby a 15[modifica | modifica wikitesto]

Adelaide
25 ottobre 2003, ore 15:30 UTC+9:30
Coppa del Mondo 2003, girone A
Australia Australia142 – 0
referto
Namibia NamibiaAdelaide Oval (28196 spett.)
Arbitro: Francia Joël Jutge

Adelaide
26 ottobre 2003, ore 18 UTC+10:30
Coppa del Mondo 2003, girone A
Argentina Argentina15 – 16
referto
Irlanda IrlandaAdelaide Oval (28803 spett.)
Arbitro: Sudafrica André Watson

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Out Among the People, in The Advertiser, Adelaide, 16 gennaio 1951, p. 4. URL consultato il 25 agosto 2020. Ospitato su Biblioteca nazionale australiana.
  2. ^ a b c (EN) The story of Adelaide Oval - past and present, su southaustralia.com, Government of South Australia, 1º settembre 2015. URL consultato il 26 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 26 agosto 2020).
  3. ^ (EN) A New Sensation, in Evening Journal, Adelaide, 2 gennaio 1889, p. 3. URL consultato il 25 agosto 2020. Ospitato su Biblioteca nazionale australiana.
  4. ^ (EN) What’s the score at Adelaide Oval?, su adelaideheritage.net.au, Adelaide City Heritage. URL consultato il 25 agosto 2020.
  5. ^ (EN) Peter Cornwall, Adelaide Oval's grandest Grand Final, su afc.com.au, Adelaide Football Club, 23 marzo 2014. URL consultato il 26 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 26 agosto 2020).
  6. ^ (EN) British Association Football South Australia v HMS Katoomba, in The Evening Journal, Adelaide, 21 luglio 1904, p. 3. URL consultato il 26 agosto 2020. Ospitato su Biblioteca nazionale australiana.
  7. ^ (EN) Senza titolo, in The News, Adelaide, 25 giugno 1951. URL consultato il 26 agosto 2020. Ospitato su Biblioteca nazionale australiana.
  8. ^ (EN) Tony Smith, Socceroos cruise past All Whites in Adelaide, in Stuff, Fairfax Media, Ltd, 6 giugno 2011. URL consultato il 26 agosto 2020.
  9. ^ (EN) Anglo-Australian Football, in The Evening Journal, Adelaide, 17 luglio 1888. URL consultato il 26 agosto 2020. Ospitato su Biblioteca nazionale australiana.
  10. ^ (EN) 2003 Rugby World Cup Draw, su irishrugby.ie, Irish Rugby Football Union, 20 maggio 2002. URL consultato il 17 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 3 luglio 2019).
  11. ^ (EN) About US, su adelaideoval.com.au, Adelaide Oval. URL consultato il 27 agosto 2020.
  12. ^ (EN) David Bowie Plays Australia For The First Time, in ARN Radio, 22 marzo 2018. URL consultato il 27 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 27 agosto 2020).
  13. ^ (EN) Cameron Adams, Why Paul McCartney has joined the list of musicians bypassing Adelaide, in The Advertiser, Adelaide, 6 giugno 2017. URL consultato il 27 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 18 marzo 2018).
  14. ^ (EN) Meagan Dillon, Adele plays Adelaide Oval, leaves record crowd of more than 70,000 in raptures, in The Advertiser, 14 marzo 2017. URL consultato il 27 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 19 marzo 2017).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autoritàVIAF (EN454144783065616001546 · LCCN (ENsh2013003400 · NLA (EN65317297