Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Achoris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Achoris
Louvre-antiquites-egyptiennes-p1020361.jpg
Sfinge di Achoris in basalto. Parigi, Louvre.
Re dell'Alto e Basso Egitto
Stemma
In carica Periodo tardo
Incoronazione 393 a.C.
Predecessore Psammuthis
Successore Nepherites II
Morte 380 a.C.
Dinastia XXIX dinastia egizia
Figli Nepherites II

Achoris (... – 380 a.C.) è stato un faraone della XXIX dinastia egizia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Non è noto con quale legittimità Achoris – grecizzazione del nome egizio Hakor – riuscì a deporre Psammuthis, il quale venne poi considerato un usurpatore e fatto quindi oggetto di damnatio memoriae attraverso il sistematico scalpellamento dei cartigli sui monumenti. Allo scopo di cancellare del tutto la memoria del suo predecessore, Achoris iniziò a datare il suo regno dalla morte di Nepherites I del quale presumibilmente si considerava il legittimo continuatore.
Tale circostanza ha comportato una certa confusione nelle fonti storiche: gli epitomatori di Manetone, Sesto Africano ed Eusebio di Cesarea, infatti riportarono la sequenza: Nepherites I → Achoris → Psammuthis (Africano tralascia l'effimero Muthis), mentre la Cronaca demotica più verosimilmente fornisce l'ordine: Nepherites I → Muthis → Psammuthis → Achoris.

Quando Achoris giunse al potere nel 393 a.C. l'Egitto era già inserito nel complesso gioco diplomatico-bellico che vedeva coinvolte le polis greche (Atene e Sparta in primis), l'impero achemenide e lo stesso Egitto.
In tale situazione la posizione egiziana non poté che essere quella di allearsi con chiunque fosse avversario della Persia. L'alleanza con Sparta che esisteva durante il regno di Nepherites I venne meno in seguito al progressivo ritiro della città greca dalla guerra. Così che nel 389 a.C. Achoris si unì all'alleanza Atene-Cipro, citata anche nella commedia Pluto di Aristofane.
La situazione tornò critica nel 386 a.C. con stipulazione della pace di Antalcida, un trattato di neutralità tra le polis e l'impero achemenide; in pratica, l'Egitto e Cipro rimasero i soli avversari di Artaserse II. Per anni Achoris resistette con successo ai tentativi di invasione persiani, forte di una grande flotta e di mercenari greci condotti dal valente strategos ateniese Chabrias.
Nel 383 a.C. i Persiani interruppero la campagna d'Egitto che non stava portando a nulla, concentrandosi piuttosto contro Cipro ed il suo re, Evagora I, che approfittando dello sforzo bellico persiano diretto altrove stava consolidando il suo dominio marittimo ed era giunto ad espandere la sua influenza sulle coste fenicie. La flotta cipriota venne sconfitta da quella persiana ed Evagora si recò da Achoris a chiedere aiuto; non riuscendo ad ottenerlo, ad Evagora non rimase che tornare a Salamina in Cipro, stipulare una pace separata con il Gran Re e divenirne vassallo.

Achoris morì dopo circa 14 anni di regno nel 380 a.C. lasciando il trono al figlio Nepherites II, mentre già da tempo Nectanebo, principe di Sebennytos e futuro fondatore della XXX dinastia, fomentava sommosse e disordini allo scopo di prendere il potere. Di tali eventi rimane testimonianza nella Cronaca Demotica che citando Achoris riporta "...perché era munifico verso templi..." per motivare la lunghezza del regno e "...perse il trono perché trascurò le leggi e si disinteressò ai suoi fratelli..." come a voler giustificare gli eventi che seguirono.

Con Achoris ci fu un ritorno ad un'attività edilizia significativa – come non succedeva in Egitto ormai da molto tempo – dimostrata anche dalla riapertura delle cave di pietra (tra cui le celebri cave di Tura): importanti testimonianze di questi lavori ci sono giunte da Karnak, Medinet Habu, Elefantina, Tod, Nag el-Madamud, nel Serapeo di Saqqara e nell'oasi di el-Kharga.

Titolatura[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Traslitterazione Significato Nome Traslitterazione Lettura (italiano) Significato
G5
ḥr Horo
O29V F34 N36
N17
N17
Srxtail.jpg
՚3 ib mri t3wy Aa-ib meritawy Grande di cuore, amato dalle Due Terre
G16
nbty (nebti) Le due Signore
N29
N35
Z9
D40
knw Qenu Il valoroso
G8
ḥr nbw Horo d'oro
s R4
t p
R8A
shtp ntrw sehotep neteru Che soddisfa gli dei
M23
X1
L2
X1
nsw bjty Colui che regna
sul giunco
e sull'ape
Hiero Ca1.svg
N5 C10 ib
Hiero Ca2.svg
m3՚t ib r՚ Maatibra La giustizia (Maat) è il cuore di Ra
G39 N5
s3 Rˁ Figlio di Ra
Hiero Ca1.svg
O4 W11 E23
Hiero Ca2.svg
h k r(w) Hakor Beduino (?)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Signore dell'Alto e del Basso Egitto Successore Double crown.svg
Psammuthis 393380 a.C. Nepherites II
Controllo di autorità VIAF: (EN47573032 · GND: (DE11949471X · CERL: cnp00557339