Psammetico IV

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Psammetico IV
Faraone d'Egitto
In carica 486 - 484 a.C. circa
Predecessore Dario I
Successore Serse I
Dinastia XXVII

Psammetico IV (fl. ~ 486 a.C.) (... – ...) è stato un presunto sovrano egizio, cronologicamente attribuibile alla XXVII dinastia.

La scoperta[modifica | modifica wikitesto]

La statua decapitata di Dario I che Serse, in seguito alla rivolta, fece trasferire da Eliopoli a Susa.

L'esistenza di questo personaggio, estremamente poco noto, è stata ipotizzata nel 1980 dall'egittologo Eugène Cruz-Uribe in seguito allo studio di alcuni papiri demotici provenienti da Diospolis Parva e citanti il nome di un re Psammetico.

Analizzando i testi contenuti e facendo un confronto stilistico dei documenti con altri di sicura datazione, è stato possibile far risalire la loro realizzazione agli ultimi anni del regno di Dario I, che morì nel 486 a.C.[1][2]
Considerato che l'ultimo re Psammetico (Psammetico III) venne deposto quarant'anni prima (525 a.C.) da Cambise II, Cruz-Uribe escluse la sua identificazione nel personaggio citato dai documenti e propose quindi l'esistenza di un altro Psammetico, che avrebbe regnato in Egitto appena dopo Dario, e che chiamò, per naturale prosecuzione ordinale, Psammetico IV.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

L'unico periodo possibile in cui Psammetico avrebbe potuto diventare re venne quindi trovato nell'ultimo anno di regno di Dario (486 a.C.), durante il quale in Egitto scoppiò una ribellione contro gli occupanti persiani citata anche da Erodoto (Storie, VII).[3]
Infatti, dopo la sconfitta persiana nella Battaglia di Maratona nel 490 a.C., nel Delta del Nilo si innescarono varie sommosse che confluirono in una vera e propria rivolta nel 486 a.C.
Durante tale rivolta Psammetico – non sappiamo con quale legittimazione – si sarebbe arrogato i titoli della regalità, proprio come fece Petubastis III oltre trent'anni prima, in occasione di una rivolta analoga all'inizio del regno di Dario.
Dario non ebbe il tempo di intervenire in quanto morì entro la fine dell'anno; fu quindi il successore Serse I a doversi recare in Egitto per stroncare la rivolta.

L'effimero regno di Psammetico IV dovette aver termine nel corso dei due anni di lotte che seguirono, alla fine dei quali (484 a.C.) la Terra del Nilo era tornata saldamente nelle mani del Gran Re.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Cruz-Uribe, pp. 35-37
  2. ^ Pestman, p. 145
  3. ^ Alan Gardiner, La civiltà egizia, (Einaudi, Torino 1997), Oxford University Press, 1961, p. 332, ISBN 88-06-13913-4.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Eugène Cruz-Uribe, On the Existence of Psammetichus IV, in Serapis. American Journal of Egyptology, 5(2), 1980, pp. 35-39.
  • Pieter Willem Pestman, The Diospolis Parva Documents. Chronological Problems concerning Psammetichus III and IV, in Grammata Demotika. Festschrift für Erich Lüddeckens (Heinz-Josef Thissen, Karl-Theodor Zauzich), vol. 15, 1983, pp. 145-155.
  • Anthony Spalinger, Psammetichus IV, in Lexikon der Ägyptologie, vol. 4, 1982, pp. 1173-1175.
  • Sven P. Vleeming, The Gooseherds of Hou (Pap. Hou). A Dossier relating to Various Agricultural Affairs from Provincial Egypt of the Early Fifth Century B. C., in Leuven (Studia demotica), vol. 3, 1991, pp. 3-4.
Predecessore Signore dell'Alto e del Basso Egitto Successore Double crown.svg
Dario I 486 - ~ 484 a.C.
(contemporaneo a Serse I)
Serse I