Acciaiuoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Acciaiuoli
Coa fam ITA acciaioli.jpg
D'argento, al leone d'azzurro.
FondatoreGugliarello Acciaiuoli
Data di fondazioneXII secolo
Lo stemma di famiglia, leone rampante blu su sfondo argento

La famiglia Acciaioli (anche Acciaiuoli, Acciajuoli, Accioli o Accioly) è una delle più famose famiglie di Firenze. Un ramo della famiglia ebbe numerosi feudi e fu molto influente nel Regno di Napoli ed alcuni esponenti divennero anche sovrani del Ducato di Atene.

Storia della famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Originari di Brescia, il patriarca Gugliarello era un guelfo in fuga per sfuggire alle faide politiche, che si trasferì verso il 1160 a Firenze, dove si iscrisse all'Arte del Cambio. Probabilmente commerciava in acciaio e per questo avrebbe avuto il soprannome di Acciaiolo, da cui il cognome della famiglia. A causa della loro appartenenza al partito Guelfo dovettero nuovamente andare in esilio, questa volta a Lucca[1].

Nel 1284 fondarono una compagnia commerciale a Cremona; qualche anno dopo Leone Acciajuoli rientrò a Firenze[1], dove la compagnia divenne molto ricca e potente e fu alla base della fortuna di famiglia. Come le compagnie consorelle dei Bardi e dei Peruzzi ebbe sedi in tutta Europa e prestò denaro a importanti figure dell'epoca.

Divennero infatti nel corso del XIV secolo banchieri degli Angioini del Regno di Napoli, del Pontefice, dell'Ordine dei Gerosolimitani ecc. Nel 1345 la sconfitta nella guerra contro Lucca, finanziata anche dal loro banco, portò le sorti familiari sull'orlo del fallimento. La compagnia dovette quindi essere liquidata con gravi strascichi economici e politici.

Un ramo della famiglia si stabilì sin dal Trecento a Napoli, dove, grazie ai legami con la casata regnante, assurse a grande potenza e ricchezza, per esempio Niccolò Acciaiuoli divenne Gran Siniscalco del Regno di Napoli.

Nel 1388 il ramo della famiglia di Neri Acciaiuoli I comprò il titolo nobiliare relativo al Ducato di Atene, che mantenne per circa un secolo, fino a Francesco Acciaiuoli II, che perse il ducato per la conquista del sultano Mehmet II.

A Firenze membri della famiglia ricoprirono le più alte cariche politiche, con priori, gonfalonieri di giustizia e consoli delle Arti, mentre numerose e importanti furono anche le cariche religiose.

Si associarono agli Albizi e poi ai Medici, con il matrimonio fra Laudomia Acciaioli e Pierfrancesco de' Medici, nella linea dei popolani dalla quale discesero Cosimo I e i Granduchi.

L'ultimo rappresentante della famiglia fu Nicola Acciaiuoli, figlio di Giacinto Emmanuele e di Marianna di Antonfrancesco Acciaiuoli, che morì a Venezia il 27 gennaio 1834[2].

Ramo portoghese e brasiliano[modifica | modifica wikitesto]

Da un Simone Acciaioli (figlio Zanobi Acciaioli e di Ginevra Amadori, nipote di Benedetto Acciaioli e di Nanna d'Ormannozzo Deti, della linea di Michele Acciaioli e Lisa di Paolo di Cino de' Nobili), emigrato prima del 1512 a Madera per rappresentare gli interessi commerciali della famiglia, è derivata la nutrita genealogia del ramo portoghese e brasiliano degli Acciaiuoli, ancora oggi esistente. Simone fissò la sua residenza a Funchal, e quivi sposò Donna Maria Pimentel. "Essendosi applicato, al pari di altri suoi connazionali, alla coltivazione della cannamele introdotta nell'isola dalla Sicilia per cura dell'Infante D. Enrico ed alla industria connessa della estrazione dello zucchero, egli raggiunse una fortuna talmente considerevole, che la sua casa situata nella Rua dos Mercadores primeggiava per magnificenza e sontuosità.[3][4][5][6][7]

Genealogia dei personaggi di spicco[modifica | modifica wikitesto]

 Gugliarello
XII sec.
 
 
 ?
?-?
 
  
 Leone
?-?
Guidalotto
1300
Ghisella
 
   
 Niccolò il vecchio
?-?
Piera Manzuoli
 Tommaso
detto Mannino
?-?
? degli Albizzi
 Monte
?-?
   
      
 naturale
Acciaiolo
1349
Guglielmina dei Pazzi

banchiere e un uomo politico
 Donato il vecchio
1332
Taggia Biliotti
Filippo
?-?
Angelo seniore
*12981357
Vescovo di Firenze dal 1342 al 1355
Martinaccio
?-?
Margherita ?
Francesco
1355
  
     
 CONTI DI MELFI E GERACE

Niccolò
I conte di Melfi, I conte di Gerace
*13101365
Margherita degli Spini

fondatore della Certosa di Firenze
 Jacopo
1456
Bartolomea Ricasoli
 Giovanni
1363
Arcivescovo di Patrasso
 Neri I
I duca d'Atene
1394
Agnese Saraceni
Angelo juniore
*13481408
Vescovo di Firenze dal 1383 al 1387, poi Cardinale
   
      
Lorenzino
† p. del 1365
? Sanseverino
Angelo
II conte di Melfi, II conte di Gerace
1380
? Grimaldi
Benedetto
I conte di Ascoli
1415
Roberta de Sabran
 BARONI DI CASSANO

Donato il giovane
I barone di Cassano
1405
1. Onesta Strozzi
2. Tecca Giacomini Tebalducci
 Francesco
?-?
Margherita Ghini
figl. nat.
Antonio
II duca d'Atene
1435
Maria Melissene
    
         
 Roberto
III conte di Melfi, III conte di Gerace
1380
ecclesiastico
figl. nat.
Carlo
II conte di Ascoli
?-?
Jacopo
II barone di Cassano
?-?
Costanza de' Bardi
Laudomia
?-?
Pierfrancesco de' Medici il Vecchio
Antonio
1448
Vescovo di Cefalonia
Giovanni
1450
Vescovo di Cefalonia
Neri
*14011429
Lena Strozzi
 Neri II
duca d'Atene
*14091451
Chiara Zorzi
Antonio II
duca d'Atene
?-?
Maria Zorzi
     
      
 Linea estinta
 Angelo
III barone di Cassano
† d. 1467
Saracina Giacomini Tebalducci
 Pietro
*14261460
Leonarda Neroni
 Donato
*14291478
umanista
Francesco I
duca d'Atene
*1440 †?
Francesco II
duca d'Atene
*14301460
? Asanina
   
    
 Raffaele
?-?
Alessandra de' Bardi
 Giovanni
1527
Neri
*14541500
Sandra Martelli
Roberto
*14671547
Senatore
  
   
 Zanobi
*14611519
frate domenicano e letterato, custode della Biblioteca Vaticana sotto Papa Leone X
 Octicons-arrow-small-down.svg
 Octicons-arrow-small-down.svg
  
   
 Niccolò
*16301719
Cardinale
Filippo
*16371700
poeta e musicista
Ottaviano
I marchese di Novi
*16641735
Marianna Torriglioni
 
  
 Antonio Francesco
II marchese di Novi
*16961760
Senatore
Filippo
*17001766
Cardinale
 
 
 Linea maschile estinta

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Graziella Buccellati Mantovani e Claudio Proserpio, La banca e la borsa, Milano, Mondadori, 1978
  2. ^ Giovanni Silvano, Acciaiuoli, in Volker Reinhardt, Le grandi famiglie italiane, Vicenza, Neri Pozza, 1996, ISBN 88-7305-489-7.
  3. ^ Dizionario Biografico degli Italiani. ACCIAIUOLI, Simone; LITTA, Pompeo. Famiglie celebri italiane, "Acciaiuoli", tav. VIII e PERAGALLO, Prospero Cenni intorno alla colonia italiana in Portogallo nei secoli XIV, XV e XVI, Genova, Stabilimento Tipografico Ved. Papini e Figli, 1907, pp. 132., in Miscellania di storia italiana, IX (1904), pp. 386-387.
  4. ^ RICE, Christopher; RICE Melanie. Madeira . London: New Holland Publishers, 2005, p. 16.
  5. ^ (PT) Genealogia degli Acciaioli in Brasile
  6. ^ Geneagraphie - Families all over the world. Simone Acciaioli (c. 1490 - 15 febbraio 1544.
  7. ^ DORIA, Francisco Antonio. Acciaiolis no Brasil Coleção Marcello de Ipanema Caderno 3

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marcello Vannucci, Le grandi famiglie di Firenze, Newton Compton Editori, 2006 ISBN 88-8289-531-9

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE119441942