AGM-76 Falcon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
AGM-76 Falcon
Modello aerodinamico dell'AGM-76A in esposizione presso lo Steven F. Udvar-Hazy Center
Modello aerodinamico dell'AGM-76A in esposizione presso lo Steven F. Udvar-Hazy Center
Descrizione
Tipo Missile aria-superficie
Impiego Aviolanciato
Progettista Hughes
Impostazione 1966
Primo lancio ?
In servizio Mai entrato in servizio
Utilizzatore principale United States Air Force
Esemplari 22
Sviluppato dal AIM-47 Falcon
Peso e dimensioni
Peso 431 kg[1]
Lunghezza 3,82 m[2]
Larghezza 0,838 m
Prestazioni
Vettori F-4D, A-6 e F-105F
Gittata 160 km
Velocità Mach 4
Testata 113 kg di esplosivo
Esplosivo Convenzionale

456fis.org

voci di missili presenti su Wikipedia

AGM-76 Falcon è un missile aria-superficie sviluppato negli anni sessanta dalla Hughes per conto dell'United States Air Force. Si trattava della versione aria-superficie dell'AIM-47 Falcon, che però non entrò mai in servizio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

L'AGM-76 venne sviluppato come versione aria-superficie dell'AIM-47. Tuttavia, l'esatta natura di questo sistema d'arma non è molto chiara:[3] infatti, con tutta probabilità, si è trattato di un missile antiradar realizzato a partire dal 1966 per contrastare gli impianti antiaerei vietnamiti, durante la guerra del Vietnam.[3]

In questo ruolo, ne vennero lanciati una decina (su un totale di 22 costruiti).[3] da aerei da caccia McDonnell Douglas F-4 Phantom II, Grumman A-6 Intruder e Republic F-105 Thunderchief, non è chiaro se solo durante delle prove oppure anche in missioni operative.[3]

Secondo altre fonti, in realtà, l'AGM-76 sarebbe stato un missile aria-superficie a lungo raggio, progettato inizialmente per il caccia trisonico North American XF-108 Rapier.[3] Dopo la cancellazione di questo velivolo, il missile avrebbe dovuto essere implementato sul Lockheed F-12B. In seguito alla fine anche di questo programma, i lavori intorno alla versione aria-superficie del Falcon sarebbero stati interrotti.[3]

Comunque, l'AGM-76 Falcon non entrò mai in servizio.

Descrizione tecnica[modifica | modifica wikitesto]

L'AGM-76 era derivato dall'AIM-47. Si trattava di un missile aria-superficie (quasi sicuramente di tipo antiradar) lungo 3,82 m, largo 0,832 e con un peso al lancio di 431 kg.[3] (di cui 113 costituiti da esplosivo ad alto potenziale).[1] La propulsione era assicurata da un motore a propellente solido Lockheed XSR13-LP-1,[1] in grado di spingerlo alla velocità di Mach 4 fino alla distanza di 160 km.[3]

La testata era convenzionale, anche se, secondo alcune fonti, la non confermata versione da attacco aria-superficie per l'F-12B avrebbe imbarcato una testata nucleare da 250 kt.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c designation-systems.net.
  2. ^ Designation-systems.net riporta 4,06 m.
  3. ^ a b c d e f g h i 456fis.org.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]