Zina (Islam)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Secondo il diritto islamico, il reato di zina riguarda le relazioni sessuali illecite, ossia pre- o extra-matrimoniali.

Secondo le scuole shafi’ita, hanbalita, hanafita e secondo gli Sciiti, la pena della lapidazione è prevista solo per l’adultero sposato e il suo partner, a condizione che il crimine sia comprovato da 4 uomini adulti che abbiano assistito alla penetrazione o che sia stato reso tramite confessione. La lapidazione non è invece prevista dal Corano, che prevede solo la fustigazione.

categoria pena fonte della pena
persone sposate lapidazione Hadith (detti del Profeta)
persone non sposate 100 frustate o un anno di esilio Corano 24:2 (an-Nur)

Secondo il fiqh hanafita, che rappresenta l'ideologia maggioritaria e dà un ampio valore alla buona fede delle parti, se l’uomo e la donna si considerano sposati, non si ha reato di zina e i due non sono punibili.

Una gravidanza costituisce prova sufficiente di relazione sessuale illecita solo secondo la scuola Malikita. Tale scuola include tuttavia anche la teoria del “feto dormiente”, secondo cui durante il periodo di gravidanza, che si estende per 7 anni, una donna non può essere accusata di zina, e la paternità del feto è del marito legittimato, anche fino a 7 anni dopo la sua morte.

Condizioni per la lapidazione[modifica | modifica sorgente]

Perché un reato di zina possa essere punito con la lapidazione:

  • l’accusato deve essere conosciuto come Musulmano praticante
  • l’accusato deve essere stato in grado di intendere e di volere al momento dell’atto
  • l’accusato dev’essere adulto
  • l’accusato deve aver commesso l’atto di propria spontanea volontà
  • l’accusato dev’essere libero e non schiavo
  • l’accusato sposato deve poter godere di normali relazioni sessuali con il proprio sposo/a, avendo pertanto un mezzo legittimo di soddisfazione sessuale.
  • l’accusata non deve essere incinta o in fase di allattamento.
  • l’accusa deve essere sostenuta da
    • quattro maschi adulti Musulmani testimoni oculari dell’atto della penetrazione (è prevista la pena di 80 frustate nel caso la loro testimonianza non fosse valutata attendibile[senza fonte]), oppure da
    • confessione ripetuta 4 volte di fronte a 4 giudici diversi, precisa e dettagliata, e ritrattabile in qualsiasi momento prima della pena.

Un marito può accusare la moglie di zina, giurando 4 volte su Allah di dire il vero, e per la quinta volta invocando su di sé la maledizione di Allah nel caso stia dicendo una bugia. Ma l’accusa può essere invalidata nel caso la moglie pronunci lo stesso giuramento a propria discolpa (Corano 24: 6-9).

Secondo Jayed Ahmad Ghamidi, giurista islamico pakistano, la lapidazione può essere prescritta solo per stupratori e prostitute, ossia per chi abitualmente commette adulterio (hadith 1690 di Sahih Muslim). Sempre secondo Ghamidi, le condizioni stringenti per la lapidazione hanno il fine di regolamentare una pratica fortemente in uso al tempo, come mostrato dai diversi riferimenti alla lapidazione, in forma di linciaggio, presenti nel Corano. L’obiettivo del processo sarebbe stato quello di portare, eventualmente, all’abolizione delle pene fisiche, creando principi tanto rigorosi nella ricerca delle prove da rendere praticamente impossibile l’emissione del verdetto.

In tutte le tradizioni, la lapidazione avviene in ogni caso solo quando un adultero viene volontariamente dal Profeta, confessando e chiedendo purificazione.

Casi attuali di lapidazione[modifica | modifica sorgente]

Tra gli Stati con popolazione a maggioranza musulmana, ben pochi esercitano la pena di morte per lapidazione. Spesso ciò avviene da parte di corti islamiche non ufficiali, parallele alle corti statali. Tali corti nella maggior parte dei casi non fanno nessuno sforzo per rispettare le condizioni imposte dal fiqh per la pena di lapidazione, rifacendosi direttamente ai testi sacri del Corano e degli Hadith, secondo un’ottica fondamentalista. Tali casi non costituiscono una corretta applicazione del diritto penale islamico.

  • Pakistan: la legge islamica prevede la lapidazione, ma non vi sono stati casi.
  • Afghanistan: il sistema legale e giudiziario è frammentato e la lapidazione può essere comminata nelle aree tribali.
  • Iran: la lapidazione viene reintrodotta nel 1983 a seguito della Rivoluzione Islamica sciita, con la ratifica del Codice Penale Islamico. I giuristi iraniani concordano sulla impossibilità pressoché totale di comminare la pena di lapidazione in base alle condizioni imposte dal fiqh. Inoltre, a causa dell’opposizione interna e internazionale il governo e il sistema giudiziario hanno imposto una serie di moratorie sulla pratica, nel 2002 e nel 2008. Ciononostante, la lapidazione ha continuato ad essere una pena legale e ad essere praticata in taluni casi.
  • Sudan, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti: vengono riportati casi di lapidazione, con o senza sentenza.
  • Somalia: la lapidazione viene effettuata nei territori controllati dalle forze delle corti islamiche. Nell’ottobre 2008 una ragazza 13enne viene lapidata nello stadio di Chisimaio di fronte a 1000 persone, dopo aver suppostamente confessato e richiesto la pena ad una corte islamica. Pare che la ragazza fosse invece stata arrestata dopo aver denunciato uno stupro, e quindi consegnata alla corte.[senza fonte]
  • Nigeria: dodici stati della Nigeria settentrionale hanno reintrodotto la Sharia come codice penale tra 2000 e 2001, nonostante tali norme confliggano con la Costituzione nigeriana. Amina Lawal venne condannata alla lapidazione per essere rimasta incinta fuori dal matrimonio, per essere poi rilasciata a causa delle forti pressioni internazionali.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]