Amina Lawal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Amina Lawal Kurami (Katsina, 4 gennaio 1973) è una donna nigeriana che fu condannata nel febbraio 2002 alla lapidazione, colpevole di adulterio. A seguito di una imponente mobilitazione dei mass media di tutto il mondo, il caso fu riportato su tutti i principali telegiornali, quotidiani e siti web.

I numerosi appelli che seguirono questa campagna di sensibilizzazione portarono all'assoluzione della donna il 25 settembre 2003.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]