Walter Duranty

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Walter Duranty (Liverpool, 18843 ottobre 1957) è stato un giornalista britannico, vincitore del Premio Pulitzer nel 1932. Fu capo dell'ufficio di corrispondenza di Mosca del New York Times dal 1922 al 1936.

Gli scritti[modifica | modifica wikitesto]

La corrispondenza dall'Unione sovietica e la sua intervista allo stesso Stalin lo rese celebre in patria e ben visto dallo stesso presidente sovietico. Particolarmente importanti furono gli articoli da lui scritti negli anni trenta, nei quali sosteneva sempre con maggiore convinzione la politica economica di Stalin e ne elogiava le grandi doti personali, con toni che successivamente furono considerati apologetici, alimentando il culto della sua personalità anche in occidente. Celebri sono diventate le corrispondenze del 1931, nelle quali Duranty tesseva le lodi dei piani quinquennali sovietici, con tanto di interviste a funzionari o altre personalità sovietiche.

Il premio Pulitzer[modifica | modifica wikitesto]

Queste corrispondenze valsero al giornalista il Premio Pulitzer del 1932. Ma gli articoli successivamente considerati più controversi dovevano ancora venire. La politica di collettivizzazione aveva provocato una forte reazione nelle campagne ucraine, di conseguenza le autorità sovietiche per riuscire a piegarne la resistenza approvò una politica di requisizione delle derrate alimentari, dando inizio a una vasta carestia.

Holodomor[modifica | modifica wikitesto]

La carestia provocò un numero di vittime indicato fra quattro e sette milioni. Le autorità sovietiche chiusero le frontiere agli affamati, impedirono anche il movimento all'interno dell'Unione Sovietica a chi cercava mezzi di sostentamento, negando con convinzione le condizioni critiche della popolazione e rifiutando ogni aiuto. Un altro scopo di questa politica era la russificazione dell'Ucraina, visto che le spinte autonomiste del cosiddetto "granaio d'Europa" preoccupavano i dirigenti sovietici. Questa politica di russificazione colpì anche altre zone dello stato sovietico. I servizi segreti sovietici, l'OGPU, "organizzarono" viaggi nelle zone colpite per poter impressionare e convincere l'opinione pubblica che la politica sovietica stava riportando notevoli successi e che contava sul sostegno della popolazione. Il leader radicale francese Édouard Herriot, lo scrittore Bernard Shaw e appunto Duranty, furono tra i protagonisti di questi viaggi propagandistici. Gli ucraini invece, per descrivere questa tragedia, coniarono il termine Holodomor, che vuol dire "strage da fame provocata dall'uomo".

In contrapposizione a Duranty agirono invece altri giornalisti, come Malcolm Muggeridge e Gareth Jones, che entrarono in territorio sovietico e descrissero la situazione. Il primo accusò senza mezzi termini Duranty di essere "il più grande bugiardo della storia del giornalismo".

La richiesta di ritirare il premio[modifica | modifica wikitesto]

Il lavoro di Robert Conquest e di altri giornalisti e storici, ma anche le pressioni delle comunità ucraine sparse nel mondo e dello stesso governo di Kiev, hanno riaperto la questione del Pulitzer. Una tesi successivamente sposata dallo stesso direttore del New York Times, Bill Keller.[1] Nel 2003, una commissione si riunì per discutere se ritirare il premio, ma rigettò la proposta: secondo la commissione, infatti, non era possibile individuare una chiara prova della malafede dell’inviato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Si confronti, a tal proposito, l'articolo pubblicato dal New York Times il 23 ottobre 2003.

Controllo di autorità VIAF: 64064182 LCCN: n81139378

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie