Valeriano López

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Valeriano López
Dati biografici
Nome Valeriano López Mendiola
Nazionalità Perù Perù
Altezza 188 cm
Peso 82 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Carriera
Squadre di club1
1946-1948 Sport Boys Sport Boys 54 (62)
1949-1950 Deportivo Cali Deportivo Cali 39 (43)
1951-1952 Sport Boys Sport Boys 30 (44)
1953 Huracan Huracán 18 (10)
1954-1956 Alianza Lima Alianza Lima 38 (33)
1957 Ramon Castilla Ramón Castilla 5 (4)
1958-1960 Sport Boys Sport Boys 10 (7)
1961 Deportivo Cali Deportivo Cali 5 (4)
Nazionale
1947-1955 Perù Perù 12 (11)
Palmarès
Transparent.png Giochi Bolivariani
Oro Perú 1948
Coppa America calcio.svg Copa América
Bronzo Cile 1955
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Valeriano López Mendiola (Casma, 4 maggio 1926Callao, 1994) è stato un calciatore peruviano, di ruolo attaccante.

Soprannominato El tanque de Casma ("Il carro armato"),[senza fonte] ha giocato come attaccante centrale, aiutato dalla stazza potente, 188 cm per 82 kg. È considerato uno dei più grandi colpitori di testa della storia del calcio di sudamerica.

Nella massima serie realizzò 207 gol in 199 partite. Il rapporto tra reti segnate da López e partite giocate è di 1,04. In sudamerica è paragonabile soltanto con quelle di Bernabé Ferreyra (1.01) e Arthur Friedenreich (1.10).

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Realizzatore prolifico, era molto bravo nel colpire di testa, tanto che oltre la metà dei suoi gol furono fatti in quel modo. Era un centravanti d'area di rigore, dotato di grande forza fisica, buona tecnica e dalla potenza del suo destro.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Iniziò la sua carriera nel Sport Boys, club nel cui è il calciatore più rappresentativo della storia. Nel corso della stagioni 1946, 1947 e 1948 realizzò sorprendentemente 62 reti in 54 partite, con una media superiore ad un gol a partita. È, inoltre, cannonieri i tre anni. In 1949 sanctioned a perpetuity alla fuga della concentrazione del Nazionale di calcio del Perù.

Passato al Deportivo Cali, (Colombia) nel 1949, diventando subito nella stella della squadra, contribuì con i suoi 43 gol in 39 partite. Era il leader del Deportivo Cali prima che i Millonarios di Alfredo Di Stefano e Adolfo Pedernera, in quei classici di calcio colombiano. López ha stabilito il record storiche di gol in giornate consecutive nel campionato colombiano (12 partite)

In 1951 la sanzione è sollevata e tornato in patria, al Sport Boys, vince el titolo nazionale, laureandosi capocannoniere del calcio peruviano realizzando l'impressionante record di 31 gol in 18 partite, essendo riuscito a essere il realizzatore più prolifico a livello sudamericano dell'anno 1951.

Dopo avere realizzato il successo, ha inizio la sua parabola discendente, dovuta principalmente alla sua dipendenza dall'alcol e alla sua passione per la cosiddetta bella vita, ma anche alla sua scarsa disciplina.

Nel 1953 López passò all'Huracan, ma non ebbe molto successo in terra argentina; nonostante vada in rete con buona regolarità, 10 reti in 18 presenze, è però inferiore alle attese.

Nel 1954 torna in patria, al Alianza Lima, vince due titoli nazionale (1954 e 1955). Dopo gioco in Ramón Castilla, Sport Boys e Deportivo Cali, dove terminò la carriera di calciatore in 1961.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Con la sua nazionale ha partecipato in due Coppa America (1947 e 1955). Nel 1948 vince la medaglia d'oro nei Giochi Bolivariani e il titolo di capocannoniere con 5 gol. Inoltre, ha partecipato Calcio ai Giochi panamericani, dove ha annotato 5 gol di testa contro Panamá, 2 contro Messico e una contro l'Uruguay, che gli valsero il titolo di capocannoniere.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Sport Boys: 1951, 1958
Alianza Lima: 1954, 1955

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

1948

Individuale[modifica | modifica sorgente]

1946, 1947, 1948, 1951
1948
  • Cannoniere sudamericano dell'anno
1951
1952

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]