Uovo di nefrite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Uovo di nefrite
Anno 1902
Primo proprietario Marija Fëdorovna Romanova
Attuale proprietario
Istituzione o individuo è una delle uova andate perdute
Caratteristiche
Materiali nefrite, oro, diamanti e probabilmente acquerello su avorio o madreperla

L'Uovo di nefrite, o Uovo di nefrite impero o Uovo con medaglione di Alessandro III, è una delle uova imperiali Fabergé, un uovo di Pasqua gioiello che l'ultimo Zar di Russia Nicola II donò a sua madre, l'imperatrice vedova Marija Fëdorovna.[1]

Fu fabbricato nel 1902 a San Pietroburgo sotto la supervisione del gioielliere russo Peter Carl Fabergé della Fabergè.

È una delle quattro uova imperiali che attraverso sculture o ritratti in miniatura commemorano Alessandro III, le altre sono: lo scomparso Uovo in memoria di Alessandro III del 1909, l'Uovo di Alessandro III a cavallo del 1910 e l'Uovo con ritratti di Alessandro III del 1895.

L'Uovo di nefrite è una delle otto Uova Imperiali Fabergé andate perdute.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

L'uovo probabilmente è fatto di nefrite, in stile Impero, con una base d'oro, decorazioni di diamanti e un ritratto del defunto zar Alessandro III, probabilmente acquerello su avorio o madreperla, in un medaglione.[1]

La sorpresa potrebbe essere la "miniatura di Alessandro III di Zehngraf in una cornice di nefrite, prestata da Sua Altezza Imperiale la granduchessa Ksenija di Russia" (figlia di Marija Fëdorovna) citata nel catalogo di una mostra tenuta nel 1935 in Belgrave Square a Londra .[1]

Non sono note immagini.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Mieks. Vedi collegamenti esterni.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]