UAZ 469B

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
UAZ 469
UAZ rome.jpg
Descrizione generale
Costruttore bandiera  UAZ
Tipo principale Fuoristrada
Altre versioni UAZ-469
Produzione dal 1972 al 1985
Sostituisce la GAZ-69
Sostituita da UAZ 31512
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4025 mm
Larghezza 1785 mm
Altezza 2015 mm
Passo 2380 mm
Massa 1540-1670 kg
Altro
Assemblaggio Ul'janovsk (Russia)
Altre antenate UAZ 460
Altre eredi UAZ Hunter
Stessa famiglia UAZ 452
Auto simili Land Rover Defender
Daihatsu Taft
Mitsubishi Pajero
Nissan Patrol
Rayton Fissore Magnum
Suzuki LJ80
Suzuki Samurai
Toyota Land Cruiser
Lada Niva
Note in Europa oggi importate come Tigr
Uaz-469-1.jpg

La UAZ 469b è un fuoristrada sovietico costruito dalla UAZ a partire dal 1972 in sostituzione della GAZ-69.

La UAZ 469b è la versione civile della UAZ 469, veicolo utility e comando della classe 3/4 Ton destinato a sostituire la GAZ 69 nelle sue diverse versioni in seno alle forze armate sovietiche.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La gestazione del veicolo è stata particolarmente lunga e laboriosa, con i primi progetti risalenti al 1956 e con indirizzi tecnici più volte riveduti e corretti, frutto delle esigenze di creare un veicolo in grado di poter operare dalle temperature al di sotto dei -30 °C della Siberia fino ai 50 °C dei deserti.

Alla fine, soprattutto per ottenere un basso costo di produzione standardizzando quanto più possibile l'uso di componenti utilizzati per la produzione di altri veicoli, si optò per l'adozione della meccanica del furgone UAZ 452, in produzione presso gli stessi stabilimenti dal 1966, che a sua volta adottava trasmissione finale della GAZ 69 e motorizzazione della berlina GAZ M-21 Volga.

Dopo 10 anni di severi test volti ad assicurare ottime prestazione in fuoristrada, robustezza e affidabilità, la produzione ha inizio il 15 dicembre 1972 con l'uscita dalle catene di montaggio della prima 469b prodotta in serie.

La produzione cesserà a giugno del 1985, quando la 469b lascerà il posto alla UAZ 31512, a sua volta versione civile della nuova 3151 destinata all'Armata Rossa, portando con sé importanti modifiche sia meccaniche che estetiche al modello originario tra i quali differenziali con rapporti più lunghi, freni a doppio circuito, comando idraulico della frizione, ecc.

Tecnica[modifica | modifica sorgente]

La versione civile 469b differisce dalla 469 destinata all'Armata Rossa, prodotta a partire dal 1973, fondamentalmente per l'adozione dei ponti tipo GAZ 69 (luce minima da terra 22 cm.) in luogo dei ponti con riduzione a cascata d'ingranaggi sui mozzi, detti "ponti a portale" (luce minima da terra 30 cm.), e da un motore con impianto elettrico non schermato e anfibio, come invece presente sulla versione militare. Anche la 469b ostenta interamente l'origine militare semplice, robusta e razionale del progetto, si pensi ad esempio alla capacità di guado senza preparazione di ben 80 cm.

Il veicolo può trasportare 7 passeggeri, 5 disposti frontemarcia e 2 lateralmente, e 100kg di carico oppure 2 passeggeri e 600kg di carico, con capacità di traino di circa 750kg nella sua configurazione originale.

Inizialmente la UAZ 469b adottava il motore benzina UMZ 451M a 4 cilindri in linea di 2445 cc distribuzione ad albero a camme laterale, 72CV ed una notevolissima coppia motrice gia' a pochissimi giri, coadiuvato da un cambio 4 marce con sincronizzazione solo sulla 3 e 4 marcia in blocco con il riduttore. A partire dal 1980, la 469b uscì dalle linee di produzione con il più potente motore UMZ 414 da 80CV, sostituito a sua volta dall'UMZ 417, utilizzato dalla berlina GAZ M-24 Volga.

Il veicolo adotta particolari soluzioni già viste sulla GAZ 69 e sul UAZ 452, quali il doppio serbatoio (78 litri di capacità totale) ed il posizionamento delle molle a balestra sopra i ponti, tipico dei veicoli da trasporto pesante, ma anche antiquate soluzioni tecniche ereditate dalla GAZ-69 quali ammortizzatori a leva e impianto frenante a singolo circuito con pompa senza servoassistenza.

Nel 1980 la 469 ricevette un importante ammodernamento: un motore più potente, gli ammortizzatori a leva fecero posto ai più moderni ammortizzatori a stelo, l'impianto elettrico fu rimodernato con l'adozione di un nuovo gruppo luce di posizione, dei fanali posteriori e delle frecce laterali, infine il pacco balestre posteriori fu snellito passando da 9 a 7 fogli.

A partire dal Giugno 1985, la 469b fu sostituita dalla UAZ 31512, a sua volta versione civile della nuova 3151 destinata all'Armata Rossa, portando con sé importanti modifiche sia meccaniche che estetiche al modello originario quali differenziali con rapporti più lunghi, freni a doppio circuito, comando idraulico della frizione, ecc.

La UAZ in Italia[modifica | modifica sorgente]

A differenza della 469 destinata unicamente alle forze armate interne, la 469b fu ampiamente esportata sia ad uso civile che militare in tutti i paesi ad influenza sovietica, ma anche in Italia, unico paese occidentale, dove l'esemplare di preserie n.13 fu presentato dai F.lli Martorelli e dall'Avtoexport al Salone dell'Auto di Torino dell'ottobre 1972. Lo stesso importatore milanese Martorelli a partire dalla metà degli anni '70 provvederà a rimotorizzare la 469b, montando in alternativa al motore originale russo a benzina svariati motori: i Diesel Peugeot da 2100 cm³, 2300 cm³ e 2500 cm³, in seguito il prestante 2000 cm³ Fiat Benzina Bialbero e infine l'ottimo 2400 cm³ TurboDiesel prodotto dalla VM Motori di Cento (Italia) e montato anche sulle Alfa Romeo 75 e Alfa Romeo 90. Pochi esemplari hanno adottato anche le motorizzazioni diesel OM 3500 nella metà degli anni '70, Sofim 2500 nella prima metà degli anni '80 e diesel Peugeot da 2100 cm³ 12V dalla seconda meta anni '90.

Ancora oggi la datata ma inossidabile "469b" rivive nella produzione della "Hunter" e "Tigr", veicoli strettamente derivati dalla primogenitrice, con diverse sospensioni e trasmissione, motorizzata da tre nuovi motori meno inquinanti: due ZMZ a benzina di cui il primo un 2693 cm³ a iniezione da 128 cv e il secondo un 2900 cm³ a carburatori da 84 cv e inoltre un Andoria TurboDiesel da 85cv.

Motorizzazioni[modifica | modifica sorgente]

Benzina[modifica | modifica sorgente]

Modello Motore Cilindrata Potenza Coppia motrice Velocità km/h Peso Kg
UMZ-451M 4 cilindri 2445 cc 53 kW (72 cv @ 4000 rpm) 166 N·m @ 2500 rpm 100 1540
UMZ-414 4 cilindri 2445 cc 58 kW (78 cv @ 4000 rpm) 166 N·m @ 2500 rpm 115 1540
UMZ-417 4 cilindri 2445 cc 59 kW (80 cv @ 4000 rpm) 166 N·m @ 2500 rpm 115 1650
FIAT 2.0 Bialbero 4 cilindri 1995 cc 82 kW (112 CV @ 5600 rpm) 164 N·m @ 4800 rpm 140 1670

Diesel[modifica | modifica sorgente]

Modello Motore Cilindrata Potenza Coppia motrice Velocità km/h Peso Kg
Peugeot-Indenor 2.1 Diesel XDP 4.90 4 cilindri 2112 cc 43 kW (59 cv @ 4250 rpm) 128 N·m @ 2400 rpm 115 1620
Peugeot-Indenor 2.3 Diesel XD2P 4 cilindri 2304 cc 46 kW (62 cv @ 4250 rpm) 128 N·m @ 2400 rpm 115 1620
Peugeot-Indenor 2.5 Diesel XD3P 4 cilindri 2498 cc 56 kW (73 cv @ 4500 rpm) 150 N·m @ 2000 rpm 120 1630
VM Motori HR492HT (turbodiesel) 4 cilindri 2393 cc 74 kW (100 CV @ 4200 rpm) 220 N·m @ 2400 rpm 140 1670
PSA 2.1 12V Diesel XUD11A 4 cilindri 2138 cc 61 kW (83 CV @ 4600 rpm) 147 N·m @ 2000 rpm 130 1680

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili