Mitsubishi Pajero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Mitsubishi Pajero
Mitsubishi Pajero LF.jpg
Mitsubishi Pajero prima serie
Descrizione generale
Costruttore Giappone  Mitsubishi Motors Corporation
Tipo principale Fuoristrada
Produzione dal 1982
Altre caratteristiche
Altro
Stessa famiglia Hyundai Galloper
Mitsubishi Pajero Evolution
Mitsubishi Pajero Pinin
Mitsubishi Pajero Sport
It police suv 2.jpg
Pajero in dotazione alla Polizia italiana

Il Mitsubishi Pajero è un fuoristrada prodotto dall'azienda nipponica Mitsubishi Motors Corporation fin dal 1982.

Ne sono state prodotte varie serie:

  • La prima serie è stata prodotta dal 1982 al 1991.
  • La seconda serie è stata prodotta dal 1991 al 1999.
  • La terza serie è stata prodotta dal 1999 al 2006.
  • A fine 2006 è arrivata la quarta serie.

In America e in tutti i paesi ispanici è chiamato Mitsubishi Montero, poiché in spagnolo "pajero" è una parola volgare. In Argentina il verbo "pajar", che indica l'azione di fare avanti e indietro con il carrello di una pistola per caricarla, passa metaforicamente a significare la masturbazone maschile. In Gran Bretagna è chiamata Mitsubishi Shogun.

La Pajero si è molto distinta anche nelle competizioni automobilistiche vincendo varie edizioni della Rally Dakar e altre gare, con un modello Evoluzione di quello di serie.

Prima Serie (L040)[modifica | modifica sorgente]

Prima Serie (L040)
Un Pajero prima serie
Un Pajero prima serie
Descrizione generale
Versioni metal o caravans top (3 porte) e station wagon (5 porte)
Anni di produzione dal 1981 al 1991
Dimensioni e pesi
Lunghezza 3995 e 4650 mm
Larghezza 1680 mm
Altezza 1850 e 1890 mm
Passo 2350 e 2695 mm
Massa 1600 e 1800 kg
Altro
Auto simili Land Rover Defender e Discovery
Nissan Patrol e Nissan Patrol GR
Rayton Fissore Magnum
Toyota Land Cruiser
UAZ 469
Note dati della prima serie
normale e wagon
Un Pajero prima serie "Wagon"
Un Pajero prima serie "Wagon"

La prima serie fece il suo debutto al Salone dell'automobile di Tokyo nell'ottobre 1981 e fu messa nel mercato nel maggio 1982.

Si trattava di un fuoristrada di medie dimensioni con carrozzeria 3 porte metal o canvas top; successivamente fu presentato il modello wagon con 7 posti e tetto semi-alto.

Motorizzazioni:

  • 2.0 l 4 cilindri in linea Benzina (2000/2.0, anche in versione sovralimentata con turbocompressore[1])
  • 2.6 l 4 cilindri in linea Benzina (Astron 2.6)
  • 2.3 l 4 cilindri in linea Diesel aspirato (2.3 D)
  • 2.3 l 4 cilindri in linea TurboDiesel (2300 TD/2.3 TD).
  • 2.5 l 4 cilindri in linea TurboDiesel (2500 TD/2.5 TD).
  • 3.0 l 6 cilindri a V Benzina (V6 3.0)

In Italia fu disponibile a partire dal 1983 con il motore 2.3 TD, successivamente rimpiazzato dal turbodiesel 2.5; arrivò anche qualche macchina con il 2.6 a benzina e il 3.0 V6 sempre a benzina.

Il Pajero della prima serie aveva il telaio a longheroni e traverse con carrozzeria imbullonata al telaio, trazione posteriore con quella anteriore inseribile, differenziale posteriore autobloccante, riduttore a 2 rapporti. Le sospensioni erano a ponte rigido con balestre al retrotreno e indipendenti a barre di torsione all'avantreno (soluzione studiata per privilegiare il comfort). Nel corso degli anni fu interessata da continui interventi migliorativi: ad esempio nel 1989 è stata introdotta sulla versione 2.5 Turbodiesel l'intercooler; quella a benzina è passata dal 2.6 al 3.0 litri V6. Nel 1989 venne anche modificata la sospensione posteriore, passando dalle balestre ai molloni elicoidali.

La prima serie fu usata su licenza dalla Hyundai Precision Products (divisione della Hyundai) per la produzione dello Hyundai Galloper dal 1991 al 2003, esportato in Europa per alcuni anni.

Seconda serie (V20)[modifica | modifica sorgente]

Seconda serie (V20)
Un Pajero seconda serie
Un Pajero seconda serie
Descrizione generale
Versioni metal o canvas top (3 porte) e station wagon (5 porte)
Anni di produzione dal 1991 al 1999
Dimensioni e pesi
Lunghezza 4,725 mm
Larghezza 1.785 mm
Altezza 1.850 e 1.890 mm
Passo 2.350 e 2.695 mm
Altro
Auto simili Land Rover Defender e Discovery
Nissan Terrano II e Patrol GR
Rayton Fissore Magnum
Toyota Land Cruiser
UAZ 469
Note dati della prima serie
normale e wagon
Un Pajero seconda serie "Wagon" dopo il restyling
Un Pajero seconda serie "Wagon" dopo il restyling

La seconda serie, prodotta dal 1991 al 1999, fu disponibile in 3 carrozzerie: 3 porte Metal o Canvas Top e 5 porte Wagon ed era caratterizzata da un esterno completamente nuovo con dimensioni leggermente aumentate rispetto alla prima serie. Anche gli interni vennero completamente ridisegnati.

Motori:

  • 2.5 TurboDiesel Intercooler
  • 2.8 TurboDiesel Intercooler
  • 2.4 Benzina
  • 3.0 V6 Benzina
  • 3.5 V6 Benzina

I cambi restarono sempre a scelta tra manuale a 5 marce e cambio automatico a 4, ma il sistema di trasmissione venne rivoluzionato introducendo il Super Select 4WD, molto avanzato. Era venduta con l'ABS di serie e, nei modelli più accessoriati, con sospensioni regolabili elettricamente. Negli anni vennero introdotte varie migliorie estetiche, gli airbag e nel 1994 il motore 2.8 TurboDiesel Intercooler. Verso la fine del 1997 fu presentato un grosso restyling della carrozzeria con qualche modifica anche agli interni. Nello stesso periodo fu introdotta una versione Evolution, derivata direttamente dalla versione da gara, che anticipava alcune novità presenti nel modello V60.

Terza serie (V60)[modifica | modifica sorgente]

Terza serie (V60)
Un Pajero V60
Un Pajero V60
Descrizione generale
Versioni metal top (3 porte) e station wagon (5 porte)
Anni di produzione dal 1999 al 2006
Dimensioni e pesi
Lunghezza 4300 e 4800 mm
Larghezza 1860 mm
Altezza 1880 e 1870 mm
Passo 2550 e 2780 mm
Massa 2000 e 2100 kg
Altro
Auto simili Land Rover Defender e Discovery
Nissan Terrano II, Patrol GR e Pathfinder
Toyota Land Cruiser
UAZ Patriot
Note dati della Metal Top e della Wagon
Un Pajero terza serie "Wagon"
Un Pajero terza serie "Wagon"

La terza serie, prodotta dal 1999 al 2006, era disponibile in 3 carrozzerie: 3 porte, Metal Top e 5 porte Wagon. La lunghezza del modello base venne ulteriormente aumentata, arrivando a toccare i 4.800 mm nella versione più lunga.

Un Pajero V60 dopo il restyling

Motori:

  • 2.5 TurboDiesel Intercooler
  • 3.2 DI-D Diesel
  • 3.5 GDI Benzina

Il 3.2 DI-D è il motore che ha avuto più successo, con distribuzione a 16 valvole, iniezione diretta e 160 cavalli di potenza.

Il sistema di trasmissione era l' SS4-II, derivato dal Super Select 4WD. Il cambio era manuale a 5 marce o automatico con funzione sequenziale sempre a 5 marce. Nel 2003 venne presentata una serie di ritocchi estetici, ma soprattutto furono adottati diversi sistemi elettronici di controllo della trazione.

Quarta serie (V80)[modifica | modifica sorgente]

Quarta serie (V80)
Un Pajero V80 "Wagon"
Un Pajero V80 "Wagon"
Descrizione generale
Versioni metal top (3 porte) e station wagon (5 porte)
Anni di produzione dal 2006
Dimensioni e pesi
Lunghezza 4310 e 4900 mm
Larghezza 1870 mm
Altezza 1880 e 1870 mm
Massa 2100 e 2200 kg
Altro
Auto simili Jeep Commander
Land Rover Defender e Discovery
Nissan Patrol GR e Pathfinder
Toyota Land Cruiser
Note dati della Metal Top e della Wagon
Un Pajero quarta serie "Van"
Un Pajero quarta serie "Van"

La quarta serie, prodotta dalla fine del 2006, è disponibile in due carrozzerie: 3 porte Metal Top e 5 porte Wagon. Il motore 3.2 DI-D è stato aggiornato a Common-rail (170 cv per la versione con cambio automatico e 160 per il cambio manuale). Esternamente di distingue dalla terza serie nel frontale, nella parte posteriore e qualche altro particolare. Gli interni sono completamente nuovi ed è disponibile un sofisticato sistema hi-fi. Le modifiche maggiori hanno interessato la scocca, che è stata rinforzata, i motori, ora più brillanti e i sistemi di controllo della trazione.

Dal 2010 il motore 3.2 DI-D è stato ulteriormente potenziato a 200 CV. IL modello viene sostanzialmente migliorato ogni anno con piccole aggiunte interne ed esterne che ne migliorano la funzionalità. Dal 2011 il modello 3 porte rispetta la normativa Euro V, mentre il Wagon è ancora Euro IV. Motori:

  • 3.2 DI-D (abbinato al cambio manuale): 4 cilindri, 160 CV (118 kW) di potenza e 380 N·m a 2000 rpm di Coppia Max.
  • 3.2 DI-D (abbinato al cambio automatico): 4 cilindri, 170 CV (125 kW) di potenza e 380 N·m a 2000 rpm di Coppia Max.
  • 3.8 V6 Benzina: 6 cilindri, 249 CV (183 kW) di potenza e 340 N·m a 2750 rpm di Coppia Max.
  • Nuovo 3.2 DI-D (abbinato al cambio manuale e all'automatico): 4 cilindri, 200 CV (147 kW) di potenza e 441 N·m a 2000 rpm di Coppia Max.

I motori rispettano la normativa Euro IV sulle emissioni. il 200 DI-D sul Metal Top la Euro V. Il 3.0 l V6 è per il mercato giapponese.

Motorizzazioni[modifica | modifica sorgente]

Modello Disponibilità Motore Cilindrata
(cm³)
Potenza Coppia Massima
(Nm)
Emissioni CO2
(g/Km)
0–100 km/h
(secondi)
Velocità max
(Km/h)
Consumo medio
(Km/l)
Metal Top 3.2 DI-D DPF dal 2006 Diesel 3200 147 Kw (200 Cv) 441 224 9.4 180 11.8
Metal Top 3.2 DI-D DPF aut. dal 2006 Diesel 3200 147 Kw (200 Cv) 441 242 10.4 180 10.9
Wagon 3.2 DI-D DPF dal 2006 Diesel 3200 147 Kw (200 Cv) 441 228 10.2 180 11.6
Wagon 3.2 DI-D DPF aut. dal 2006 Diesel 3200 147 Kw (200 Cv) 441 247 11.1 180 10.8

Versione Militare[modifica | modifica sorgente]

Una Type 73 Jeep (Pajero type)

La Mitsubishi produceva una versione su licenza della Jeep CJ3 con motore a gasolio, di cui venne sviluppata anche una versione militare, la Type 73 Jeep “Mitsubishi J24A”.

Dal 1996 è stata sostituita dalla Type 73 Jeep (Pajero type) che è il nuovo mezzo da ricognizione dell'Esercito giapponese. È dotata di cambio automatico, ha molti componenti comuni al Pajero della prima e della seconda serie.

Le caratteristiche principali sono:

  • Lunghezza 4140mm
  • Larghezza 1765mm
  • Altezza 1970mm
  • Peso 1940kg
  • Portata di carico: 440kg - 6 persone
  • Velocità massima: 135km/h
  • Motore: 2.8 litri, 4 cilindri Turbodiesel Intercooler

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Tutte le auto del mondo 1988, Editoriale Domus, Rozzano (MI), 1988, pag. 1289

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili