Spetses

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Spetses
comune
Σπέτσες
Spetses – Veduta
Dati amministrativi
Stato Grecia Grecia
Periferia Attica
Unità periferica Isole
Territorio
Coordinate 37°15′N 23°08′E / 37.25°N 23.133333°E37.25; 23.133333 (Spetses)Coordinate: 37°15′N 23°08′E / 37.25°N 23.133333°E37.25; 23.133333 (Spetses)
Superficie 27,121 km²
Abitanti 3 916 (2001)
Densità 144,39 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 180 50
Prefisso 22980
Fuso orario UTC+2
Targa Z
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Grecia
Spetses
Spetses – Mappa
Sito istituzionale

Spetses (in italiano Velvina, in greco Σπέτσες) è un'isola della Grecia, situata a circa 35 miglia nautiche dal porto del Pireo, che fa parte delle isole del golfo di Saronico o isole saroniche (le altre sono Egina, Idra, Poro e Salamina). Dal punto di vista amministrativo è un comune nella periferia dell'Attica (unità periferica delle Isole) con 3.916 abitanti al censimento 2001[1]

Caratteristico del luogo è il trasporto pubblico che è fornito da carrozze trainate da cavalli; sull'isola (anche per le piccole dimensioni della stessa) non circolano autoveicoli ma solo ciclomotori. Esiste tuttavia un servizio bus per raggiungere le varie spiagge sparse su tutto il perimetro della costa.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'isola, già abitata in epoca micenea (sull'isola si trovano vestigia archeologiche risalenti fino al 2000 a.C.), deriva il nome attuale (precedentemente era nota come Pityoussa prima e Petses, poi) da "isola delle spezie", espressione coniata dai Veneziani (che la controllarono dal XIII al XV secolo) in riferimento al gran numero di piante aromatiche che vi crescono.

Dal 1821 al 1822 Spetses ebbe un ruolo importante nella guerra d'indipendenza greca combattuta contro l'Impero Ottomano: l'8 settembre del 1822 i turchi, che volevano incendiare la base navale presente sull'isola ed imporre così la loro egemonia marittima sul quel tratto dell'Egeo subirono, nonostante la disparità delle forze in campo, la sconfitta della loro flotta grazie all'azione dell'eroina spetsiota Laskarina Bouboulina, temeraria "capitana" che mise tutti i suoi averi a servizio della patria greca combattendo i Turchi in prima persona. La sua statua domina la piazzola vicino il porto di Dapià, nella quale ogni anno si celebra la "festa dell'armata" e i suoi resti si trovano esposti nel locale museo.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Il comune omonimo comprende anche la vicinissa piccola isola di Spetsopoula (piccola Spetses, 11 abitanti) e l'isola Velopoula, disabitata.

Il paese di Spetses (conosciuto anche come Dapia) è il principale centro abitato dell'isola. Altre località sono Moní Agíon Pánton (pop. 32), Ligonéri (16), Ágioi Anárgyroi (11) e Kouzoúnos (3).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Censimento 2001. URL consultato il 4 aprile 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Uno dei tipici calessi di Spetses
Grecia Portale Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Grecia