Sonata in trio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La sonata in trio o sonata a tre è una forma musicale fra le più importanti della musica da camera del periodo barocco (XVII secolo e XVIII secolo).

Origine del nome[modifica | modifica sorgente]

La scrittura di una sonata in trio è per due strumenti melodici ed il basso continuo, in totale ci sono quindi tre parti, da cui il nome. Tuttavia, poiché il basso continuo viene solitamente eseguito da più strumenti (ad esempio il violoncello o la viola ed uno strumento a tastiera quale il clavicembalo), le sonate in trio sono eseguite il più delle volte con almeno quattro strumenti.

Gli strumenti melodici sono spesso due violini. Una eccezione ben nota è la sonata in trio contenuta nell'Offerta Musicale di Johann Sebastian Bach, scritta per violino e flauto. Alle volte una sonata in trio è eseguita solo da un violino e da un clavicembalo, in questo caso sulla tastiera sono eseguite sia una delle due parti melodiche sia la parte del basso.

Una forma atipica e piuttosto rara di sonata in trio è quella per organo solo, in cui le due melodie sono affidate alle mani su due tastiere differenti e il basso continuo al pedale. I più importanti esempi di questo tipo di sonata in trio per un unico strumento sono le sei sonate BWV 525-530 scritte da Johann Sebastian Bach per il figlio Wilhelm Friedemann.

Esempi in repertorio[modifica | modifica sorgente]

  • Tomaso Albinoni 12 sonate da chiesa op. 1 e 12 sonate da camera op . 8.
  • Johann Sebastian Bach, sonate in trio BWV 1036-1039.
    (Tipici esempio di musica da camera barocca, alcune di queste sono di dubbia attribuzione. Sono scritte per basso continuo e due violini, esclusa la BVW 1039, scritta per due flauti e cembalo obbligato.)
  • Johann Sebastian Bach, sei sonate in trio per organo solo BWV 525-530
  • Dietrich Buxtehude, sei sonate in trio op. 1 e sette sonate in trio op. 2.
    (Queste sonate in trio - scritte per violino, viola da gamba e basso continuo - furono le sole opere di Buxtehude ad essere pubblicate durante la sua vita.)
  • Arcangelo Corelli 24 sonate da chiesa op. 1 e op. 3 ; 4 sonate da camera op. 2 e op. 4; e 12 sonate da chiesa e da camera op. 5.
  • George Frideric Handel sonate in trio op. 2 e op. 5.
  • Pietro Antonio Locatelli sonate in trio per due violini o due flauti traversieri e b.c. op. 5 n° 1-6 (1736).
  • Johann Pachelbel, Musikalische Ergötzung, con sei sonate in trio per due violini e basso continuo. (La partitura prevede la scordatura.)
  • Georg Philipp Telemann compose circa 150 sonate in trio, la maggior parte nello stile di Corelli.
  • Antonio Vivaldi, 12 sonate (da camera) in trio op. 1, sonate op. 5.
  • Jan Dismas Zelenka, sei sonate in trio (o quartetto), ZWV 181.
    (In partitura sono previsti due oboi, fagotto e basso continuo. Le parti dell'oboe e del fagotto richiedono agli esecutori una notevole abilità tecnica.)
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica