Son amores

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Son amores
Paese Argentina
Anno 2002-2004
Formato serial TV
Genere sitcom
Stagioni 2
Puntate 463
Durata 45 min.
Lingua originale spagnolo
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 4:3
Colore colore
Audio stereo
Crediti
Interpreti e personaggi
Prima visione
Prima TV Argentina
Dal 28 gennaio 2002
Al 2 gennaio 2004
Rete televisiva Canal 13

Son amores è una sitcom argentina prodotta dal 2002 al 2004 da Pol-ka Producciones e diretta da Rodolfo Antúnez e Daniel De Felippo. Gli ideatori sono Adrián Suar, Jorge Maestro e Ernesto Korovsky, il primo dei tre anche produttore.

La serie ha raggiunto grande successo in patria con ascolti alti, diventando il programma più seguito dell'anno 2002 nella televisione pubblica argentina[1][2] oltre che per aver vinto alcuni premi al Martín Fierro[3] e al Clarín[4].

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Lo stadio Islas Malvinas è stato utilizzato per entrambe le stagioni per le registrazioni della serie

Le prime indiscrezioni sulla sitcom appaiono a metà dell'anno 2001. Nel settembre vengono firmati i primi contratti e nel novembre vengono annunciati gli attori partecipanti[5]. Il telefilm viene annunciato ufficialmente alla presentazione della programmazione dei canali televisivi argentini per la stagione 2002. Nella stessa occasione, viene confermato il cast principale, composto da Miguel Angel Rodríguez, Mariano Martínez, Nicolás Cabré, Florencia Bertotti, Millie Stegmann e Mario Pasik e la trama[6]. Le registrazioni iniziano a metà dicembre 2001[7].

Tra i luoghi utilizzati per le riprese c'è lo Stadio Islas Malvinas e alcuni quartieri di Buenos Aires per le scene esterne, gli studi di Pol-ka per le interne. Il telefilm viene presentata al pubblico all'Hotel Alvear alla presenza del produttore della serie Adrián Suar nel gennaio[8] e debutta il 28 dello stesso mese[9] su Canal 13 per concludersi il 3 gennaio 2003.

Viene confermata una seconda stagione, già dall'ottobre del 2002[10] che inizia le registrazioni nel gennaio del 2003 e finiscono il 15 dicembre dello stesso anno[11]. Lasciano la loro parte Millie Stegman, Marcela Kloosterboer e Reina Reech ed entrano Gabriela Toscano, Norberto Díaz, Jazmín Stuart, Agustina Cherri e Milton Delacanal[12]. Inizialmente, si era pensato anche a Nancy Dupláa per la sostituzione del ruolo di Lola[10], ma alla fine è stata scelta la Toscano. A metà delle registrazioni alcuni attori ritornano, cioè la Stegman e Kloosterboer[13]. La trasmissione inizia 3 marzo 2003 e termina il 2 gennaio 2004.

La serie non fu rinnovata per una terza stagione, vista la nuova produzione di Suar "Los pensionados"[14].

Ascolti[modifica | modifica sorgente]

I primi episodi ottengono un buon risultato di ascolti[15]. Nel marzo supera giornalmente i 20 punti, battendo la concorrenza, ovvero "Franco Buenaventura, el profe"[16].

Il 9 maggio ottiene 17.7 punti, uno dei peggiori per la serie, visto il debutto del programma "El show de Videomatch" di Marcelo Tinelli che ottiene da oltre dieci anni ascolti record[17]. Son Amores supera lo show di di Tinelli nel giugno, arrivando a 27.6 punti contro i 26.6 di Videomatch Il rating medio di Son Amores è comunque di 30 punti, salvo il giovedì e il lunedì in quanto c'è il programma rivale[18]. Il capitolo finale della prima stagione raggiunge 30.9 punti[19] diventando il programma più visto del 2002, leader della sua fascia oraria e in varie occasioni anche il più guardato giornalmente del canale[20].

Il ritorno con la seconda parte, segna 30.4 battendo con il doppio dei punti su "Costumbres Argentinas"[1]. Con il passare dei mesi, perde tra i 4 e i 5 punti di rating, arrivando nel maggio a 20.6[21][22]. Il rating migliora, arrivando alle ultime settimane con una media di 23 punti[14]. Per l'anno 2003 Son amores è la seconda fiction più vista con 21 punti di media, anticipata da "Soy gitano" e succeduta da Costumbres e "Resistiré" che raggiungono rispettivamente 20.1 e 19.8[23].

Trama[modifica | modifica sorgente]

Prima stagione[modifica | modifica sorgente]

Roberto Sánchez, un uomo solitario ed arbitro di calcio, è ossessionato dalle regole. Ad un certo punto della sua vita, sua moglie lo abbandona e inaspettatamente arrivano i suoi due nipoti Martin e Pablo Marquesi, figli della sorella di Roberto. Si trasferiscono per cercare la fortuna e il successo con lo sport, infatti, giocheranno nella prima squadra dei "All Boys". Poco tempo dopo, ai due, si aggiunge anche la sorella minore, Valeria che non sopporta più la vita nei villaggi. Lo zio dovrà abituarsi ad una nuova vita frenetica e non sarà semplice per uno rigido come lui.

Dall'altra parte, c'è Lola che ha una doppia personalità: la prima è un'efficiente ostetrica e la seconda è la donna preziosa di suo marito Guillermo, un uomo che pur amandola, mantiene un certo egoismo nei suoi confronti.

Seconda stagione[modifica | modifica sorgente]

Martín Marquesi, durante la permanenza in Italia per giocare a calcio, si infortuna gravemente ed è costretto ad appendere gli scarpini al chiodo. Suo fratello, Pablo è appena tornato da un viaggio nel sud dell'Argentina. Valeria ha invece scoperto il proprio ragazzo con il suo amante.

Lola viaggia per l'Europa e Roberto si innamora di Chela.

Personaggi e interpreti[modifica | modifica sorgente]

Foto degli attori della telenovela.

Miguel Ángel Rodríguez che interpreta Roberto.
Mariano Martínez che interpreta Martín.
Nicolás Vázquez che interpreta Pato.

Episodi[modifica | modifica sorgente]

La serie è composta da due stagioni per un totale di 463 puntate.

Stagione Puntate Prima TV originale
Prima stagione 245 2002-2003
Seconda stagione 218 2003-2004

Media[modifica | modifica sorgente]

Musica[modifica | modifica sorgente]

La sigla iniziale è cantata da Los Auténticos Decadentes e porta il titolo omonimo alla fiction.

È uscito un album, contenente canzoni cantate da Mariano Martínez e Facundo Espinosa. Il disco è stato certificato disco d'oro in Argentina[24].

Anno Dettagli
2011 Aguante Marquesi

Altri prodotti[modifica | modifica sorgente]

Nel giugno del 2003 viene pubblicato per la prima volta il mensile "El Libro de Son Amores" contenente una sezione dedicata all'oroscopo, interviste e temi legati allo sceneggiato[25]. Dalla serie è uscito anche, nel paese natale, album di figurine, un disco e cappellini[26].

Son amores in teatro[modifica | modifica sorgente]

Son amores è l'adattamento teatrale della serie, diretto da Santiago Doria[27] per conto di Pol-ka Producciones. Le prove sono iniziate tra l'aprile e il maggio del 2002, quando il libro doveva essere ancora concluso[28]. La storia è stata scritta dagli stessi autori televisivi, ovvero Jorge Maestro e Ernesto Korovsky. Il cast era composta dagli attori principali della serie, cioè Miguel Angel Rodríguez, Millie Stegmann, Nicolás Cabré, Mariano Martínez, Florencia Bertotti, Marcela Kloosterboer, Claudia Fontán e Berugo Carámbula[29]. Invece, Laura Azcurra, Mario Pasik e Reina Reech non prendono parte alle rappresentazioni[30]. Lo spettacolo viene presentato ufficialmente al pubblico il 27 giugno, solamente per i giornalisti, compagni e amici del cast[31] ed è composto da tre scene per la durata di circa un'ora. La storia inizia al momento di una cena tra i due innamorati Roberto e Lola e i tre nipoti di lui Martin, Pablo e Valeria e narra dei tre fratelli Marquesi che vogliono lasciare Capitán Gómez per andare a trovare la madre[32].

A metà luglio dello stesso anno l'attrice Millie Stegman che impersona Lola lascia il ruolo per affaticamento da stress che le ha provocato una trombosi. Sul punto di cancellare lo show, gli autori decidono di cambiare, in parte, la storia e così la Stegman viene rimpiazzata dalla collega Reina Reech, la quale aveva già sostituito l'altra attrice che si era assentata per gli stessi motivi[33]. La Reech interpreta lo stesso suo personaggio della serie, ovvero Michi[34]. Nell'agosto vengono sospese le tappe a causa di alcune lesioni ai danni di Mariano Martínez[35].

Anche questa versione fu apprezzata dalla critica e dal pubblico[31][29].

Data[36] Stato Città Teatro
27 giugno 2002[31] Argentina Argentina Buenos Aires Teatro Ópera
28 giugno 2002[30]
29 giugno 2002[30]
30 giugno 2002[30]
4 luglio 2002[37]
5 luglio 2002[37]
6 luglio 2002[37]
12 luglio 2002[38]
13 luglio 2002[38]
14 luglio 2002[38]

Premi e candidature[modifica | modifica sorgente]

Premi e candidature di Son amores
Riepilogo
Premi vinti 11
Nomination 17
Pendenti 0

Distribuzioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Paese Canale/i
Argentina Argentina Canal 13, Volver
Uruguay Uruguay Saeta TV Canal 10
Israele Israele Viva
Newworldmap.svg Mondo Telefe Internacional

Adattamenti[modifica | modifica sorgente]

Dalla sitcom sono state create due versioni locali in:

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

La serie è stata accolta positivamente sia dal pubblico che dalla critica come confermano anche i numerosi premi ricevuti[4][3] anche al di fuori del paese natale, ovvero a Miami[42]. Inoltre, il debutto della seconda stagione arriva a 30 punti di rating[1], superando la concorrenza e vincendo la fascia oraria varie volte.

Il giornale "La Capital" commenta sulla serie: "[piace perché] corrisponde agli standard di qualità a cui gli argentini sono abituati dalle produzioni di Adrián Suar e "conquista le persone con una semplice ed efficace ricetta: racconta la storia che gli abitanti hanno bisogno di vedere. Per farmi capire: in un momento di crisi una commedia romantica in cui l'unica preoccupazione dei suoi protagonisti sono i problemi di cuore è un balsamo che aiuta a dimenticare tutti i problemi"[46]. Il quotidiano "La Nación disse: "una forza di un casting impeccabile, buon soggetto e una delle migliori recitazioni la serie di Pol-ka è un fenomeno"[31].

Nonostante i 25 punti che raggiungeva durante la seconda stagione, il Clarín disse: "anche se il secondo anno non ha avuto la stessa ripercussione del primo e negli ultimi mesi ha perso il vigore e la freschezza che aveva al suo inizio, i personaggi di questa storia si sono installati nell'immaginario televisivo e sono diventati cari al pubblico"[47]. Il giornale La Gaceta analizzò la serie: "rappresentò la nuova forma di fare fiction creata e consolidata per le produzioni indipendenti. Con i valori di sempre, però moderna, fresca e con molto marketing. Arriva in un paese depresso", gareggiando intelligentemente con humor e vince"[26].

La critica si complimentò in più occasioni con il cast, in particolar modo con Nicolás Cabré e Mariano Martínez[48], Florencia Bertotti[49] e Gabriela Toscano[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d (ES) Volvió "Son Amores" y arrasó con el rating, lanacion.com.ar, 4 marzo 2003. URL consultato il 3 agosto 2014.
  2. ^ (ES) Son Amores le ganó a Videomatch in Los Andes, losandes.com.ar, 19 giugno 2002. URL consultato il 3 agosto 2014.
  3. ^ a b c (ES) Premio Martín Fierro 2002, aptra.org.ar. URL consultato il 27 luglio 2014.
  4. ^ a b c (ES) Martha Argerich, figura del año de los premios "Clarín", rionegro.com.ar, 27 novembre 2003. URL consultato il 27 luglio 2014.
  5. ^ (ES) Sergio Maineri, Se va Marcelo Tinelli y lo reemplaza Dady Brieva en Videomatch, mercedsya.com, 28 novembre 2001. URL consultato l'8 agosto 2014.
  6. ^ (ES) Emanuel Respighi, De cómo cambiar para que casi todo siga como está in Pagina 12, pagina12.com.ar, 21 dicembre 2001. URL consultato l'8 agosto 2014.
  7. ^ (ES) Carolina Taffoni, Mariano Martínez: "La televisión no es una presión" in La Capital, lacapital.com.ar, 16 dicembre 2001. URL consultato il 5 agosto 2014.
  8. ^ (ES) Laura Eiranova, Son amores sale a la cancha, terra.com.ar, 23 gennaio 2002. URL consultato il 5 agosto 2014.
  9. ^ (ES) Mario Pasik será un corrupto en la nueva comedia de Canal 13 in El Dia, eldia.com.ar, 28 gennaio 2002. URL consultato il 5 agosto 2014.
  10. ^ a b (ES) El elenco de 2003, larazon.com.ar, 3 ottobre 2002. URL consultato il 6 agosto 2014.
  11. ^ (ES) Pablo Procopio, Sin amores in Gente, gente.com.ar. URL consultato il 6 agosto 2014.
  12. ^ (ES) Emanuel Respighi, “Debemos mantener el éxito, pero sin aburrir”, pagina12.com.ar, 28 febbraio 2003. URL consultato il 6 agosto 2014.
  13. ^ (ES) Millie Stegman, de nuevo en Son amores, losandes.com.ar, 13 settembre 2003. URL consultato il 6 agosto 2014.
  14. ^ a b (ES) Cambio de equipo in La Nacion, lanacion.com.ar, 2 gennaio 2014. URL consultato il 7 agosto 2014.
  15. ^ (ES) Pagina 12, Ni Guevara ni Catriel, ahora es el turno de Franco Buenaventura, pagina12.com.ar, 7 febbraio 2002. URL consultato l'8 agosto 2014.
  16. ^ (ES) Miriam Molero, "Son amores" resiste las tácticas de Telefé, lanacion.com.ar, 14 marzo 2002. URL consultato il 6 agosto 2014.
  17. ^ (ES) El rating favoreció a Tinelli in Clarin, clarin.com, 20 novembre 2002. URL consultato il 6 agosto 2014.
  18. ^ (ES) Son Amores le ganó a Videomatch in Los Andes, losandes.com.ar, 19 giugno 2002. URL consultato l'8 agosto 2014.
  19. ^ (ES) "Son Amores” se despidió bien arriba: más de 30 puntos de rating, clarin.com, 9 gennaio 2003. URL consultato il 6 agosto 2014.
  20. ^ (ES) Son amores se quedó con el duelo del lunes in Diario de Hoy, diariohoy.net, 5 marzo 2003. URL consultato il 6 agosto 2014.
  21. ^ (ES) Los invitados en las tiras aumentan el rating en la TV, lagaceta.com.ar, 21 luglio 2003. URL consultato il 5 agosto 2014.
  22. ^ (ES) Volvió el rating y la pantalla chica se recalienta, eldia.com.ar, 17 maggio 2003. URL consultato il 6 agosto 2014.
  23. ^ (ES) La tercera ficción del año in Clarin, clarin.com, 24 gennaio 2004. URL consultato il 7 agosto 2014.
  24. ^ (ES) Mariano Martínez: mi mundo privado, clarin.com. URL consultato il 13 agosto 2012.
  25. ^ (ES) Son Amores lanza su revista y un casting, losandes.com.ar, 8 giugno 2003. URL consultato il 5 agosto 2014.
  26. ^ a b (ES) Mariano Martínez abandonó a Suar y ya filma con Tinelli, lagaceta.com.ar, 3 gennaio 2004. URL consultato il 6 agosto 2014.
  27. ^ (ES) Nuevas aventuras del clan Rodríguez, laprensa.com.ar, 29 giugno 2002. URL consultato il 4 agosto 2014.
  28. ^ (ES) Se prepara la versión teatral de Son Amores, clarin.com, 20 maggio 2002. URL consultato il 4 agosto 2014.
  29. ^ a b (ES) Una fórmula efectiva también en teatro, rionegro.com.ar, 3 luglio 2002. URL consultato il 4 agosto 2014.
  30. ^ a b c d (ES) Habrá teatro, pagina12.com.ar, 22 giugno 2002. URL consultato il 4 agosto 2014.
  31. ^ a b c d (ES) Natalia Trzenko, Debutó "Son amores" in La Nacion, lanacion.com.ar, 29 giugno 2002. URL consultato il 4 agosto 2014.
  32. ^ (ES) Fernanda Iglesias, Para verlos bien de cerca in Clarin, clarin.com, 30 giugno 2002. URL consultato il 5 agosto 2014.
  33. ^ (ES) La función debe continuar in Clarin, clarin.com, 15 luglio 2002. URL consultato il 4 agosto 2014.
  34. ^ (ES) Millie Stegman cayó presa de un ataque de estrés, lagaceta.com.ar, 16 luglio 2014. URL consultato il 4 agosto 2014.
  35. ^ (ES) Suspenden “Son amores” en teatro, por lesión de Martínez, lavoz.com.ar, 2 agosto 2002. URL consultato il 4 agosto 2014.
  36. ^ Le date non sono complete in quanto è difficile risalire a tutte le funzioni che si sono svolte. Si è sicuri che gli spettacoli si sono prolungati fino ad agosto.
  37. ^ a b c (ES) Laura Eiranova, La "sonamores-manía" salió a la calle, terra.com.ar, 28 giugno 2014. URL consultato il 4 agosto 2014.
  38. ^ a b c (ES) Laura Eiranova, Las estrellas de la TV, en vivo, terra.com.ar, 10 luglio 2002. URL consultato il 4 agosto 2014.
  39. ^ (ES) Premio Clarín 2002, telenoticias.com.ar, settembre 2005. URL consultato il 3 agosto 2014.
  40. ^ (ES) Premio Martín Fierro 2003, aptra.org.ar. URL consultato il 27 luglio 2014.
  41. ^ (ES) Premios al espectáculo, por el Doce, rionegro.com.ar, 25 settembre 2003. URL consultato il 3 agosto 2014.
  42. ^ a b (ES) La competencia que viene in Clarin, clarin.com, 18 maggio 2003. URL consultato il 27 luglio 2014.
  43. ^ (ES) Todos los ganadores in Clarin, clarin.com, 13 giugno 2003. URL consultato il 27 luglio 2014.
  44. ^ (ES) Comienza Buen Partido, mercuriovalpo.cl, 4 agosto 2002. URL consultato il 6 agosto 2014.
  45. ^ (ES) Dos Chicos de Cuidado en la Ciudad se van de gira, elsiglodetorreon.com.mx, 9 gennaio 2004. URL consultato il 6 agosto 2014.
  46. ^ (ES) Ricardo Luque, "Son amores" y el éxito de un cuento de hadas in La Capital, lacapital.com.ar, 30 giugno 2002. URL consultato il 3 agosto 2014.
  47. ^ (ES) Fernanda Longo, Son amores que nunca se olvidan, clarin.com, 4 gennaio 2004. URL consultato il 5 agosto 2014.
  48. ^ (ES) Natalia Trzenko, Nicolás Cabré y Mariano Martínez, juntos son dinamita in La Nacion, lanacion.com.ar, 9 luglio 2002. URL consultato l'8 agosto 2014.
  49. ^ (ES) Leonardo Ibáñez, "Cuando hablo de hombres, me pongo colorada" in Gente, gente.com.ar. URL consultato il 26 luglio 2014.
televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione