Skyline

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati del termine, vedi Skyline (disambigua).

Si definisce skyline (letteralmente linea del cielo) il profilo del panorama delineato dagli edifici di una città e dai loro punti più elevati (guglie o antenne). La parola viene impiegata spesso laddove sono presenti grattacieli o altri edifici che spiccano grazie all'altezza, ma può riferirsi anche a paesaggi naturalistici. In alcuni casi la locuzione è impiegata al fine di sottolineare in modo complessivo come le architetture di una città costituiscano uno tra i segni più impressionanti del potere e della ricchezza espressi da una città. In questo senso lo skyline rappresenta sinteticamente le peculiarità civili, economiche e culturali di una città.

Quando uno skyline è particolarmente ampio, data la presenza di un centro urbano affiancato, si parla anche di cityscape. Alcune metropoli presentano uno skyline che delinea un profilo simile a quello di una montagna artificiale, dove gli edifici più alti si trovano nel centro della città. Solitamente Chicago, Dubai, Hong Kong e New York sono riconosciute come le città che hanno gli skyline più impressionanti al mondo.

Tipi di skyline[modifica | modifica wikitesto]

  • Normale: ripreso durante le ore del giorno in condizioni soleggiata. A volte la presenza di nebbiolina o una ripresa all'alba o al tramonto sono particolarmente apprezzabili.
  • Silhouette: quando gli edifici sono come fusi insieme in un'ombra scura che lascia intravedere solo un profilo bidimensionale.
  • Notturno: ripreso nelle ore notturne con l'illuminazione dell'energia elettrica. In genere sono le luci che definiscono il profilo degli edifici, comprese quelle di eventuali annunci pubblicitari. Per le città sul mare o su laghi anche il riflesso sull'acqua è un importante effetto di solito usato nelle riprese.

In Italia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lista dei grattacieli più alti d'Italia.

I regolamenti sull'edilizia hanno da sempre frenato in Italia la costruzione di edifici oltre una certa altezza. Il primo grattacielo costruito in Italia è il Torrione di Brescia, completato nel 1932 e progettato da Marcello Piacentini[1], mentre il primo grattacielo italiano ad aver superato i 100 m è la torre Piacentini di Genova, del 1940. Per circa due decenni però, dai primi anni '90 al 2010, è stato il Centro Direzionale di Napoli a ospitare l'unico vero skyline italiano e di tutta l'Europa meridionale. Tuttavia, recentemente Milano si sta sviluppando in verticale come ben poche realtà in Europa, grazie a due progetti di riqualificazione di notevole spessore: Progetto Porta Nuova e CityLife. La città meneghina ospita il grattacielo più alto d'Italia: la Torre Unicredit, alta 231 m d'altezza.

Altre città italiane celebri per il loro skyline sono San Gimignano per le sue antiche torri medievali e Torino, dove la particolarità non è data da un agglomerato di grattacieli, ma dai profili della Mole Antonelliana e del Grattacielo Intesa Sanpaolo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ F. Robecchi e G. P. Treccani, Piazza della Vittoria, Brescia, Grafo, 1993.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura