Sepp Bradl

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sepp Bradl
Dati biografici
Nome Josef Bradl
Nazionalità Austria Austria
Germania Germania (1938-1939)
Salto con gli sci Ski jumping pictogram.svg
Dati agonistici
Squadra SC Bischofshofen
Ritirato 1956
Palmarès
Germania Germania
Mondiali 1 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Austria Austria
Torneo dei quattro trampolini 1 trofeo
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Josef Bradl detto Sepp (Wasserburg am Inn, 8 gennaio 1918Mühlbach am Hochkönig, 3 marzo 1982) è stato un saltatore con gli sci e allenatore di sci nordico austriaco. In seguito all'Anschluss gareggiò per un breve periodo per la nazionale tedesca.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Carriera sciistica[modifica | modifica sorgente]

Stagioni 1936-1939[modifica | modifica sorgente]

Nato in Baviera (Germania) ma traferitosi fin dall'infanzia a Mühlbach am Hochkönig, nel Salisburghese (Austria)[1], debuttò in campo internnazionale ad alto livello ai IV Giochi olimpici invernali di Garmisch-Partenkirchen 1936, classificandosi 19º. Il 15 marzo dello stesso anno sul nuovo trampolino Bloudkova velikanka di Planica, in Jugoslavia, Sepp Bradl atterrò a 101,5 metri, primo uomo a saltare oltre i cento metri[1].

Ai Mondiali di Chamonix del 1937, sul trampolino Le Mont, si classificò quinto, mentre nella rassegna iridata di Lahti 1938, sul trampolino Salpausselkä, fu quarto con 221,4 punti. Nello stesso anno s'impose sul Große Olympiaschanze di Garmisch-Partenkirchen e migliorò il suo primato del mondo, nuovamente a Planica, con un salto di 107 metri[1].

Ai Mondiali di Zakopane del 1939, sua ultima partecipazione iridata, gareggiò con i colori della Germania in seguito all'Anschluss avvenuto il 12 marzo 1938; in quell'occasione sul trampolino Wielka Krokiew Bradl vinse la medaglia d'oro con 224,7 punti.

Stagioni 1947-1956[modifica | modifica sorgente]

La Seconda guerra mondiale lo costrinse a sospendere l'attività agonistica, ma al termine del conflitto riprese a gareggiare e nel 1947 vinse il primo dei qui sette titoli austriaci. Partecipò ai VI Giochi olimpici invernali di Oslo 1952 sul trampolino di Holmenkollen, ma si ritirò dopo il primo salto e[senza fonte] non concluse la gara.

Nel 1953 vinse la prima edizione del Torneo dei quattro trampolini, aggiudicandosi la gara sul Bergisel di Innsbruck e piazzandosi secondo sullo Schattenberg di Oberstdorf, sul Große Olympiaschanze di Garmisch-Partenkirchen e sul Paul Ausserleitner di Bischofshofen. A Bischofshofen vinse la gara del Torneo dell'anno successivo. Chiuse la carriera ai VII Giochi olimpici invernali di Cortina d'Ampezzo 1956: sul Trampolino Italia fu dodicesimo con 205,5 punti.

Carriera da allenatore[modifica | modifica sorgente]

Lasciate le competizioni, fu allenatore delle nazionali di salto della Germania e dell'Austria[senza fonte].

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Mondiali[modifica | modifica sorgente]

Torneo dei quattro trampolini[modifica | modifica sorgente]

Torneo dei quattro trampolini - vittorie di tappa[modifica | modifica sorgente]
Data Località Nazione Trampolino
6 gennaio 1953 Innsbruck Austria Austria Bergisel
6 gennaio 1954 Bischofshofen Austria Austria Paul Ausserleitner

Campionati austriaci[modifica | modifica sorgente]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

A Bradl è intitolato il Sepp Bradl-Skistadion di Bischofshofen, in Austria, lo stadio che sul Trampolino Paul Ausserleitner (già Hochkönig) ospita una delle tappe del Torneo dei quattro trampolini[3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (DE) Wolfgang Rieder, Erster Superstar der Springerszene in ORF.at, 18 marzo 2011. URL consultato il 10 gennaio 2012.
  2. ^ ÖSV-Siegertafel. URL consultato il 10 gennaio 2012.
  3. ^ Scheda Skisprungschanzen.com. URL consultato il 10 gennaio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Alfiere dell'Austria ai Giochi olimpici invernali Successore
-- Oslo 1952 Toni Sailer

Controllo di autorità VIAF: 38063269