Segreteria di Stato per le Colonie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Segretaria di Stato per le Colonie o Ministero delle Colonie (meglio nota con l'appellativo di "Colonial Office") fu il dicastero incaricato del controllo delle varie colonie britanniche sparse per il mondo.

Tale ufficio venne creato nel 1768 per trattare con le colonie nordamericane che iniziavano a dare sempre più problemi. In precedenza queste problematiche ricadevano sotto la responsabilità della Segretaria di Stato per i Dipartimenti Meridionali, che si interessava del Sud dell'Inghilterra, del Galles, dell'Irlanda, delle colonie americane e dei i rapporti con gli stati cattolici e musulmani d'Europa.

Nel 1782, dopo la perdita delle colonie americane, l'ufficio venne abolito e le relative funzioni trasferite all'allora Segretario di Stato per gli Affari Domestici, Lord Sydney. Nel 1794 venne creato un nuovo dicastero, con a capo Henry DundasSegretario di Stato per la Guerra, che nel 1801 prese il nome di Segreteria di Stato per la Guerra e le Colonie. Nel 1854, si arrivò alla riforma e alla divisione di quest'ultimo in due dicasteri separati con a capo Sir George Grey a ricoprire l'incarico di primo (in ordine cronologico) "Segretario di Stato per le Colonie".

Nel 1968 il "Commonwealth Office" venne inglobato nel "Foreign Office", cambiando la propria denominazione in "Foreign and Commonwealth Office".

Dal 1768 al 1966 il Segretario di Stato fu coadiuvato nel suo lavoro da un Sottosegretario di Stato per le Colonie (in precedenza Sottosegretario di Stato per la Guerra e le Colonie), e successivamente da un Ministro di Stato.