Sabotage (Beastie Boys)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sabotage
Sabotage.JPG
Screenshot tratto dal videoclip del brano
Artista Beastie Boys
Tipo album Singolo
Pubblicazione 28 gennaio 1994
Durata 2 min : 58 s
Album di provenienza Ill Communication
Genere Rapcore
Etichetta Grand Royal
Produttore Beastie Boys
Mario Caldato Jr.
Beastie Boys - cronologia
Singolo precedente
Professor Booty
(1992)
Singolo successivo
Get It Together
(1994)

Sabotage è una canzone dei Beastie Boys. Primo singolo estratto dal loro quarto album Ill Communication, è stato pubblicato il 28 gennaio 1994.

Nel 2004 il brano è stato inserito nella lista delle 500 migliori canzoni secondo Rolling Stone. Inoltre è stato inserito dalla rivista Q nella classifica 100 Greatest Guitar Tracks alla posizione 46 e nella lista delle migliori canzoni degli anni 90 da VH1 (39) e da Pitchfork Media (19)[1].

Video musicale[modifica | modifica sorgente]

Il video per il brano, diretto da Spike Jonze, è un omaggio-parodia alle serie televisive poliziesche degli anni 70, come S.W.A.T. e Starsky e Hutch. Il video, presentato come una serie televisiva di nome Sabotage, vede la partecipazione dei membri della band come personaggi principali.

Il video è stato nominato in cinque categorie agli MTV Video Music Awards 1994 (Video of the Year, Best Group Video, Breakthrough Video, Best Direction in a Video, Viewer's Choice), senza però vincere in alcuna di queste. Tuttavia riuscì a vincere nella categoria Best Video (That Should Have Won a Moonman) agli MTV Video Music Awards 2009[2].

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Classifica (1994) Posizione
massima
Canada[3] 38
Regno Unito[4] 19
Stati Uniti (under 100) 15
Stati Uniti (alternative)[5] 18

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ The Top 200 Tracks of the 1990s: 50-21, Pitchfork.com, 2 settembre 2010. URL consultato il 4 gennaio 2013.
  2. ^ Spike Jonze Wins Belated VMA for Beastie Boys' 'Sabotage', Theplaylist.blogspot.co.uk, 14 settembre 2009. URL consultato il 4 gennaio 2013.
  3. ^ Beastie Boys Top Singles positions, RPM. URL consultato il 10 maggio 2011.
  4. ^ Beastie Boys, Chartstats.com. URL consultato il 10 maggio 2011.
  5. ^ Beastie Boys Album & Song Chart History, Billboard. URL consultato il 10 maggio 2011.