RPG-7

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
RPG-7
Rpg-7.jpg
Tipo lanciagranate anticarro
Origine Unione sovietica
Produzione
Varianti Tipo 69 e Tipo 69 A1 (Cina)
Descrizione
Peso 6,3 kg
Lunghezza 950mm
Lunghezza canna 95cm
Calibro 40mm
Tipo munizioni Carica cava, 320mm, Razzo impulsore/sostentatore a propellente solido, diametro testata 40,73,80,93,105 mm
Cadenza di tiro 4 colpi al minuto
Tiro utile 400-500m (max 920m)
Alimentazione combustibile
Organi di mira mirino ottico

[senza fonte]

voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia

L'RPG-7 è un'arma portatile controcarro,con una munizione che nel modello di base aveva 85mm di diametro dell'ogiva, e 40mm per il motore a razzo.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Ha una forma caratteristica, è riutilizzabile (come il Bazooka e a differenza di molti moderni razzi anticarro), dietro al tubo centrale ha un tromboncino per lo scarico dei gas a curvatura variabile, rivestito in legno, e possiede 2 impugnature, una per il grilletto, l'altra solo per controllare meglio il lanciarazzi.

Sono disponibili due sistemi di mira, uno con un elaborato reticolo che serve per dare l'anticipo giusto al tiro in caso di veicolo in movimento o di vento laterale, ed un altro (ausiliario) che calcola solo l'alzo in base alla distanza (quello del tipo sull'M72 come unico sistema). Una volta acquisito l'obiettivo e mirato, si lancia il razzo, che pesa circa la metà del lanciarazzi: 2,3 kg. Una volta fuoriuscito dal lanciatore il razzo raggiunge una velocità di quasi 300 metri al secondo, ruotando sul suo asse per stabilizzarsi, grazie alla forma delle alette. La cadenza massima di tiro è di quattro colpi al minuto.

La sua precisione è molto buona in caso di condizioni atmosferiche ideali, ma la traiettoria tende ad essere irregolare con forte vento laterale. Il razzo raggiunge il bersaglio e lo colpisce con una spoletta piezoelettrica ad impatto. La spoletta si attiva in base alla forza di impatto. Se il bersaglio è soffice o protetto da reti metalliche, spesso la testata non esplode, come in alcuni casi durante la guerra del Vietnam. Nominalmente la carica, nei modelli controcarro (poiché va tenuta presente anche l'esistenza di munizioni a frammentazione non controcarro, bensì specificamente antiuomo, come l'OG-7V), perfora 330mm di acciaio, ma in pratica, a seconda della distanza, essa può scendere anche di un terzo di tale valore. In termini di quello che si legge in un TRADOC (Training and Doctrine Command) dell'US Army, la testata può perforare 150mm a 60cm di distanza dall'esplosione e 100mm a 90 cm. A 300 metri è ancora capace di penetrare un blindato M113. I soldati trasportano in genere il lanciarazzi assieme a 3-4 razzi di carica, con 10kg di peso in totale.

La gittata contro bersagli fermi è nominalmente di 500 metri, 400 contro mezzi in movimento, ma è buona pratica limitarsi a circa la metà di tale distanza. La gittata massima è di 920 metri, poiché a tale distanza una spoletta interviene facendo esplodere il razzo, tanto che spesso, contro aerei e soprattutto elicotteri, gli RPG sono stati usati per ruolo antiaereo, con lo scopo di danneggiare grazie alle schegge delle esplosioni i velivoli a circa 1 km di distanza (più vicino, invece, si cerca il centro diretto).

Una versione interessante dell'RPG-7 è quella per truppe speciali, con la capacità di smontare in 2 parti il lanciarazzi. Altri dispositivi sono la disponibilità di eventuali sensori di visione notturna.

Utilizzo[modifica | modifica sorgente]

Soldato dell'Esercito nazionale afgano armato di RPG

L'RPG-7 è stato usato largamente dagli anni sessanta in poi, e molti paesi ne hanno fatto copie. Esso è un'arma di fattura elegante, potente, con molte parti fatte in legno di qualità, come il rivestimento del tubo lanciarazzi.

In azione, gli RPG hanno mostrato aspetti positivi, ma anche qualche limite. Sebbene questi lanciarazzi spesso colpissero il bersaglio, la detonazione non era sempre assicurata, causa difetti della spoletta e soprattutto la presenza di reti, sacchetti ecc. che ne inibivano il funzionamento, essendo essa piezoelettrica. Quando la perforazione avveniva, in veicoli come gli M113, il piccolo foro della carica cava trapassava spesso il veicolo senza fare molti danni, anche perché i soldati avevano l'abitudine di stare sopra il mezzo piuttosto che dentro.

In Somalia, i somali non avendo armi antiaeree spararono con gli RPG contro un UH-60 Black Hawk abbattendolo su Mogadiscio, come descritto nel film Black Hawk Down - Black Hawk abbattuto, perché gli elicotteri statunitensi erano abbastanza protetti dal fuoco delle armi leggere.

Munizioni alternative[modifica | modifica sorgente]

L'aggiornamento dell'RPG è facile: nuove munizioni non hanno bisogno di fare altro che entrare nel tubo di lancio, le testate restano fuori e possono aumentare a dismisura. La munizione PG-M è molto più lunga, pesante e potente, con circa 350-400mm di perforazione. La munizione OG-7V è caratterizzata dal particolare uso prevalentemente antiuomo (non utilizzata, quindi, in funzione anticarro contro corazzati o veicoli). La PG-7VR è l'ultima e più potente delle munizioni giunte nella quarantennale storia di questo lanciatore: ha una testata a carica cava in tandem, con un calibro di ben 105mm per la maggiore e una più piccola, forse da 80mm. In tutto, esso perfora circa 650mm.

La differenza è notevole: l'RPG-7 base ha difficoltà a perforare i fianchi di carri armati dotati di pannellature laterali, sopra i cingoli, che danno una distanza dallo scafo di 70-80cm, e quindi riducono molto la possibilità della carica cava di perforare i 5-8cm di acciaio laterali. La conseguenza è che il razzo non ha che poca forza distruttiva per danneggiare gli interni dello scafo, e se l'angolo d'impatto supera i 15 gradi sulla perpendicolare della fiancata, allora sarà molto difficile superare la corazza, per non parlare della presenza dei cingoli e dei rulli guidacingoli. Contro la torretta, l'eventuale presenza di cassetti porta dotazioni sui lati della torre, combinata con lo spessore della stessa, ha anche in questo caso molte possibilità di bloccare l'RPG-7. Paradossalmente, la corazza frontale, pur essendo più inclinata e spessa, ma non spaziata, potrebbe essere più vulnerabile, ma con l'avvento delle corazzature composite anche questo finisce per diventare pressoché impossibile.

Con la PG-7VR, se non con la PG-7M e V, la possibilità di perforare la corazza laterale dei carri armati, anche dei più moderni, è assicurata fino ad almeno 40 gradi di angolo d'impatto, mentre i carri senza corazza reattiva o protezioni composite devono temere tale ordigno anche frontalmente. Si tratta dell'evoluzione di un'arma che deve stare al passo con i tempi, e i carri hanno avuto molti miglioramenti della protezione. Tuttavia questa munizione sembra ancora relativamente poco diffusa.

Tipo 69 e Tipo 69 A1[modifica | modifica sorgente]

Il Tipo 69 e il derivato Tipo 69 A1 sono copie della prima versione dell'RPG-7 russo prodotte in Cina.

La versione cinese fu quella preferita dagli Afghani durante l'invasione sovietica dell'Afghanistan, in quanto più leggera e soprattutto con una maniglia di trasporto a metà del tubo lanciarazzi, che consentiva un trasporto molto agevole anche senza la tracolla.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]