Quercia di Carlo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Quercia di Carlo
Mappa della costellazione
Mappa della costellazione
Coordinate
Ascensione retta 06 h
Declinazione -52°
Dati osservativi
Visibilità da Terra
Transito al meridiano marzo
Costellazioni attuali
Assorbita da:

La Quercia di Carlo (Robur Carolinum in latino) era una costellazione introdotta da Edmond Halley nel 1678 come gesto patriottico nei confronti del proprio re, Carlo II d'Inghilterra. Rappresenta la quercia nella quale si nascose re Carlo dopo la sua sconfitta da parte delle armate repubblicane di Oliver Cromwell nella battaglia di Worcester.

Halley si recò sull'isola di Sant'Elena, nell'Atlantico meridionale, nel 1676 per osservare le stelle australi. Presentò i risultati delle sue osservazioni alla Royal Society di Londra al suo ritorno, nel 1678, e l'anno seguente pubblicò un catalogo di stelle del cielo australe, il Catalogus Stellarum Australium, accompagnato da una carta celeste. Halley descrisse la sua nuova costellazione come una «perpetua memoria» del re, ma si è rivelata meno duratura di quanto avesse sperato. La Quercia di Carlo venne «smantellata» dall'astronomo francese Nicolas Louis de Lacaille, che classificò le stelle meridionali circa 75 anni dopo Halley, ma non venne subito dimenticata: lo stesso Johann Elert Bode la rappresentò nel suo atlante del 1801 col nome di Robur Caroli II.

Era situata tra la Carena e la Croce del Sud.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]