Product Red

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Red product.gif

Product Red, scritto (PRODUCT)RED o semplicemente (RED), è un'organizzazione con marchio no-profit rilasciato sotto licenza a varie aziende partner, i cui derivati vengono devoluti al Fondo globale per la lotta all'Aids, la tubercolosi e la malaria. Il marchio è posseduto dalla The Persuaders LLC, società fondata nel 2006 da Bobby Shriver, attivista americano, e Bono Vox, frontman del gruppo rock irlandese U2; l'iniziativa è stata annunciata il 26 gennaio 2006 al Forum Economico Mondiale a Davos, Svizzera. Il fondo globale ha indicato il Rwanda come primo beneficiario dei primi proventi della Product Red.

Filosofia[modifica | modifica sorgente]

L'iniziativa è nata per accrescere la notorietà è i fondi della FGLATM, tramite una collaborazione con marchi prestigiosi, creando prodotti con brand (RED). La società però non è un'associazione di beneficenza bensì un modello economico innovativo, progettato per incrementare il flusso di denaro donato da aziende private a fondi di beneficenza, senza rincari per il consumatore. Il rapporto è infatti proficuo per entrambe le parti: (RED) sfrutta la notorietà e le conoscenze economiche delle aziende, ricavandone una percentuale sulle vendite che verrà reindirizzata al fondo globale, ad esclusione di una piccola percentuale usate per le spese di management, dall'altra parte l'azienda/partner ne guadagna in immagine e in vendite.

Critiche[modifica | modifica sorgente]

La (Product) Red è stata accusata di non aver un impatto proporzionale all'investimento pubblicitario, di essere molto meno efficace dei tradizionali contributi diretti di carità,[1] e di avere poca trasparenza sugli importi e le percentuali delle vendite.[2] Alcuni critici sostengono che un intermediario fra donatore e associazione di beneficenza è inutile.[3]. Un'altra critica è che, con l'utilizzo da parte della Red Product di tecniche tradizionali di raccolta fondi, come l'organizzazioine di concerti, è incoerente con l'affermazione di innovazione che contraddistingue il marchio.[4] Altri critici hanno sottolineato il fatto che l'enfasi finanziaria rivolta sulla ricerca per cure contro l'AIDS, in ultima analisi, fa guadagnare le aziende farmaceutiche, o di utilizzare la malattia come veicolo pubblicitario.[5]

Prodotti[modifica | modifica sorgente]

I prodotti (RED) sono riconoscibili per il colore e per il marchio. Il colore, come si può desumere dal nome, è il rosso, tinta scelta per l'associazione con l'emergenza, e l'emergenza indicata dalla (Product) Red è la piaga dell'AIDS in Africa. Il logo è invece sono le parentesi rosse che contengono il marchio associato e la scritta "RED" in alto a destra a mo' di esponente.

Marchi[modifica | modifica sorgente]

I marchi associati a (RED) sono American Express, Beats, GAP, Emporio Armani, Converse, Apple, Dell, Hallmark, Starbucks, Shazam e Windows. Oltre a prodotti a marchio (RED), la (Product) Red ha collaborato con il quotidiano britannico The Independent e la rivista Vanity Fair; inoltre ha organizzato un concerto chiamato (Red)Nights e fondato il (Red)Wire un music store/magazine on line. Dal 30 novembre 2009 la nota multinazionale Nike entra a far parte della lista dei partner, ormai in frequente espansione, lanciando sul mercato dei lacci rossi in occasione del Campionato mondiale di calcio 2010. Il ricavato verrà totalmente devoluto a favore della lotta contro l'AIDS in Africa.[6]

Eventi[modifica | modifica sorgente]

Nel 2012 l'associazione Cash & Rocket Tour si associa al marchio (RED) e organizza un road trip per l'Europa[7] nell'obiettivo di raccogliere fondi per la lotta contro l'AIDS trasmessa da madre a figlio[8]. Due imprenditrici italiane Umberta Beretta e Gabriella Magnoni Dompé, hanno raccolto più denaro di tutte le 70 donne partecipanti scelte tra libere professioniste.[senza fonte]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ AfriComNet, African Network for Strategic Communication in Health and Development, Costly Red Campaign Reaps Meager $18 Million, March 5, 2007.
  2. ^ WorldChanging.com, Building a Better (RED), by Jonathan Greenblatt, October 31, 2006.
  3. ^ Philanthropyaction.com, News & Commentary: (Red) Gets a Beating, Mar 20, 2007 Archive.
  4. ^ Philanthropyaction.com, News & Commentary: "The Global Fund Not Seeing Red", April 29, 2008
  5. ^ MSNBC.com, Retailers tap into shoppers' do-gooder spirit, by Matthew Perrone, December 2, 2006.
  6. ^ (BLOG) RED - One Color Unites Us: Announcing (RED)'s new partner: NIKE, November 30, 2009.
  7. ^ Telegraph.co.uk, "Cash & Rocket (RED) hits the road in style", harriet Quick, 13 giugno 2012
  8. ^ VanityFari.it, "Cash & Rocket (RED) tour", harriet Quick, 13 giugno 2012

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]