Procuste

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Teseo e Procuste, anfora attica a figure rosse, 470460 a.C., da Nola, conservata al Staatliche Antikensammlungen

Nella mitologia greca classica, Procuste (recte: Procruste[1], dal termine greco Προκρούστης, Prokroustês, che significa "lo stiratore"; Procrustes in latino) è il soprannome di un brigante greco di nome Damaste (o anche Polipèmone) che, appostato sul monte Coridallo, nell'Attica, lungo la via sacra tra Eleusi e Atene, aggrediva i viandanti e li straziava battendoli con un martello su di un'incudine a forma di letto scavata nella roccia o metallica.

I malcapitati venivano infatti stirati a forza se troppo corti, o amputati qualora sporgessero dal letto. Ulteriori interpretazioni del mito (che divennero predominanti) affermavano invece che Damaste possedesse due letti, uno molto corto e uno molto lungo: egli tormentava e uccideva i viandanti stirando quelli di bassa statura sul letto lungo e amputando le membra di quelli di alta statura avanzanti dal letto corto.

Damaste fu sconfitto e ucciso da Teseo che lo incontrò mentre si recava ad Atene da Trezene; egli lo costrinse allo stesso supplizio che imponeva alle sue vittime.

Con la locuzione letto di Procuste o "letto di Damaste", derivata da questo mito, si indica il tentativo di ridurre le persone a un solo modello, un solo modo di pensare e di agire, o più genericamente una situazione difficile e intollerabile o una condizione di spirito tormentosa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il soprannome del personaggio mitologico è spesso presentato nella forma vulgata Procuste, sebbene la traslitterazione italiana di Προκρούστης sia Procruste: cfr. Procruste, Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca