Premonition (film 2007)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Premonition
Premonition.jpg
Sandra Bullock in una scena del film.
Titolo originale Premonition
Lingua originale Inglese
Paese di produzione USA
Anno 2007
Durata 96 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, thriller
Regia Mennan Yapo
Sceneggiatura Bill Kelly
Produttore Ashok Amritraj, Jon Jashni, Adam Shankman, Jennifer Gibgot, Sunil Perkash
Produttore esecutivo Nick Hamson, Andrew Sugerman, Lars Sylvest
Casa di produzione TriStar Pictures. Metro-Goldwyn-Mayer, Hyde Park Entertainemnt, Offspring Entertainment
Distribuzione (Italia) Sony Pictures
Fotografia Torsten Lippstock
Montaggio Neil Travis
Effetti speciali Jack Lynch
Musiche Klaus Badelt
Scenografia J. Dennis Washington
Costumi Jill M. Ohanneson
Trucco Pamela S. Westmore
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
« Hanno detto che è stato un incidente. Ma la realtà... è che non è ancora successo. »
(Tagline del film)

Premonition è un film del 2007 di Mennan Yapo con Sandra Bullock.

Negli Stati Uniti è uscito nelle sale il 16 marzo 2007, in Italia il 7 settembre 2007.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Linda Hanson sta trascorrendo la sua giornata tipica di casalinga quando apprende da un agente di polizia che suo marito Jim, via per lavoro, è morto in un incidente d'auto. Linda è sconvolta, ma quando si risveglia il giorno dopo scopre che Jim è vivo e non è ancora partito per lavoro. Confusa, Linda pensa che si sia trattato di un sogno, ma quando l'indomani si risveglia di nuovo, si trova nel bel mezzo del funerale di Jim. Sempre più sconvolta e sull'orlo della pazzia, Linda capisce che sta vivendo la settimana non in ordine cronologico, e sapendo ciò che accadrà, forse può fare qualcosa per salvare la vita del marito.

Cronologia degli eventi[modifica | modifica wikitesto]

Giovedì[modifica | modifica wikitesto]

Linda viene svegliata dalle figlie che le chiedono quando tornerà il loro papà, che il giorno prima è partito per lavoro. Linda le accompagna a scuola, torna a casa e fa le faccende mentre ha una breve telefonata con l'amica Annie. Sulla segreteria troverà una telefonata del marito: le assicura che quello che aveva detto la sera prima, davanti alle figlie, sul divano era vero quando all'improvviso riceve un avviso di chiamata a cui esclama: "Ma sei tu!" e chiude la conversazione, verosimilmente per rispondere a questa seconda chiamata. Poi lo sceriffo Reilly la informa della morte del marito, avvenuta il giorno prima in un incidente con un camion. Linda avvisa le bambine e sua madre Joanne rimane a dormire da lei, per occuparsi delle bambine. Linda invece ancora sotto shock si addormenta sul divano.

Lunedì[modifica | modifica wikitesto]

Linda si sveglia nel proprio letto e non trova sua madre a casa, ma ritrova il marito in cucina. Il marito vedendola perplessa le chiede che cos'abbia, e lei risponde semplicemente di aver avuto un incubo. Mentre accompagna le figlie a scuola, incontra lo sceriffo Reilly, che si comporta come se non si fossero mai conosciuti. Tornata a casa, mentre stende i panni, Linda nota un corvo morto, che raccoglie e butta nella spazzatura.

Sabato[modifica | modifica wikitesto]

Linda si sveglia e nota sul comodino una bottiglia di vino, e gli specchi coperti con dei lenzuoli. Jim non è nel letto, e in bagno trova un flacone vuoto di carbonato di litio, prescritto da un certo dott. Norman Roth. Sentendo voci al piano di sotto, trova parenti e amici a lutto, per il funerale di Jim. Linda chiede dove siano le bambine e le raggiunge in giardino, dove scopre che la figlia più grande, Bridgette, ha il viso sfigurato da dei tagli. Le bambine sembrano non notare le ferite e la più piccola dice alla madre che la sorella è, come sempre, "bella come una principessa". Durante il funerale, Linda chiede animosamente di vedere il corpo del marito, che scopre essere decapitato. In seguito mentre la bara viene sotterrata, nota fra la folla una donna bionda che né lei né Joanne conoscono. Quando Linda l'avvicina la donna si scusa profusamente, e le dice che hanno avuto una conversazione il giorno prima.

Tornati a casa, arriva anche il dott. Norman Roth, che Linda non conosce assolutamente. È stato chiamato da Joanne, preoccupata per le ferite della nipote per le quali Linda non sapeva dare spiegazioni. Linda viene portata in un istituto e sedata, mentre sente il dott. Roth dire alla polizia di aver conosciuto la donna il martedì, quando gli aveva detto che il marito sarebbe morto l'indomani.

Martedì[modifica | modifica wikitesto]

Linda si risveglia e trova il marito sotto la doccia. Al tavolo della colazione nota che Bridgette non ha alcuna ferita sul viso e poi nella spazzatura trova il corvo. Cerca sull'elenco telefonico l'indirizzo del dott. Roth, che va a trovare per raccontargli ciò che le sta accadendo. In seguito si reca all'ufficio del marito, dove nota un atteggiamento strano fra lui e Claire, la donna che aveva visto al funerale. Più tardi nel pomeriggio, Bridgette si ferisce sul volto sfondando involontariamente una porta a vetri e viene portata in ospedale. Tornata a casa, Linda rassicura la figlia dicendo che nessuno dovrà più parlare delle sue ferite e che lei rimane comunque "bella come una principessa" e copre gli specchi con dei lenzuoli. Rimette insieme le esperienze vissute e comincia ad annotarsi gli eventi della settimana, nell'ordine in cui dovrebbero essere accaduti. Prima di andare a dormire, prega il marito di non partire l'indomani. Al suo rifiuto, si fa promettere che almeno l'avrebbe svegliata prima di andar via.

Venerdì[modifica | modifica wikitesto]

Linda si risveglia sul divano e si rende conto che è venerdì. Si reca a casa di Claire, dove questa le confessa la relazione avuta col marito. Parlando con Annie, Linda le confessa che in fondo non è stato un male che Jim sia morto, considerando quanto male avrebbe fatto alle figlie col suo tradimento. All'ufficio di Jim, inoltre la donna scopre che il marito proprio il mercoledì (il giorno in cui è morto) aveva triplicato la polizza dell'assicurazione sulla propria vita. Dopo aver confermato i dettagli del funerale, Linda torna a casa e chiede alla madre se lasciare morire una persona sia come ucciderla.

Domenica[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver mandato Jim a giocare con le figlie al parco, Linda confessa il tutto a padre Kennedy. Il prete le racconta di molte storie simili a quella che sta vivendo lei e la incoraggia ad avere fede. Dopo aver visitato il luogo in cui avverrà l'incidente, il "miglio 220", Linda torna a casa. La donna incoraggia le figlie ad abbracciare il padre e dirgli quanto gli vogliono bene. Jim dichiara che anche lui gliene vuole, e che ama tantissimo anche Linda. Lei esce fuori casa, sotto la pioggia, seguita dal marito e lo mette sotto pressione, dicendogli che le cose fra loro due sono cambiate e cominciano a litigare. Prima che Jim possa spiegare un fulmine colpisce un palo dell'elettricità che fulmina un corvo. I due corrono in casa, e prima di andare a letto, si riappacificano e fanno l'amore.

Mercoledì[modifica | modifica wikitesto]

Linda si sveglia e si accerta che è mercoledì, il giorno dell'incidente. Jim è già uscito di casa, e così lei si mette al suo inseguimento. L'uomo intanto passa dall'assicurazione per triplicare la propria polizza sulla vita; dopo di che chiama Claire annullando l'appuntamento "romantico" che avrebbero dovuto avere. Linda raggiunge la macchina di Jim intorno al miglio 220, e lo chiama al telefono cellulare proprio mentre egli sta lasciandole il messaggio in segreteria che avrebbe ascoltato il giorno dopo; gli chiede di fermarsi e tornare indietro. Facendo inversione, evita per pochissimo la collisione con un'altra automobile. Jim tenta invano di far ripartire l'automobile che non si riaccende più. Nel frattempo Linda, appena scesa dalla propria macchina, nota un camion arrivare in direzione dell'auto di Jim; gli dice disperatamente più volte di scendere dall'auto, ma Jim ne è impossibilitato dato che la portiera risulta bloccata. Il camion travolge l'automobile di Jim che successivamente prende fuoco uccidendolo.

[modifica | modifica wikitesto]

Il tempo si sposta in avanti di diversi mesi. Le bambine svegliano la madre, dicendo che è arrivato il camion del trasloco. Linda è felice di vedere che le ferite dal viso di Bridgette sono quasi del tutto scomparse. Prima di tirarsi su dal letto, Linda ricorda le parole di padre Kennedy, che le aveva detto che ogni giorno in vita è un miracolo. Quando si alza del tutto si vede il suo avanzato stato di gravidanza.

Finale alternativo[modifica | modifica wikitesto]

Nei contenuti extra dell'edizione DVD e Blu-ray, oltre a varie scene inedite (tra cui una versione estesa del ricovero di Bridgette in ospedale), è presente anche un finale alternativo. Il tempo si sposta in avanti di diversi mesi. Le bambine svegliano la madre, dicendo che è arrivato il camion del trasloco. Linda è felice di vedere che le ferite dal viso di Bridgette sono quasi del tutto scomparse. Prima di tirarsi su dal letto, Linda sente il rumore della doccia provenire dal bagno. Quando si alza del tutto si vede il suo avanzato stato di gravidanza. Linda si dirige in bagno e si ferma davanti alla tenda della doccia. Il film si conclude con Linda che apre la tenda e assume un'espressione sconvolta (non ci viene mostrato quello che vede).

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Slogan promozionali[modifica | modifica wikitesto]

  • «It's not your imagination.»
    «Non è la vostra immaginazione.»
  • «Reality is only a nightmare away.»
    «La realtà è solo un incubo lontano.»
  • «Reality or Imagination.»
    «Realtà o Immaginazione?»
  • «Hanno detto che è stato un incidente. Ma la realtà... È che non è ancora successo.»
  • «Mi sveglio e lui è morto.. mi sveglio e lui è vivo…»
  • «Se lasciassi morire Jim, è come se l'avessi ucciso io?»

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato girato in Louisiana, doveva essere girato a New Orleans, ma l'uragano Katrina ha costretto i realizzatori a scegliere un altro posto. È stato girato in 45 giorni.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha ricevuto opinioni negative, inclusa una quota dell'8% su Rotten Tomatoes, con 141 opinioni rotten (marce) e 12 fresh (fresche).[1] Questo lo posizionò nella classifica Worst of the Worst (Peggiore del Peggiore) di Rotten Tomatoes. Nonostante le critiche negative, molti critici - incluso Rex Reed (famosissimo critico cinematografico americano) - hanno elogiato la performance di Sandra Bullock.[2][3]

Box office[modifica | modifica wikitesto]

Premonition è stato proiettato in 2831 cinema e arrivò al terzo posto dietro a 300 e Wild Hogs, e ha incassato 17.558.689 dollari con una media di 6.202 $. Il film rimase nelle sale per 7 settimane e ha incassato 47.852.604 dollari negli Stati Uniti e $ 84.146.832 in tutto il mondo.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Quando Linda (Sandra Bullock) viene legata al lettino nella scena dell'ospedale psichiatrico, l'attrice si è davvero tagliata accidentalmente. Così, invece di utilizzare una controfigura per l'iniezione, è stata davvero Bullock a ricevere la puntura.
  • Julian McMahon ha anche recitato nel telefilm "Streghe" (1998). Casualmente in questo telefilm interpreta il ruolo di un demone che si innamora di una strega chiamata Phoebe (Alyssa Milano) che ha il potere delle premonizioni.
  • Lo script originale finiva con Linda che riesce a salvare Jim, ma sembrava troppo Hollywoodiano; così hanno finito per rendere più cupo il finale.
  • È stata un'idea di Sandra Bullock che Linda fosse incinta alla fine del film.
  • L'ospedale in cui Linda porta Bridgette dopo che si è tagliata è lo stesso che è utilizzato per girare le scene del telefilm E.R. - Medici in prima linea, precisamente al secondo piano.
  • La figlia maggiore della protagonista ha, nella scena iniziale del film, il volto sano e intatto; mentre seguendo la cronologia del film doveva avere il volto pieno di cicatrici. Infatti la bambina finisce contro la vetrata quando il padre è ancora vivo.
  • Il doppiaggio italiano contiene una traduzione sbagliata che potrebbe far pensare ad un altro errore di sceneggiatura. Nel messaggio che Jim lascia in segreteria Mercoledì mentre è in auto, il marito rassicura la moglie dicendole che quello che ha detto la sera prima davanti alle figlie è vero. Ma la sera prima non c'è stato alcun discorso particolare. In realtà Jim si riferisce alla conversazione avuta la Domenica (quindi diversi giorni prima) e questo è facilmente verificabile ascoltando l'audio in originale dove il marito pronuncia le parole "the other night" quindi "l'altra sera" e non "ieri sera" come erroneamente tradotto in italiano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Premonition on Rotten Tomatoes, rottentomatoes.com. URL consultato il 6 gennaio 2013.
  2. ^ (EN) Premonition on Metacritic, metacritic.com. URL consultato il 6 gennaio 2013.
  3. ^ Rex Reed, I See Sandra Bullock!: Gorgeous star has weird visions in so-so mystery Premonition, The New York Observer, 18 marzo 2007. URL consultato il 6 settembre 2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema