Posta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Posta (disambigua).

Il servizio postale (identificato genericamente anche come posta) è quel servizio, gestito da enti pubblici o società private, che ha per oggetto lo smistamento, la gestione e la consegna della corrispondenza in un dato territorio. Col termine posta si indica anche la corrispondenza stessa.[1]

Ogni paese utilizza un proprio sistema postale e i diversi sistemi postali sono coordinati in modo che sia possibile effettuare invii postali virtualmente in tutto il mondo. La tariffa per la spedizione è pagata dal mittente in anticipo tramite l'applicazione di francobolli o dal destinatario tramite contrassegno.

Storia del servizio postale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi storia della posta.

I primi sistemi postali[modifica | modifica sorgente]

Il primo uso documentato di un servizio organizzato di spedizione si ha in Egitto, dove i Faraoni usavano corrieri per la diffusione dei loro decreti nel territorio dello Stato (2400 a.C.). Questa pratica ha quasi certamente radici nella più vecchia pratica di comunicazioni orali e potrebbe essere stata costruita su una infrastruttura già esistente. La prima buca delle lettere al mondo si trova in Piazza della Libertà a Castel Gandolfo (Prov. di Roma).

Antica Roma[modifica | modifica sorgente]

Cina[modifica | modifica sorgente]

Persia[modifica | modifica sorgente]

Altri sistemi[modifica | modifica sorgente]

Posta moderna[modifica | modifica sorgente]

Cassetta per le lettere, sec. XIX

Il sistema attuale è organizzato da servizi statali e privati che sono connessi reciprocamente da regole, organizzazioni e accordi internazionali. Lettere e fatture possono essere inviate in quasi tutti i paesi nel mondo in modo relativamente semplice ed economico. La rete Internet ha permesso l'invio istantaneo di corrispondenza, e in molti casi e situazioni l'uso della posta elettronica ha sostituito l'invio tradizionale. Ciò nonostsante il sistema postale tradizionale registra movimentazioni in crescita, anche grazie alle maggiori possibilità di comunicazione internazionale fornite dalla rete web stessa.

Caratteristiche del sistema postale[modifica | modifica sorgente]

Servizio postale universale[modifica | modifica sorgente]

Sebbene l'organizzazione del sistema postale da parte di privati non sia universalmente proibito, tradizionalmente i sistemi postali, costituiti nel XIX secolo, sono stati di dominio pubblico. Il motivo è la necessità di offrire un servizio universale, ovvero di raggiungere qualsiasi punto del territorio, senza pregiudizi dovuti all'eventuale antieconomicità. Per esempio, trasportare la posta in un'isola con pochi abitanti ha un costo maggiore rispetto all'invio in un quartiere di una grande città: ciononostante il servizio postale è concepito in modo da offrire quasi sempre allo stesso prezzo il servizio, indipendentemente dall'ubicazione del destinatario e del mittente (all'interno della nazione). Inoltre il sistema dev'essere accessibile da tutti, quindi avere un costo contenuto: per questo motivo lo stato talvolta interviene sovvenzionando il sistema postale.

Riserva postale[modifica | modifica sorgente]

Un modo di sovvenzionare il servizio postale universale è quello di garantire all'azienda fornitrice il monopolio di una certa serie di servizi. Questo gruppo di servizi prende il nome di riserva postale. In Italia, come negli altri stati europei, il sistema postale era di dominio pubblico. A partire dal 1999 tuttavia, alcune direttive della comunità europea hanno aumentato gli ambiti di concorrenza, armonizzando i vari sistemi postali. Uno dei punti più importanti di queste direttive è la riduzione dell'ambito di riserva postale del fornitore di servizio universale.

Italia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Poste Italiane.

L'Italia ha recepito le direttive della comunità europea. I costi aggiuntivi del servizio universale vengono pagati dallo stato con un contratto a rinnovo biennale. A partire dal 1º gennaio 2006 il monopolio di Poste Italiane è ridotto agli invii con peso inferiore a 50 grammi, che rappresentano tuttavia ancora la maggioranza della corrispondenza epistolare. In realtà anche altre aziende possono trasportare posta di peso inferiore a 50 grammi, ma devono applicare un prezzo almeno 2 volte e mezzo superiore a quello di Poste Italiane. Ciononostante è nata una serie di aziende che si definiscono poste private, anche se nessuna di queste possiede per ora una rete infrastrutturale in grado di competere con Poste Italiane.

Espresso, corriere, pony express[modifica | modifica sorgente]

Un mercato affine a quello delle poste è quello delle spedizioni per corriere espresso. Questo mercato, a differenza di quello postale, è completamente liberalizzato, ovvero non esiste un monopolio, dal momento che i prezzi del servizio sono appunto maggiori di 2 volte e mezzo il prezzo di una lettera, quindi anche il limite dei 50 grammi non si applica. Il servizio espresso si basa sull'offerta di servizi aggiuntivi, quali la maggiore velocità o affidabilità, la possibilità di seguire la spedizione (tracking), la conferma di consegna e la consegna a un orario predefinito. A questi servizi si affiancano i servizi di corriere vero e proprio, in cui una singola persona (il corriere) segue l'intera spedizione personalmente. Nelle città maggiori sono presenti anche i Pony Express, corrieri cittadini in grado di effettuare consegne entro poche ore all'interno della città.

Altri servizi delle aziende fornitrici del servizio postale[modifica | modifica sorgente]

Le aziende postali sfruttano spesso la propria rete infrastrutturale per funzioni ulteriori oltre a quella di invio della corrispondenza e dei pacchi. In alcuni paesi i servizi offerti spaziano anche nella telefonia e telegrafia. In altri, i servizi postali sono affiancati anche da servizi bancari o di telefonia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Definizione e significato di Posta in Dizionario di Italiano, Corriere della Sera. URL consultato il 23 agosto 2013.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]