Ente pubblico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un ente pubblico, nell'ordinamento giuridico italiano, è una ente creato secondo norme di diritto pubblico, attraverso la quale la pubblica amministrazione italiana svolge la sua funzione amministrativa per il perseguimento di un interesse pubblico.[1]

Gli enti pubblici (che possono anche essere persona giuridica) si contrappongono quindi agli enti creati secondo norme di diritto privato; che pur essendo per lo più destinati a perseguire interessi di carattere privato, possono tuttavia svolgere anche funzioni amministrative.[2]

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Tratti salienti sono:

  • la prevalenza nel rapporto con altri soggetti di diritto, per esempio con le persone fisiche, le quali non sono pertanto in dignità paritaria nei confronti dell'ente[3] (autoritatività dei provvedimenti dell'ente);
  • uno stretto controllo da parte degli organi statali sull'operato dell'ente (per esempio controlli sul recte agendi, ma anche nomina governativa o parlamentare delle cariche interne all'ente);

Autarchia[modifica | modifica sorgente]

L'autarchia, letteralmente, è la capacità di governarsi da sé; in questo contesto è la capacità degli enti, diversi dallo Stato, di possedere delle potestà pubbliche per il perseguimento dei propri interessi.

Tipiche espressione dell'autarchia degli enti pubblici possono essere la possibilità di agire per il tramite di provvedimenti amministrativi con la stessa efficacia di quelli emessi dallo Stato, o la capacità di fornire certificazione o il potere di determinare la propria organizzazione interna.

Autotutela[modifica | modifica sorgente]

Il potere di autotutela è garantito a ogni ente pubblico o a ogni altro organo stabilito dalla legge in ordine alla possibilità di risolvere un conflitto di interessi attuale o potenziale e, in particolare, di sindacare la validità dei propri atti producendo effetti incidenti sugli stessi, nell'ambito di tutela dell'interesse pubblico.

Sono esempi di questa capacità il potere di revoca, sospensione, proroga, rimozione degli "effetti dell'atto", di annullamento o convalida dell'atto e dei suoi effetti ex tunc, o ancora di riforma, sanatoria, ratifica e rinnovazione dell'atto e dei suoi effetti ex nunc.

Autonomia[modifica | modifica sorgente]

L'autonomia è la capacità degli enti di emanare atti normativi o provvedimenti che hanno valore sul piano dell'ordinamento generale alla stessa stregua di quelli dello Stato, impugnabili rispettivamente davanti al giudice costituzionale o amministrativo a seconda del rispettivo rango nella gerarchia delle fonti.

In sintesi è la titolarità di un potere discrezionale legislativo o amministrativo nella formazione dei propri atti.

Esistono diversi gradi e tipi di autonomia che sono attribuiti dalle leggi agli enti pubblici:

  • autonomia legislativa (potere normativo primario);
  • autonomia regolamentare (potere normativo secondario);
  • autonomia statutaria (potere normativo in tema di organizzazione e funzionamento dell'ente stesso);
  • autonomia finanziaria;
  • autonomia contabile;
  • autonomia di indirizzo amministrativo;
  • autonomia tributaria].

Autogoverno[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Organismo di diritto pubblico.

L'autogoverno definito come la facoltà di alcuni degli enti pubblici di amministrarsi per mezzo di organi i cui membri sono eletti da coloro che ne fanno parte.

Fini e attribuzioni[modifica | modifica sorgente]

Gli enti pubblici, in quanto persone giuridiche, perseguono i fini stabiliti dal proprio statuto e tale discorso vale anche per l'ente pubblico principale, lo Stato, in quanto anche lo Stato persegue i fini degli associati che ne fanno parte. I fini sono previsti dai poteri dello stato in rappresentanza all'intera comunità.

Per perseguire i determinati fini, gli enti pubblici sono soggetti ad attribuzioni, fasci di poteri amministrativi che non esauriscono ciò che l'ente possa fare, ma ne delimita solo i poteri amministrativi. Le attribuzioni vengono poi distribuite all'interno dell'ente fra i suoi vari organi secondo varie competenze. L'ente pubblico, inoltre, ha i poteri che scaturiscono dal diritto privato per il semplice fatto che è comunque una persona giuridica.

Competenze e attribuzioni possono essere divise secondo quattro criteri: materia, destinatari, territorio e dimensioni.

Il cittadino è il principale portatore di interessi legittimi rispetto alle finalità perseguite dagli enti pubblici (come del resto per quelle perseguite dalla pubblica amministrazione). In base a questa considerazione gli organi direttivi dell'ente pubblico dovrebbero privilegiare i processi che creano valore per l'utente finale-cittadino (i processi primari), rispetto a quelli di supporto e a quelli burocratici.

Tuttavia, non sono oggetto di reato azioni come la stipula di mutui, garantiti col patrimonio dell'ente, per pagare spese di rappresentanza, spese di trasferta e collaborazioni.

Nel caso in cui l'ente pubblico goda di autonomia economica, questo non è soggetto a vincoli di bilancio per l'incremento delle voci di costo e delle passività, o a provvedimenti che vietano l'indebitamento, garantito con il patrimonio dell'ente; fra i contratti introdotti dala legge Biagi, quelli che non prevedono un monte-ore (come le collaborazioni a progetto) consentono ai dirigenti che gestiscono i fondi di assegnare lavori (e relativi aumenti retributivi) senza concorso pubblico.

Il controllo sull'attività degli enti pubblici si avvale principalmente della possibilità di tagliare i finanziamenti e di rimuovere i vertici dall'incarico, piuttosto che di sanzioni penali per una gestione non rispettosa dei compiti assegnati agli organismi dirigenti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Paolo Monti, La Pubblica Amministrazione in Il diritto...e il rovescio, 2ª ed., Bologna, Zanichelli [marzo 2004], 15 febbraio 2006, p.50.
  2. ^ Paolo Monti, Caratteri generali del diritto in Il diritto...e il rovescio, 2ª ed., Bologna, Zanichelli [marzo 2004], 15 febbraio 2006, p.20.
  3. ^ Paolo Monti, Caratteri generali del diritto in Il diritto...e il rovescio, 2ª ed., Bologna, Zanichelli [marzo 2004], 15 febbraio 2006, p.20.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Paolo Monti La Pubblica Amministrazione in Il diritto...e il rovescio 2ª ed., Bologna, Zanichelli marzo 2004, 15 febbraio 2006

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]