Porrima

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Porrima A / B
γ identifica Porrima nella costellazione della Vergineγ identifica Porrima nella costellazione della Vergine
Classe spettrale F0 V / F0 V
Distanza dal Sole 38,6 anni luce
Costellazione Vergine
Coordinate
(all'epoca J2000.0)
Ascensione retta 12h 41m 39,6s
Declinazione -1° 26′ 58″
Dati fisici
Raggio medio 1,2 / 1,2 R
Massa
1,5 / 1,5 M
Temperatura
superficiale
7100 / 7100 K (media)
Luminosità
4 / 4 L
Dati osservativi
Magnitudine app. +2,74 (3.65 / 3.56)
Magnitudine ass. +2,38 (3.12 / 3.14)
Velocità radiale -20 km/s
Nomenclature alternative
Porrima, Arich, 29 Virginis, Gl 482 A/B, HR 4825/4826, BD -00°2601, HD 110379/110380, LHS 2604, LTT 4843/4844, GCTP 2924.00, SAO 138917, GC 17270, ADS 8630, CCDM 12417-0127, LFT 937/938, HIP 61941, TD1 16433, WDS 12417-0127

Porrima è la stella γ Virginis (γ Vir / 29 Virginis), la seconda stella più brillante della costellazione della Vergine, dopo la stella Spica (α Virginis). Si trova a circa 38 anni luce di distanza dalla Terra.

Porrima è una stella binaria e fu una delle prime stelle multiple scoperte. Un missionario in India, tale Richaud, la scoprì nel 1689. William Herschel misurò il suo angolo di posizione nel 1781, e suo figlio, John Herschel, calcolò la sua orbita nel 1833.[1] Fino agli inizi degli anni 90 del novecento era un oggetto facile da osservare, ma la distanza apparente tra le due stelle del sistema binario è andata diminuendo fino al 2007, per poi tornare ad aumentare.

Osservazione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di una stella situata nell'emisfero celeste australe, ma molto in prossimità dell'equatore celeste; ciò comporta che possa essere osservata da tutte le regioni abitate della Terra senza alcuna difficoltà. Essendo di magnitudine 2,7, la si può osservare anche dai piccoli centri urbani senza difficoltà, anche sotto cieli moderatamente inquinati.

Il periodo migliore per la sua osservazione nel cielo serale ricade durante i mesi della primavera boreale, che corrispondono alla stagione autunnale nell'emisfero australe. Il periodo di visibilità rimane indicativamente lo stesso, grazie alla posizione della stella posta a poco più di 1° dall'equatore celeste.

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica wikitesto]

Porrima è composta da due stelle praticamente identiche nel valore della magnitudine apparente (+3,48 e +3,50), entrambe con una massa una volta e mezzo quella solare. Entrambe sono stelle della sequenza principale di tipo spettrale F0V[2] [3] con una temperatura di 7000 K.

La luminosità delle due stelle, prese singolarmente, è 4 volte maggiore di quella solare. Il periodo orbitale del sistema è di 170 anni mentre la separazione media tra le due stelle è di 40 UA, approssimativamente la distanza tra Plutone e il Sole, l'orbita eccentrica porta però le due stelle da distanze comprese fra 5 e 81 U.A..[4] La magnitudine congiunta del sistema è di +2,74.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Porrima deriva dal latino e si riferisce ad una dea della mitologia romana, invocata per la prevenzione e la protezione dei parti dei nascituri. La stella era conosciuta come Prorsa e Prosa nel II secolo.[5]

In Babilonia era conosciuta come Kakkab Dan-nu, "la Stella dell'eroe", mentre in Cina veniva chiamata Shang Seang, l'"Alto ministro dello Stato".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Double stars to follow. Prairie Astronomy Club)
  2. ^ Dati astronomici di Porrima A (SIMBAD)
  3. ^ Dati astronomici di Porrima B (SIMBAD)
  4. ^ Porrima (Stars, Jim Kaler)
  5. ^ Porrima (The Fixed Stars)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni