Percy (famiglia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Casato di Percy
House of Percy.png
Stato Regno d'Inghilterra, Regno Unito
Titoli
Fondatore William de Percy, I barone Percy
Attuale capo Ralph Percy, XII duca di Northumberland
Data di fondazione 1067

I Percy (francese antico Perci) furono la più potente famiglia nobiliare del nord dell'Inghilterra per gran parte del Medioevo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia discendeva dal normanno William de Percy che percorse la Normandia fino ad arrivare in Inghilterra con Guglielmo I al principio del dicembre 1067 e ristrutturò il Castello di York nel 1070.

Il nome trae origine dal villaggio di Percy-en-Auge in Normandia, la dimora della famiglia al tempo della conquista normanna[1].

I membri hanno detenuto i titoli di Conte di Northumberland o Duca di Northumberland fino ad oggi, oltre a Barone Percy ed altri titoli.

Come accaduto anche ai loro rivali, i Neville, il cognome Percy fu trasmesso due volte da madre a figlio: nel XII secolo la linea originale Percy era rappresentata da Agnes de Percy, baronessa Percy, il cui figlio avuto da Joscelin di Lovanio conservò il cognome Percy. Nuovamente nel XVIII secolo, l'ereditiera Elizabeth Percy sposò Sir Hugh Smithson, che adottò il cognome Percy e fu creato Duca di Northumberland[2].

I nomi ricorrenti nella genealogia Percy includono Henry (primogenito del VII Barone ed i suoi dieci immediati successori, incluso il I Conte ed Harry Hotspur), Hugh (primogenito del I Duca), Joscelin (primogenito di Joscelin di Lovanio), ed Algernon (primogenito del I Barone come soprannome: Aux Gernons o "con i baffi").

Esponenti di spicco della famiglia sono:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alexander Rose, Kings in the North. The House of Percy in British History, London, Phoenix, 2003, pp. 26–7, ISBN 1 84212 485 4. URL consultato il 21 maggio 2011.
  2. ^ Alexander Rose, Kings in the North. The House of Percy in British History, London, Phoenix, 2003, pp. 86–9, ISBN 1 84212 485 4. URL consultato il 21 maggio 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]