Pedobear

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Il termine pedobear si riferisce ad un fenomeno di Internet diventato popolare attraverso l'imageboard 4chan[1]. Come suggerisce il nome ("pedo" è una abbreviazione per pedofilia), si tratta di un personaggio, un orso pedofilo.[2]

L'immagine di Pedobear è stata erroneamente attribuita a mascotte per i pedofili, ed i cosplayer che hanno interpretato il personaggio sono stati accusati a loro volta di pedofilia[1][3], dopo che il dipartimento dello sceriffo di San Luis Obispo County aveva emesso un avviso che Pedobear era un segnale della presenza di pedofili o di altre persone con comportamenti sessuali inappropriati.[4]

Il personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio dell'orso si è originato sul bulletin board system di un celebre sito web giapponese 2channel, dove è stato presentato col nome Kumā (クマー?), che è una interiezione della parola Kumā (くま?) che vuol dire appunto "orso" in giapponese. Nella sua prima apparizione, risalente al 2003, il personaggio era semplicemente una stringa in Codice ASCII:

くまくま━━━━━━ヽ( ・(ェ)・ )ノ━━━━━━ !!!

In seguito si è evoluto attraverso diverse iterazioni, sino a raggiungere nel post # 590 dello stesso thread la forma con cui è attualmente conosciuto[5]:

   ∩___∩
   | ノ  ヽ
  / ●     ● | クマ──!!
  |    (_●_)  ミ
 彡、    |∪|      `\
/ __  ヽノ /´>  )
(___)   / (_/
 |       /
 |  /\ \
 | /     )  )
 ∪    (  \
       \_)

Nonostante l'immagine di Pedobear arrivata in Europa e negli Stati Uniti, Kumā non fosse associata ad alcun tipo di comportamento sessuale, il Pedobear è diventato un'icona ricorrente nel Web da quando il sito 4chan[2] ha adottato il personaggio come per riferirsi e deridere coloro che richiedevano o inviavano immagini sessuali di minori.[6]

In breve tempo, Pedobear ha acquisito notorietà anche al di fuori del sito 4chan, grazie ai riferimenti ad esso fatti da parte di testate giornalistiche e siti web, che lo hanno reso un fenomeno di Internet.

Riferimenti a Pedobear[modifica | modifica wikitesto]

In diversi filmati postati sul sito di video sharing CollegeHumor, Pedobear è stato associato allo scandalo dei casi di pedofilia all'interno della Chiesa cattolica.[7]

Il 3 luglio 2009, l'artista canadese Michael R. Barrick ha creato due immagini composite [8] che ritraevano Pedobear insieme a Miga, Quatchi, Sumi e Mukmuk, le mascotte dei XXI Giochi olimpici invernali del 2010. Una delle due immagini si basa sul materiale originale, mentre l'altra su una fanart creata da Angela Melick.[9] Questa immagine è stata poi erroneamente utilizzata da altri media[10], in particolar modo dal quotidiano polacco Gazeta Olsztyńska sulla prima pagina dell'edizione del 4 dicembre 2010 in un articolo sulle olimpiadi di Vancouver.[11][12]

Il 24 luglio 2009, un articolo[13] dell'opinionista conservatore Pat Buchanan relativamente ai primi mesi della presidenza di Barack Obama era completato con una immagine di Pedobear, cosa che ha generato molte reazioni anche da parte di commentatori non politici.[10]

Nel giugno 2010, un collage in feltro che raffigurava le più importanti icone dei videogiochi e della cultura di Internet, in cui era incluso Pedobear, è stato presentato in occasione del The Renegade Craft Fair a Brooklyn.[14] Altri usi di Pedobear includono dei wallpaper su iStockphoto[10], una copertina della rivista Import Tuner[10], e la pubblicità di un negozio di Portland che soltanto accidentalmente ha utilizzato una mascotte simile a Pedobear, benché poi la notizia sia stata ripresa da alcuni notiziari, che hanno raccontato una dettagliata storia di Pedobear.[10]

Una persona vestita da Pedobear è stata vista al San Diego Comic-Con International 2010, mentre distribuiva caramelle ai bambini e si faceva fotografare con loro, fino a quando la polizia locale non lo ha allontanato dai locali. Gli ufficiali di polizia di San Diego in seguito hanno inviato un comunicato ai mass media locali, avvertendo i genitori che l'immagine di Pedobear può indicare la presenza di pedofili.[4] Due stazioni televisive locali, KSBY e KCOY-TV, hanno anche trasmesso il comunicato della polizia.[15]

In seguito fu rivelato che il dipartimento era a conoscenza che Pedobear era uno scherzo generato su Internet[4], ma che i pedofili avrebbero potuto averlo adottato come propria mascotte. Il dipartimento di polizia di Tulsa, ed una stazione televisiva locale hanno falsamente riportato che la persona che indossava il costume era un molestatore.[16]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Amy Graff, California police warn parents of pedophilia mascot, San Francisco Chronicle, 14 settembre 2010.
  2. ^ a b Jon Kelly, BBC News - The strange virtual world of 4chan, Bbc.co.uk, 31 agosto 2010. URL consultato il 13 settembre 2010.
  3. ^ Sheriff's department warns parents of Pedo Bear image, KSBY-TV, 9 settembre 2010.
  4. ^ a b c Stupid California Police Warn Parents of Pedobear, the 'Pedophile Mascot' (Updated), Gawker, 12 settembre 2009. URL consultato il 12 settembre 2010. San Luis Obispo County Sheriff's Department Public Information Bulletin "A Seemingly Innocent Menace. An introduction to "PEDO BEAR" page 1 and Page 2
  5. ^ くまくま━━━━━━ヽ( ・(ェ)・ )ノ━━━━━━ !!!, 2se.dyndns.org. URL consultato il 3 agosto 2010.
  6. ^ Pedobear, Know Your Meme, 2009. URL consultato il 23 ottobre 2010.
  7. ^ Pedobear "Doubt" Trailer - CollegeHumor video, CollegeHumor, 2 giugno 2009. URL consultato il 3 agosto 2010.
  8. ^ Michael R. Barrick - New Mascot Added to the Vancouver 2010 Team, LiveJournal. URL consultato il 3 agosto 2010.
  9. ^ Gallery, SpikeComix.com. URL consultato il 3 agosto 2010.
  10. ^ a b c d e Robert Quigley, Vancouver and More: 5 Times Pedobear has Infiltrated the Real World, Geekosystem, 7 febbraio 2010.
  11. ^ Matthew Moore, Polish newspaper claims 'Pedobear' is 2010 Vancouver Olympic mascot, The Daily Telegraph, 8 febbraio 2010.
  12. ^ 'Pedobear' an Olympic mascot?, Toronto Sun, 10 febbraio 2010.
  13. ^ Patrick J. Buchanan, Is Obamania Over?, Taki's Magazine, 24 luglio 2009.
  14. ^ Craftzine.com blog : Pixl Pushr Felt Collages, Craft, 7 giugno 2010. URL consultato il 3 agosto 2010.
  15. ^ Sheriff's department warns parents of Pedo Bear image, KSBY-TV, 9 settembre 2010. URL consultato il 12 settembre 2010.
  16. ^ Pedobear Panic Hits Tulsa, gawker.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

web Portale Web: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di web