Partito Liberale Colombiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Partito Liberale Colombiano
Partido Liberal Colombiano
Logo del Partido Liberal Colombiano.jpg
Leader César Gaviria
Stato Colombia Colombia
Fondazione 16 luglio 1848
Sede Bogotá D.C.
Ideologia Socialdemocrazia,
Liberalismo sociale,
Progressismo
[senza fonte]
Collocazione Centro-sinistra
Affiliazione internazionale Internazionale Socialista
Seggi Camera
37 / 166
Seggi Senato
17 / 102
Organizzazione giovanile Juventud Liberal Colombiana
Sito web www.partidoliberal.org.co

Il Partito Liberale Colombiano (spagnolo: Partido Liberal Colombiano) è un partito politico colombiano di orientamento socialdemocratico e socioliberale e posizionato a centro-sinistra nel panorama politico della Colombia.

Il partito è stato fondato nel 1848 dal generale Francisco de Paula Santander. Il PLC aderisce all'Internazionale Socialista. Molti esponenti del partito hanno ricoperto la carica di Presidente della Colombia. Durante il periodo noto come La Violencia (1946-1958), il partito si spaccò in due vere e proprie fazioni, e non si presentò alle elezioni del 1951 e del 1953, provocando la "travolgente" vittoria dei conservatori, (con quasi il 99% dei consensi). A seguito della caduta del regime dittatoriale del generale Gustavo Rojas Pinilla, la Costituzione rientrò in vigore e si crearono i presupposti per nuove elezioni democratiche. Tuttavia i liberali e il partito conservatore raggiunsero un accordo per condividere il potere nel cosiddetto Front Nacional (1958-1974). Esso prevedeva che:

  • I posti di tutte le istituzioni (dalla Camera dei deputati, al governo, ai consigli municipali ecc) venissero spartiti in modo equo dai due soli partiti storici con l'eccezione del solo esercito.
  • tutti i decreti discussi nelle assemblee elettive (nazionali e locali) dovevano essere approvati con una maggioranza dei 2/3.
  • La durata dell’accordo era di 16 anni e la Presidenza della Repubblica sarebbe spettata una volta ai liberali e una volta ai conservatori, nel rispetto della parità dei poteri e dell'alternanza.

Il periodo del Front Nacional portò un periodo di sviluppo e benessere nel paese (il numero degli omicidi per 100.000 abitanti passano dai 40 del 1959 ai 22 del 1970!) ma permise la diffusione della corruzione nella classe dirigente e di un portentoso sistema clientelare, assieme ad una pesante burocratizzazione delle istituzioni locali. Nel 1968 vennero approvate delle norme che avrebbero garantito la graduale fine del regime del Front Nacional: le prime elezioni realmente democratiche si svolsero nel 1974 e videro la vittoria dei liberali. Per il successivo ventennio, nelle legislative, il Partito liberale vinse ininterrottamente ogni tornata elettorale, mentre nelle consultazioni presidenziali si registrò una certa alternanza con i Conservatori. Con la riforma costituzionale del 1991 il predominio dei liberali non subì ripercussioni ma nel 2002 con l'elezione di Uribe a presidente della repubblica, il quadro politico subisce una ventata di novità.

Si è collocato all'opposizione del governo dell'ex liberale Álvaro Uribe considerato come populista e di destra. I liberali hanno rappresentato il gruppo più numeroso al Congresso Nazionale Colombiano.

Elezioni legislative: risultati[modifica | modifica wikitesto]

Anno elezioni consensi % votanti %
1945 63 38
1949 53,5 63
1958 58 69
1966 44,5 52
1972 46 36
1974 57 55,6
1978 33 55,2
1982 45 55,3
1984 54,4 38
1986 48,2 43
1990 59,2 55,4
1994 56 25

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]